COMUNITA' PROVVISORIA

terra, paesi, paesaggi, paesologia _ il BLOG

Comunità provvisoria e capitona

E’ una cosa leggera ma complicata. Festiva e feriale insieme. Una cosa tipicamente freudiana, la mia. Quella che vi scrivo, miei amici della post/Irpinia (e della nostra Sposta/irpinia provvisoria via web). Avevo letto comunità “angiullesca” invece che comunità “anguillesca”. Così come in effetti l’aveva scritta Franco Festa, post di un mio “affondo” (nel senso che io stesso vado steso a fondo, nel mare d’Irpinia. E/o nel pro-fondo. O nel tondo. Che io stesso mi arravoglio nel web. Non so, vedete Voi.) E io, riprendendo l’equivoco, il quiproquo, dicevo tra me e me, come Totò: “Ma chissà questo Festa dove vuole arrivare? Che vuole dire con “angiullesca”? Forse che “i provvisori” sono angiulli?, fanciulli?, aucielli? O forse sono angiulilli che volano sul presepe post-irpino? Sono, siamo?, una scassata comunità presepiale volante? Votante, vuotante, ruotante?,  pasture d”a meraviglia? Chissà!! M’era rimasto quest’alone di mistero “angiullesco” quando, mangianno ‘o capitone, ‘a notte ‘e Natale, ho finalmente connesso, associato, corretto l’errore. Il lapsus, l’equivico! Sono andato perciò a rileggere il Franco per la santa Festa. Si, era proprio scritto “anguillesca”, da anguilla. Intendendo dire che quella dei “provvisori” è ‘na comunità che sfugge da tutte le parti. Che capitona e sanamente capi-tombola. Che più la scassi, più la tagliuzzi ad arte harminiana, …. più la spezzetti e quella più se move ancora. Indivisibile per parti, per partenogenesi, per partenogenerosi. Vedete voi, fate voi. Una comunità-capitona che fuje, fuje sempre, scassata e bbona!!. E’ ‘nu miracolo! Ed io penso che il capitone ha avuto successo da queste parti d’Italia perché ha una sua vita interna insopprimibile. Sintesi di una società sfrantummata e parcellizzata. Ma assolutamente vitale. Una società post-sociale che, benché divisa in mille rivoli, resiste ancora, nonostante ‘a munnezza Sovrana!!! La vita del capitone è associabile a quella ignifuga di San Gennaro: è una e trina. Magari, se si vuole, con rispetto parlando, anche cinquina. E perfino tombola, capi-tombola, appunto!) Tornando a noi, ai pasturi d’ ‘a meraviglia dell’altairpinia (nel senso che ci meravigliamo ancora, e perciò scriviamo -anzi, scrivono- poesie, che belle!!, bravi!!!), Franco Festa mi ha convinto sul senso di questa insieme vitale: sono, siamo?, capitoni. Sono, siamo?, comunità-capitone. Autenticamente provvisoria, insopprimibile, d’alta quota (e d’alta quotazione). Niente unità. Siamo, sono?, sparpagliati e vicoli al contempo. Come pezzi di capitone senza capitano. Una sana e innovativa comunità-capitone, imprendibile ed invendibile perché sfuggente alle logiche comuni & comunali (e provinciali) . Perché siamo, sono?, senza corpo centrale. Comunità-guerrigliera culturale sulle montagne sannitiche. Alla Sergio Leone, vero genio della recente Irpinia, profeta della post/irpinia, a leggerlo con disinibizione “capitonesca”. Una comunità senza comunioni, quindi. Solo cresime e cresimati, rigorosamante orfani e senza padrini (e padroni). Solo estreme f-unzioni è finzioni comunitarie. Siamo sp-unti (& spuntoni acuti) del Signore! Saluti innovativi,  Eduardo Alamaro

Written by comunitaprovvisoria

27 dicembre 2007 a 2:50 PM

2 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. una cosa davvero pericolosa dei council come della CP come del Forum sono i forum prolissi, i discorsi fiume alla Fidel Castro, i fumosi discorsi degli anonimi. Per dirla chiara non si capisce una mazza.
    Ce la facciamo ad essere sintetici e con un linguaggio chiaro a tutti pure a me che ho la terza media serale?
    ai posteriori l’ardua sentenza

    AR

    27 dicembre 2007 at 4:56 PM

  2. Grazie dell’uso magico delle parole, e del tocco di allegria intelligente e beffarda che porti..Speriamo vada come dici tu!

    franco festa

    28 dicembre 2007 at 5:58 PM


I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: