COMUNITA' PROVVISORIA

terra, paesi, paesaggi, paesologia _ il BLOG

Vinicio Capossela e il Formicoso

 

Corriere della Sera  17.8.2008 /  Un concerto per fermare la costruzione del «grande buco» da tre milioni di tonnellate /   DISCARICA, LA SFIDA DI CAPOSSELA

MILANO — Domani, in Campania, riaprirà il fronte anti- discariche. Per ora non con le barricate, ma con un concerto di Vinicio Capossela. Ad Andretta, altipiano del Formicoso, Alta Irpinia, dove sorgerà (il 25 agosto inizieranno i carotaggi per saggiare la consistenza del terreno) quella che tecnicamente si chiama «piattaforma polifunzionale», già ribattezzata dalla gente di qui il «grande buco» o «la discarica delle discariche», un sito capace di inghiottire fino a tre milioni di tonnellate di «rifiuti solidi urbani provenienti da tutta la regione, più tutto il resto: monnezza tossica, tracce radioattive e altre schifezze».
Il «grande buco» verrà realizzato a 900 metri d’altezza, in mezzo a una serie di parchi eolici. È uno dei dieci siti individuati per decreto legge dal Governo per risolvere l’emergenza rifiuti campana: «Una decisione sciagurata, c’è il rischio di trasformare questa terra in uno degli immondezzai d’Europa ». È la prima volta che un artista da classifica s’impegna in questa causa. Prima di Capossela ha fatto sentire la sua voce un altro cantautore, il napoletano Pino Daniele, che si è detto favorevole alla linea dura del Governo: «Immagino che chi vive a Napoli si sia trovato in una situazione terribile», risponde Capossela. «Ma non credo che sia una bella cosa stare zitti e ringraziare per quello che sta succedendo. Le discariche vengono decise per decreto in luoghi scelti per la bassa intensità della popolazione sperando di incontrare la minore opposizione possibile».
Un concerto per dire di no alla mega-discarica organizzato da Legambiente e da una ventina di sindaci dell’Alta Irpinia (qui si produce il 5% dei rifiuti della Campania), che, prima di erigersi a «barriera umana» contro l’apertura del sito, giocano la carta dell’happening musicale per sensibilizzare e chiamare a raccolta chi da quelle parti ci abita. Non è un caso che Capossela, nato ad Hannover, artisticamente cresciuto a Milano, artista più da club fumosi che da barricate, sia il portavoce di quella che potrebbe divenire la nuova prime linea del fronte anti-discariche. Sua madre è di Andretta: «Una realtà che conosco bene e posso assicurare che si tratta di un progetto brutale, che non tiene conto del territorio ma fatto in nome di altri interessi ». La sua opinione sull’operato del governo e del governatore Bassolino in materia di rifiuti è netta: «L’immagine di Berlusconi con la scopa è demagogica. Ma non basta nascondere lo sporco sotto il tappeto per avere la casa pulita». C’è il rischio, però, che anche ad Andretta come a Chiaiano prevalgano i violenti. «Io penso che un cittadino non si metta a incendiare i cassonetti di suo. Bisogna essere addestrati e pagati per farlo. E incivile è anche legiferare per decreto e poi mandare l’esercito ».

(Giuseppe / dedalus85: ps: sul rischio paventato dal giornalista che “prevalgano i violenti” meglio non commentare, magari bisognerebbe invitarlo in alta irpinia a conoscere questa realtà e queste popolazioni)

- – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – -

la manifestazione inizierà alle 18 e andrà avanti fino all’alba
Capossela animerà l’intero evento insieme agli altri artisti che raggiungeranno man mano il formicoso
l’idea di capossela è riprendere il masto di festa agostano dei nostri paesi
PORTATEVI scarpe comode, maglioncino, panino, frutta e acqua; una stuoia per stendervi
Per ragioni di sicurezza chiuderanno la 303 al bivio della 91, quindi per chi arriverà dalle uscite autostradali della Napoli-Bari, Vallata o Lacedonia, ci saranno 3 – 4 km. da fare a piedi.
E’ scoraggiante ma non ci sono alternative …
Chi arriverà dalla Contursi-Lioni conviene salire ad Andretta via Ofantina (uscita Conza)e lasciare la macchina nel centro di Andretta; anche da qui ci sono un paio di km. a piedi …

- – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - –

Coordinate geografiche per raggiungere il Formicoso col navigatore

area concerto (pero spaccone – pisciolo)  N 40° 58′ 04″   E 15° 19′ 40″

andretta (bivio per pero spaccone)  N 40° 57′ 03″   E 15° 19′ 03″

 - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - –

il Blog di beppe grillo per il Formicoso
http://beppegrillo.meetup.com/415/calendar/8561601/

ok notizie (virgilio) per il Formicoso
http://oknotizie.alice.it/info/21e01a31e87629c4/vinicio_capossela_lunedi_18_

SonicBands, portale della musica per il Formicoso
http://www.sonicbands.it/news-comunicati-stampa/100521-vinicio-capossela-luned-18-agosto-concerto-sullaltopiano-del-formicoso.html

Roma Indymedia per il Formicoso
http://roma.indymedia.org/printable/node/4202

Corriere della sera per il Formicoso
http://www.corriere.it/cronache/08_agosto_17/capossela_rifiuti_rizzo_f1618f48-6c39-11dd-9087-00144f02aabc.shtml

Il Manifesto per il Formicoso
http://www.ilmanifesto.it/Quotidiano-archivio/15-Agosto-2008/art66.html

Blog Italia per il Formicoso
http://www.blogitalia.it/leggi_blog.asp?id=7396&idgeopost=5370

Vita no-profit per il Formicoso
http://beta.vita.it/news/view/84501

Napolionline / La Repubblica Napoli / Conchita Sannino per il Formicoso
http://www.napolionline.org/index.php?option=com_content&task=view&id=13133

Irpinianews per il Formicoso / aderisce l’ArciVescovo di Sant’Angelo dei Lombardi  / / / Renzo Arbore e Rodolfo Salzarulo / appello per il Formicoso ieri sera davanti a 10.000 spettatori http://www.irpinianews.it/Politica/news/?news=34451

About these ads

4 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. cari comunitari
    questa è la nostra festa.
    prima che un concerto è una manifestazione di lotta.
    non è l’abitato da spettatori che bisogna indossare ma quello da protagonisti…..
    grazie ad angelo, come sempre impeccabile e operativo…
    armin

    armin

    18 agosto 2008 at 10:49 am

  2. http://napoli.repubblica.it/dettaglio/I-sindaci-irpini:-lasciamo-la-Campania/1502364

    La Repubblica di Napoli titola in prima pagina IRPINIA: MUSICA RIBELLE e all’interno l’articolo di Conchita Sannino:

    I sindaci irpini: lasciamo la Campania/ Oggi il concerto di protesta contro la mega-discarica del Formicoso (di Conchita Sannino)

    La vecchia “Station Wagon Mercedes”, che doveva essere bianca, resta in panne sotto il sole e come fosse un gioco calcolato al millesimo lascia il cantautore dell´ironia, il Capossela beffardo, proprio là in mezzo: tra i paesi dell´infanzia dei suoi genitori, piantato alle porte del Calaggio, nel verde quieto dell´Irpinia che lui è venuto quaggiù a difendere con i suoi pezzi, con la sua band e le unghie dalla discarica e dalla colonna di compattatori. Una difesa che diventa offensiva politica e culturale. E in questo lunedì di mezza estate si trasforma in concerto, spettacolo, musica popolare. Dal pomeriggio fino all´alba, nel Formicoso.
    Eccolo infine, alle 7 di sera, Vinicio Capossela: raggiunto da un amico, arriva nel centro sociale di Andretta, sole che scivola a favore delle ombre, abbraccia gli amici dei comitati e di Legambiente che si oppongono alla costruzione della megadiscarica prevista ormai da una legge di Stato. La conferenza stampa tra i tavolini semplici di un locale di fronte alla futura pattumiera – per spiegare nel dettaglio itinerario e obiettivi della no-stop in programma oggi – è già spettacolo.
    «Ballerò e canterò con gli altri, con la mia gente, ma non soltanto perché è la mia gente», racconta Capossela in mezzo a 300 persone, tanti i fan. Dopo le interviste rilasciate ieri dal cantautore ai maggiori quotidiani sulla mobilitazione per il Formicoso, l´artista provoca: «Sono stupito che una battaglia così importante riesca a prendersi le prime pagine dei giornali soltanto perché c´è un musicista più o meno noto, e non per le motivazioni serie spiegate dai sindaci nel manifesto: “Aderite ai nostri sì, aderite ai nostri no”. Dobbiamo ragionare su un sistema mediatico – continua Capossela – che sembra più interessato alle azioni delle persone dello spettacolo che ai problemi della terra, ai rischi che pesano sull´aria, sul verde e il futuro di tutti».
    La giornata di mobilitazione prevede dalle prime ore di stamane le visite guidate nei centri storici dei paesi dell´alta Irpinia. Nel pomeriggio, a partire dalle 17, in località Pero Spaccone, comune di Andretta, dove è prevista la mega-discarica, l´esibizione di Vinicio Capossela insieme a tanti altri artisti. Partecipa anche il paesologo Franco Arminio. E poi “Tonuccio e la B. band, con la quadriglia figurata di Batticulo”.
    I sindaci dell´intera area del Formicoso – zona di fieno doc destinato alle bufale della regione, di vini premiati nel mondo e di agricoltura biologica – hanno firmato un manifesto dai toni duri, in cui si avverte, tra l´altro, che «il rifiuto del dialogo da parte dei rappresentanti dello Stato finirebbe per acuire la frattura con i cittadini, ponendo seri problemi di tenuta democratica del Paese»; che si sta «valutando la possibilità di separazione» dalla Regione Campania. I sindaci aggiungono che «intraprenderanno tutte le iniziative legali a tutela della integrità del territorio irpino, a costo di mettere a rischio la propria vita: perché le proprie aspettative future non siano calpestate dalla discarica nel polmone verde della Campania».
    Una rabbia che da ieri sta anche dentro la “voce” del Formicoso, Capossela. «Non si spiega come una landa di terreno come l´alta Irpinia che è in linea con i parametri della differenziata a livello europeo, invece di essere premiata, sia punita – dice lui – . Bisogna valorizzare chi fa bene. E ridurre a monte la produzione dei rifiuti. Sono allucinato che un presidente del Consiglio, comunicatore imbattibile, affidi la sua politica sul tema a qualcosa che è un simbolismo littorio, lo spazzolone».

    dedalus

    18 agosto 2008 at 12:17 pm

  3. tutti gli irpini al Formicoso per continuare la propria storia
    La storia siamo noi con le nostre partecipazioni mentali, sentimentali, umorali. Tutto dipende da come noi volontariamente ci collochiamo all’interno di questo orologio. Abbiamo un improcrastinabile impegno con le cose,il territorio , le persone , la vita e non ci è dato nasconderci. La storia è fatta di cose semplici “piatto di grano”, vento tra le pale, fiori di campo,giovani innamorati, anziani che sognano non “bombe atomiche”, “nazionalismi”, “imperialismi”, “guerre politiche, economiche e di religioni”, Pil e bilanci ,ordine pubblico, discariche e termovalorizzatori ecc. ecc.
    http://www.mauroorlando.it

    mercuzio

    18 agosto 2008 at 4:31 pm


I commenti sono chiusi.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 53 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: