COMUNITA' PROVVISORIA

terra, paesi, paesaggi, paesologia _ il BLOG

Ciamàrse fòra (Farsi da parte)

di FABIO FRANZIN

(Turn aside, I said; do not turn back.

There is no forward and no back

In the fields, only the year’s two

Solstices, and patience between.)[1]

A Ernesto Girotto[2]

I

Lo sintìa sì lu el vrunvrun dei tir

carghi de ròba passàr ‘pena de ‘à

dei àrdheni tràdhi su co’ un zhiesón

e i zhochi intassàdhi drio ‘l confìn

del só tochét de tèra, fra ‘e culière

de zhucòi, zhenòci e capuzhi, verdhe

e fasiòi, fra rame de pèrseghi e àmoi,

el fresco butà su dal pozh, caeà zó dae

fòjie dee cassie e dai saézhi; lo sintìa

sì, fra ‘l fis.ciotàr dei oseéti e ‘l crack

dea manèra, o ‘l siénzhio de un ago che

fa passàr un fil pa’a mièsima volta tel

stesso pèr de braghe, a tacàr tacón sora

tacón, pòro Arlechìn de tre cóeori soi:

blè, griso e bèis. I dise che ‘l se sie serà

su, là, eremita vegetariàn, dopo el no

de ‘na morosa. Chissà… quaranta àni

cussì però no’ i basta a spiegàr… ‘sta

eternità pa’ paidhìr un doeór, ‘a deusión

del cuòr! Resta el só eden-presón, tece

sbièghe del secèr, resta ‘e fòjie seche che

core tel cortìo de un mondo sémo de fèro

e plastica, cavi fissi de vose che ‘a pers par

senpre el nome dei fiori, busìe che te un

istante ‘e riva voltra oceani e montagne,

àneme che se vende pa’ cronpàr roba, che

ghe ròba l’aria ai àlbari, el canto a l’aqua.

I

Lo udiva sì lui il rombo dei tir / carichi di merci passare appena di là / degli argini innalzati con una siepe / e bastioni di ciocchi ammucchiati lungo il confine / del suo podere, fra le aiuole / di zucchine, finocchi e cavolo cappuccio, verze / e fagioli, fra rami di pesche e susine selvatiche / la frescura esalata dal pozzo, dall’ombra / del fogliame delle robinie e dei salici: lo udiva // sì, fra il cinguettio degli uccelli e il crack / della mannaia, o nel silenzio di un ago che / trascina un filo per la millesima volta sullo / stesso paio di brache, a saldare rattoppo sopra / rattoppo, povero Arlecchino di tre soli colori: / blu, grigio e beige. Leggenda vuole che si sia esiliato / là, eremita vegetariano, per il rifiuto dell’amata. Chissà… quarant’anni / così però non bastano a spiegare… questa eternità per espiare un dolore, la delusione / di un cuore! Resta il suo carcere-eden, pentole / oblique nel secchiaio, restano le foglie secche che / corrono per l’aia di un mondo idiota d’acciaio / e plastica, di bande elettroniche fitte di voci che hanno perso per / sempre il nome dei fiori, menzogne che in un / istante oltrepassano oceani e montagne, / anime che si vendono per comprare delle cose, che / rubano l’aria agli alberi, il canto all’acqua.

II

Che fa zhavariàr sol a pensarghe,

e me paréa inpossìbie che ‘a fusse

vera, ‘sta storia, co la ‘ò sintìdha.

Che lu ghe ‘a voltà ‘l cul al mondo

intant che ‘a mia ‘a scuminzhiéa,

e sparìa canpi covèrti dai capanóni,

sparìa ‘a miseria e scoréa ‘i schèi

insieme aa smerdèra, ai gipóni

lustri, sparìa i restèi, i vassóri i se

inrudhinìa sot el barco, in banda

ae Mercedes che ciapéa el posto

dei tratori, de mandhe e vedhèi,

‘e stàe mudhàrse in agriturismi e

centri comerciài, pissìne e parchéji

al posto dee cort. Ciamàrse fòra

cussì, ‘vérghe riussìo, po’, a dó

passi daa statàe, intant che ‘rivéa

neri e slavi, qua, intant che tuti

quanti se deventéa sempre pì s.ciavi,

frustàdhi dae vis.ce del progresso,

dai cavi dea técnoeogia. Ciamàrse

fòra seràndose te un tochét de tèra,

servo e parón sol dea piova che bate

tii copi, che smòjia zhope e pensieri,

sol del sol che conzha ‘e semenzhe,

che pitura el but, ‘a fòjia che cresse.

II

Che è pazzesco solo a pensarci, / e mi pareva davvero impossibile che fosse / vera, questa storia, quando l’ho sentita. // Che lui ha voltato le spalle al mondo / mentre la mia iniziava, / e spariva la campagna sepolta dai capannoni, / spariva la miseria e scorrevano i soldi / insieme all’arroganza, ai suv / luccicanti, sparivano i rastrelli, gli aratri / arrugginivano sotto la rimessa, accanto / alle Mercedes che prendevano il posto / dei trattori, di manze e vitelli / le stalle mutarsi in agriturismi e / centri commerciali, piscine e parcheggi / in luogo dei letamai. Farsi da parte // così, esserci riuscito, poi, a due / passi dalla statale, mentre giungevano / neri e slavi, nel territorio, mentre un po’ / tutti diventavamo sempre più schiavi, / fustigati dai nerbi del progresso, / dai cavi tecnologici. Farsi // da parte chiudendosi in un recinto di terra, / servo e padrone soltanto della pioggia che picchia / sui coppi, che inzuppa zolle e pensieri, / solo del sole che alimenta i semi, / che tinge il germoglio, la foglia che cresce.

III

Te ‘na foto de Roiter, scatàdha

pòc prima che ‘l morisse, ‘Nesto

l’é de spàe, ‘i stechi dee ganbe

e dei brazhi nudi scanpàr fòra

da ‘na spèzhie de saio-travèrsa

bèis tut taconà ligà in vita, in testa

un baschét blè fat su co’na strazha,

descàlzh e mèdho cucià a cior su

un manoìn de venchi o de bacheti.

La varde, chea foto, co’ un misto

de rispèto e increduità: e pensando

ai pensieri sui, tramèdho ‘na vita

ligàdha sol a quel che serve par

davéro, te ‘na vita, e nient altro,

pense a ‘sto òn laborioso, che l’à

tajià, spacà, segà e inmucià ‘egne,

montagne de zhochi e spezhóni

come se el fredho fusse l’unica

ròba che fa paura, pì del siénzhio

e dea fame, el fògo ‘na conpagnia

prezhiosa, che scalda e ‘conta, che

tièn distante daa caverna ‘e bestie

e i mostri, crea film sacri, tii muri.

III

In una foto di Roiter, scattata / poco prima della sua morte, Ernesto / è di spalle, gli stecchi delle gambe / e delle braccia nude fuoriuscire / da una sorta di saio-grembiale / beige rattoppato legato in vita, in testa / un baschetto blu imbastito da uno straccio, / scalzo e chino a raccogliere / un fascio di vincastri o ramaglie. // La studio, quella foto, con un misto / di rispetto e incredulità: e provando a immedesimarmi in lui, attraverso un’esistenza / legata solo a ciò che è davvero / indispensabile, in una vita, e a null’altro, / penso a questo uomo laborioso, che ha / tagliato, spaccato, segato e ammucchiato legna, / montagne di ceppi e spezzoni / come se il freddo fosse l’unica / entità cui aver paura, più del silenzio / e della fame, il fuoco una compagnia / preziosa, che scalda e racconta, che / tiene distanti dalla caverna le fiere / e gli spettri, proietta immagini sacre, sulle pareti.

IV

Parché ‘l fògo dovéa èsser

‘na só ossession, l’unica entità

bona de farghe sfesàr ‘a clausura.

Lo dise ‘a storia dea zhesta, quea

che òni tant só sorèa ghe fea catàr,

piena de ròbe ùtii, ‘pena fòra

dei só confini fin prima de ‘verghe

metù nome mat baéngo, e dopo

basta. Prove a imajinàr coss’ che

podhéa èsser drento a chea zhesta:

ceròti, medesine, candée zheriòe,

bende, alcol e fuminanti, vistìti boni,

‘na bòzha de graspa, forse, un pèr

de scarpe… Èco, de tut chel ben

prezhioso lu se portéa casa sol che

‘a scàtoea dei fuminanti; òni volta

só sorèa a ribandonàr là ‘sta zhesta

colma e squasi colma tornarla catàr.

Trar su mure de ‘egne da fògo

e ‘ver senpre pronta ‘na scàtoea

de fuminanti. Che ‘l sie tut qua

el secrèto pa’ vìver sani e sereni?

IV

Perché il fuoco doveva essere / una sua ossessione, l’unica entità / in grado di aprire una breccia alla clausura. // Lo dice la storia della cesta, quella / che ogni tanto sua sorella gli faceva trovare, / piena di cose utili, appena fuori / dai suoi confini finché non gli / urlò dietro matto balengo, e allora / basta. Cerco di immaginarmi cosa / poteva contenere quella cesta: / cerotti, medicine, candele, / bende, alcool e fiammiferi, vestiti buoni, / una bottiglia di grappa, forse, un paio / di scarpe… Ecco, di tutto quel bene / prezioso lui si tratteneva solo / la scatola dei fiammiferi; ogni volta / sua sorella a lasciare là quella cesta / colma e quasi colma ritrovarla. // Innalzare muraglie di legna da ardere / ed aver sempre pronta una scatola / di fiammiferi. Che sia tutto qui / il segreto per vivere sani e sereni?

V

Fòra del só ort-bròeo sonéa

i teéfonini, ‘a zent scomìea

pa’ cronpàr, inmuciàr ròba

fòra dal só rezhinto restà

fòra, forèsto lu, aa storia,

nient ghin sa de internet

dea Lega o grata e vinzhi.

Fòra lu, de testa, o fòra tut

el resto che ‘l va in màeora

senza sèst, gratàndo cuori

e àneme, e ‘l mòre inveenà

senza darte nianca el resto?

V

Fuori del suo orto-brollo squillavano / i telefonini, la gente sgomitava / asservita al consumismo // fuori del suo recinto rimasto / fuori, foresto lui, alla storia, / nulla ha saputo di internet, / della Lega o gratta e vinci. / Fuori lui, di testa, o fuori tutto / il resto che va in malora // malamente, grattando cuore / e anima, e muore avvelenato / senza darti neanche il resto?

VI

Co’l iera descàlzh, i pie

pudhéa te siòe de ‘egno

da lu stess modeàdhe

co’a brìtoea; zhòcoi covèrti

da ‘na slèpa de covertón

catà chissà ‘ndove, pontà

co’ broche. Mònego dea tèra

‘tornà, scavazhatenpo, verso

un só medioevo de espiazhión,

o pì indrìo ‘ncora, fin a tàser

insieme a Reithia[3] cuzhàdhi

de qua dee canèe tea sponda

stonfa de un stagno, intant

che ‘na rana fa plof dai aguàzhi,

un ton sbrèga el siénzhio, ‘a piova

sbusotéa el spècio dea memoria

VI

Quando vagava scalzo, i piedi / appoggiavano su suole di legno / da lui stesso modellate / con la roncola; zoccoli con tomaia fatta / da una fetta di copertone / reperito chissà dove, inchiodato con brocche. Monaco della terra // riemerso, attraverso un sentiero del tempo, verso / un suo medioevo di espiazione, / o più indietro ancora, sino a tacere / accucciato insieme a Reithia / dietro un canneto palustre nella sponda / umida di uno stagno, mentre / una rana si tuffa dalle ninfee, / un tuono lacera il silenzio, la pioggia / tarla lo specchio dei ricordi.

VII

‘Dèss vui pensarlo de sera,

co’l scuro scavéa ‘e só buse

tórbie drento ‘a trincea,

sintìr el tòc tòc dei só passi

strachi su pa’a scàea de ‘egno,

el tonf dei ossi che schinzha

el stramàzh de scartòzhi.

Òci vèrti te che l’inchiostro

tana de sgarpìe e scrèchi,

nido dei siénzhi fissi de ‘na assenza.

Vui pensarlo là come che l’é mort:

statua sbièga, pòro spaventapasseri

piantà tea tera come un cristo aa só crose,

fra i zighi dee zhuìte, un ventesèl

che passa fra ‘e fòjie e ‘a luna

fòra, come el sussùro de un rosario.

VII

Ora voglio pensarlo alla sera, / quando il buio scavava i suoi crateri / torbidi dentro la trincea, // udire il toc toc dei suoi passi / stanchi salire lungo la scala di legno, / il tonfo degli ossi gravare / sul pagliericcio di cartocci. / Occhi spalancati a quell’inchiostro / tana di ragnatele e scricchiolii, / nido dei silenzi fitti di un’assenza. //  Voglio pensarlo nella posa in cui è morto: / statua sghemba, povero spaventapasseri / piantato nella terra come un cristo alla sua croce, / fra le strida delle civette, una brezza / che passa fra il fogliame e la luna / fuori, come il sussurro di un rosario.


[1] (Volgiti a lato, ho detto, non volgerti indietro. / Non c’è un avanti e un indietro / nei campi, soltanto i due solstizi / dell’anno, e la pazienza in mezzo.) dal testo “Aside (A lato) di R. S. Thomas, nella traduzione di Domenico Pezzini, in “Il senso dell’attesa”, Àncora Editrice, Milano, 2010.

[2] Ernesto Girotto è un uomo che ha vissuto per oltre quarant’anni in un podere abbandonato privo di acqua ed elettricità a San Cipriano di Roncade (Treviso), rifiutando qualsiasi contatto col mondo esterno, cibandosi solo di ciò che produceva il suo pezzetto di terra, senza allevare animali e senza acquistare nulla, ed è morto di stenti nel 2003, a 73 anni, inginocchiato al suo pagliericcio, a seguito della grande siccità che colpì le campagne venete. La sua figura è balzata alle cronache prima per merito dei fratelli Roiter, Fulvio e Ignazio, nel libro fotografico “L’uomo senza desideri”, Grafiche Siz, 2005, e, successivamente, di Ermanno Olmi, nel film documentario “Terra Madre”, 2009-

[3] Reithia, detta anche “Gran madre terra”, fu la Dea venerata dai Paleoveneti

Annunci

Written by Arminio

18 maggio 2010 a 10:01 pm

Pubblicato su AUTORI

11 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. splendido

    roberto cogo

    19 maggio 2010 at 8:39 am

  2. Grazie, un bel ricordo, davvero, di un uomo meravigliosamente normale in un mondo di folli.

    ivan Crico

    19 maggio 2010 at 12:42 pm

  3. bellissimo, sembra un racconto altirpino, una sorta di mondo come era prima del terremoto … poi le stalle sono sparite, le case coloniche son diventate ville, le botteghe dei sarti … boutique … ed ora … e poi chissà cosa ancora accadrà !!!!

    giovanni ventre

    19 maggio 2010 at 2:51 pm

  4. Le intense parole di Fabio Franzin “Ciamàrse fòra / cussì, ‘vérghe riussìo, po’, a dó / passi daa statàe, intant che ‘rivéa / neri e slavi, qua, intant che tuti / quanti se deventéa sempre pì s.ciavi, / frustàdhi dae vis.ce del progresso, / dai cavi dea técnoeogia. Ciamàrse / fòra seràndose te un tochét de tèra, / servo e parón sol dea piova che bate / tii copi, che smòjia zhope e pensieri, / sol del sol che conzha ‘e semenzhe, / che pitura el but, ‘a fòjia che cresse” ci fanno riscoprire e meditare su una singolare, toccante vicenda umana. A Fabio il mio apprezzamento per il testo e a tutti un cordiale saluto, Marco Scalabrino.

    marco scalabrino

    19 maggio 2010 at 3:25 pm

  5. Anche a me era giunta la notizia di quest’uomo, ma non sapevo come si chiamasse e nemneo che Roiter e Olmi avessero puntato la loro macchine su questa storia. Grazie Fabio per aver scritto questo.

    Mi colpisce sempre lo sguardo della tua poesia, uno sguardo perimetrale… che però va al cuore delle cose e delle vite umane. Non è un paradosso, credo.

    Alberto Cellotto

    20 maggio 2010 at 11:02 am

  6. “lo sguardo della (…) poesia, uno sguardo perimetrale… che (…) va al cuore delle cose e delle vite umane. Non è un paradosso (…)”.
    Invece è proprio un paradosso: il paradosso del poeta e della poesia. Come Fabio Franzin e la sua poesia. Che peccato non averlo potuto avere a Cairano 7x…sarebbe stata una bellissima serata di inchiostri dialettali intrecciati nel suono della poesia, lì dall’alto della rupe..’Na cosa grande!

    Salvatore D'Angelo

    20 maggio 2010 at 12:44 pm

  7. “Vui pensarlo là come che l’é mort:

    statua sbièga, pòro spaventapasseri

    piantà tea tera come un cristo aa só crose,

    fra i zighi dee zhuìte, un ventesèl

    che passa fra ‘e fòjie e ‘a luna

    fòra, come el sussùro de un rosario.”

    Che altro si può aggiungere a questa chiusura, a queste immagini terribili e tenere se non sentirle recitate nella cadenza dolce del veneto-furlàn..chessò nelle tonalità d’un Dario Fo, ad esempio

    Salvatore D'Angelo

    20 maggio 2010 at 12:51 pm

  8. Grazie a Fabio Franzin per averci fatto conoscere questa figura di persona capace di vivere come il suo cuore e il suo istinto gli dettavano. Talvolta succede di essere scambiati per matti, ma è un prezzo che questi esseri speciali pagano senza curarsene.
    Splendida, fra tutte le altre, l’immagine della scatola di fiammiferi, unico omaggio accettato. Quanto non sappiamo del nostro prossimo! E quanto del nostro tempo sprechiamo ad occuparci di cose e persone insignificanti!
    E’ vero, sentire le parole recitate, sarebbe stato emozionante.
    Grazie Fabio
    Un saluto a tutti.
    Flora Restivo

    flora restivo

    20 maggio 2010 at 4:27 pm

  9. Grazie Fabio, vieni a Cairano, vieni in Irpinia in ogni tempo, sei bravissimo, a presto, G.Calabrese.

    Gaetano Calabrese

    23 maggio 2010 at 8:49 am

  10. Ciamàrse fòra (Farsi da parte)?
    blè, griso e bèis. I dise che ‘l se sie serà

    su, là, eremita vegetariàn, dopo el no

    de ‘na morosa. Chissà… quaranta àni

    cussì però no’ i basta a spiegàr… ‘sta

    eternità pa’ paidhìr un doeór, ‘a deusión

    del cuòr! Resta el só eden-presón

    iside

    25 maggio 2010 at 8:29 am

  11. Stalking è un termine inglese (letteralmente: persecuzione) che indica una serie di atteggiamenti tenuti da un individuo che affligge un’altra persona, perseguitandola. Questo tipo di condotta è penalmente rilevante in molti ordinamenti; in quello italiano la fattispecie è rubricata come atti persecutori. Il fenomeno è anche chiamato sindrome del molestatore assillante.

    iside

    25 maggio 2010 at 8:39 am


I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: