COMUNITA' PROVVISORIA

terra, paesi, paesaggi, paesologia _ il BLOG

GIAMIRA travel

logo per il parco, bozza 2008 anannariello

Giamira Travel è una agenzia di viaggi e tour operator che sta sviluppando un segmento dedicato al turismo della quiete la cui filosofia è sintetizzata dal pay-off  “Viaggiare lontano dai luoghi comuni”; Giamira valorizza e promuove il turismo territoriale in tutte le sue accezioni. In un mondo che naviga sempre più nel mare della globalizzazione, i luoghi che ancora riescono a conservare una precisa identità sono dei veri e propri tesori. L’Irpinia e in generale i luoghi che si caratterizzano come “Villaggi” hanno tanto da donare al mondo del turismo, anche perché aumentano costantemente i turisti in cerca di luoghi che abbiano un anima, in antitesi ai forzati dei villaggi turistici, veri e propri condensati di stress a tutti i costi. In questa ottica ho sviluppato un sito web “ www.irpinando.it “ interamente  dedicato all’Irpinia ed alle zone interne. Inoltre ho creato un link in cui il “Gastronauta” Giovanni Ventre propone pacchetti dedicati ai buongustai in cerca di sapori e profumi particolari tramandatici da generazioni di mamme e nonne contadine.

A tal proposito voglio sottolineare le follie della Unione Europea.  Vino senza uva e formaggio senza latte. Che schifo !!! Via libera alla produzione di bevande a base di ribes e lamponi fermentati (in sostituzione del vino). Bocciate inoltre le norme nazionali che obbligano ad indicare in etichetta la provenienza delle materie prime impiegate negli alimenti per impedire di spacciare come italiano il latte proveniente da mucche straniere. Zucchero nel vino per aumentarne la gradazione ( è stato sempre vietato nei paesi del mediterraneo questa pratica fraudolenta), aranciata senza arance, vino invecchiato con segatura ( via libera all’invecchiamento artificiale del vino attraverso l’utilizzazione di pezzi di legno al posto della  tradizionale maturazione in botti di legno) …

Mi viene da pensare che tutte queste leggi siano appositamente approvate dai grossi gruppi agroalimentari stranieri che vorrebbero immettere sul mercato prodotti a basso costo e per mettere sempre più lacciuoli a chi come  i piccoli maestri artigiani del buon mangiare ( contadini e piccole aziende agricole) con la scusa che tutto deve essere asettico.

Dobbiamo dire basta a questi pirati che continuano ad assalire le navi su cui nei millenni abbiamo caricato milioni di barili del gusto. In questa ottica dobbiamo fare si che il Parco rurale dell’Irpinia d’Oriente ponga al centro le produzioni tipiche locali, quei profumi e quei sapori che tra pochi decenni saranno destinati a soccombere in nome di un mangiare per il solo scopo di nutrirsi e non per il gusto di degustare quello che ci nutre. Che dire poi della porcata delle quote latte … ma qui ci sarebbe da parlare per ore ed ore.

Giovanni Ventre

Annunci

Written by A_ve

9 luglio 2010 a 9:11 am

7 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. quest’anno mi sono affidato a Giovanni e MariaPia di Giamira Travel per una settimana di quiete tra paesi isolani, buon cibo, buon gusto

    verderosa

    9 luglio 2010 at 9:14 am

  2. bravo giovanni, in tutta napoli non c’è un agente di viaggi così, in questa città di cerebrolesi per pigrizia

    sergio gioia

    9 luglio 2010 at 12:56 pm

  3. Bellissimo il sito che hai linkato, è assolutamente necessario promuovere questo tipo di turismo!

    EdoraVea

    9 luglio 2010 at 6:41 pm

  4. Se a questa parte di bella e sana Irpinia,venissero create e “donate”piu’ manifestazioni pro-turismo la ns. terra non avrebbe nulla da invidiare per cultura e paesaggi alle piu’pubblicizzate comunita’ del centro Nord. Ma qui dobbiamo “Ringraziare e Riverire le ns. masse(ignoranti!!) politiche,le ns. amministrazioni comunali e provinciali che lasciano al domani e ai posteri solo “munnezza”morale e..Organica:”Zona Formicoso” docet ! E mi fermo qui…..e’ meglio per tutti !! IRPINO..dentro!!

    Mimmo Russo

    11 luglio 2010 at 4:15 pm

  5. Grazie MariaPia, Grazie Giovanni. La “nostra” Irpinia ci aspetta, in silenzio, per essere scoperta poco a poco con “leggerezza”, con delicatezza. Chiamiamo pure tanti turisti, condividiamo con loro la magia di questi luoghi sconosciuti, ma attenzione, cerchiamo di avvisarli che devono venire in punta di piedi e soprattutto in silenzio…., come se fossero in chiesa, in un luogo sacro. Come mio solito esagero …., ma forse nemmeno tanto. Voi mi capite, vero? Un bacio alla bimba, e buon lavoro. Edda

    Edda Canali

    18 luglio 2010 at 10:57 am

  6. Dimenticavo di dirvi che presto porterò in Irpinia le mie bimbe Elisa e Valentina, sarà per loro sicuramente un viaggio magico: tra boschi, briganti, laghi, grandi prati, castelli, principesse, storie fiabesche, animali e magie varie…..A presto. Un bacio. Edda

    Edda Canali

    18 luglio 2010 at 11:05 am

  7. ti aspettiamo come sempre armati di tanto affetto per una persona a cui vogliamo bene. Sei una di noi, secondo me molto più irpina di chi è nata in questi luoghi.
    Ciao a presto !!!

    giovanni ventre

    19 luglio 2010 at 9:28 am


I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: