COMUNITA' PROVVISORIA

terra, paesi, paesaggi, paesologia _ il BLOG

LA TERRA SI È SCOSSA

lunedì, aprile 06, 2009

Oggi la terra si è scossa.

vita nuova (dalle macerie) a. luongo

In pochi attimi

è stata distrutta la fatica,

il sudore di una vita;

tanti amici rifiutati dalla terra

si sono sentiti accolti da Dio.

Anche se in luoghi diversi

ognuno aveva l’appuntamento con Dio.

Io sono lontano da quella terra,

eppure anch’io mi sento scosso,

anch’io mi sento strappato,

con il pianto in gola.

Mi sento accumunato

a questo dolore

pienamente,

pur nel mistero

di questo incontro improvviso con Dio.

( Per tutti gli amici dell’ABBRUZZO )

Written by fornaitec

6 aprile 2010 a 5:38 am

3 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. ….ma chi una buona volta potrà spiegare al Presidente B. che sotto quelle macerie ci sono delle vite spezzate,delle storie violentemente incompiute e che i figli superstiti non possono colmare queste perdite con prefabbricati con salottini in similpellle “stile aiazzone” …un televisore per intrattenersi con gli “am…ici” della…. de Filippi o i naufraghi della Ventura e ….lo “spumante italiano” per festeggiare un finto ritorno a casa……Mentre i sacerdoti delle varie chiese sono impegnati in ben altre “guerre” e i politici nostrani ,consumato il loro momento di gloria o di sconfitta, riprendono il loro “lavoro usato” al teatrino delle poltrone edelle ipocrisie in nome della “democrazia rappresentativa”…….che squallore e che schifo!!!!!!!
    mauro orlando

    mercuzio

    6 aprile 2010 at 9:54 am

  2. Complimenti ad Antonio……..
    condivido e mi associo!!

    agostinodellagatta

    6 aprile 2010 at 4:37 pm

  3. L’ambasciatore tedesco in Italia Michael Steiner ha dichiarato oggi pomeriggio su Radio2 che gli abitanti di Onna per ritrovare la loro identità perduta dopo il Terremoto hanno bisogno delle loro pietre.

    Per questo “master plan” una squadra di volontari tedeschi ha passato mesi per il recupero di tegole, legno, mattoni e pietre. I nuovo edifici saranno realizzati con questi materiali, l’impiego di nuove tecniche di avanguardia e la partecipazione degli abitanti.

    Questa è la Germania che preferisco, e a cui rivolgersi per il recupero di Borghi millenari, come quello di Onna. Lasciamo le Archistar di Berlino a New York. Grazie Mr Steiner !

    mario perrotta

    mario perrotta

    6 aprile 2010 at 7:55 pm


I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: