COMUNITA' PROVVISORIA

terra, paesi, paesaggi, paesologia _ il BLOG

Il sud, i giovani e le vittime silenziose

di Stefano Ventura  / Il Rapporto Svimez 2010, presentato ieri, ci restituisce un quadro impietoso sul Sud di oggi. Quasi 2 milioni e mezzo di emigranti  (2 milioni e 385 mila) negli ultimi 20 anni hanno abbandonato il Sud per il resto del Paese e per l’estero; il nuovo emigrante, quello col “trolley e il Pc” al posto della valigia di cartone, parte dal Sud, ha in media 31 anni, il 26% è laureato e il 50% svolge professioni alte.

Il PIL 2009 è calato del 4,5%, il reddito di una famiglia del Sud è pari al 58% del reddito medio di una famiglia del Nord. Il valore aggiunto dell’industria del Sud è calato nel 2009 del 15%, più che in paesi di nuovo ingresso nella UE a 27.

Un meridionale su 3 è  a rischio povertà, la disoccupazione è al 23,9%, che sale al 36% nella fascia di età tra i 15 e i 24 anni. 

Uno dei paragrafi (il 3.1) si intitola: I giovani, le vittime silenziose.

Eppure, tranne qualche trafiletto nelle pagine economiche, di questi numeri, di questo bollettino di guerra non parla nessuno. Non c’è bisogno di parlare di secessione, di federalismo fiscale e di altro; di fatto il Sud è già abbandonato, alle mafie, ai traffichini e a politici inetti e immorali. Eppure un Sud migliore c’è già, annidato in qualche piccola realtà, che resiste, che annaspa e che si tura il naso. La partita non può finire qui.

 

Annunci

Written by A_ve

26 luglio 2010 a 10:06 am

Pubblicato su AUTORI

Tagged with , , , ,

2 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Forse solo quando affonderà anche il nord vedremo sul serio che dobbiamo fare…sempre evitando di andare in un’altra nazione ovviamente…

    Luigi Capone

    27 luglio 2010 at 2:43 am

  2. La situazione e’ molto triste, caro Angelo, e rimanendo in Irpinia, non sara’ risolta coi castelli in aria, ma con progetti pratici, localizzati e diretti a fermare l’esodo e a incoraggiare altri a venire a vivere e lavorare in Irpinia, perche’ chi e’ andato via non tornera’. Tutti o quasi parlano di decrescita, ma la decrescita non e’ un toccasana che risolvera’ i problemi di tutto e di tutti. La decrescita puo’ aiutare le grandi citta’, le zone sovrapopolate o sovraindustrializzate, ma non posti che stanno morendo come l’Irpinia dei nostri paesi. La cosa piu’ importante, e quello a cui la Comunita’ Provvisoria dovrebbe dedicarsi, e’ di trovare il modo per far venire gente nuova, temporaneamente (come gli stranieri che comprano casa e creano lavora), o permanentemente (come gli extracomunitari che sono disposti a fare qualsiasi lavoro e che rimarranno se rispettati e trattati bene).

    Raffaele

    2 agosto 2010 at 6:12 pm


I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: