COMUNITA' PROVVISORIA

terra, paesi, paesaggi, paesologia _ il BLOG

una lettera impossibile ai ragazzi del liceo di sant’angelo…..

“E ti diranno parole
rosse come il sangue, nere come la notte;
ma non è vero, ragazzo,
che la ragione sta sempre col più forte; io conosco poeti
che spostano i fiumi con il pensiero,
e naviganti infiniti
che sanno parlare con il cielo.
Chiudi gli occhi, ragazzo,
e credi solo a quel che vedi dentro;
stringi i pugni, ragazzo,
non lasciargliela vinta neanche un momento;
copri l’amore, ragazzo,
ma non nasconderlo sotto il mantello;
a volte passa qualcuno,
a volte c’è qualcuno che deve vederlo”  
R. Vecchioni.

Sono in tanti tra di voi  che sembrano condurre una vita senza senso ad inseguire un sapere come riscatto o come possibilità  di ribaltare i meccanismi dei poteri o di poterli reinterpretare a proprio vantaggio. Sembrate  mezzo addormentati,disorientati anche quando siete occupati a fare ciò che ritenete importante. Questo perché molte  sono gli stimoli e le occasioni per stare dietro a cose sbagliate , superficiali all’apparenza. Si può arricchire di significato la propria vita primaditutto disponendosi ad amare gli altri, dedicandosi alla comunità che ci vive intorno e impegnandosi  a  creare qualcosa che gli/e/ ci  dia uno scopo, un senso. Vi affacciate alla vita sociale e pubblica dietro allo stimolo e alla necessità di dovere difendere e  ribadire un “diritto”: il diritto alla salute e alla cura di sé e degli altri. Viviamo una terra bellissima e ricca di storie di impegno civile e culturali  importanti e profonde ,ma  oggi non ci basta. Un semplice impegno pubblico oggi richiede a voi sentimento,passione  ma soprattutto ragione  che alimenti nuova vita mentale e strumenti  per affrontare l’esperienza fondamentale  di un uomo in quanto uomo:la politica .Noi oggi normalmente pensiamo che la politica copre  un ambito molto ristretto della nostra vita. Tanto ristretto che uno potrebbe non incontrarla mai e non fare mai nulla di politico nella sua vita senza rimorso e sofferenza. Non gli è proibito da nessuno. E qualche volta ,invece, ai più è concesso accedere alla politica in un attimo ,in un istante, cioè nel momento in cui va a votare. E’ un breve attimo, è un segno  e poi la sua vita rientra di nuovo in un ambito non-politico, privato. Ecco come stanno le cose oggi anche in Irpinia.La politica copre di fatto un settore molto parziale  e non esaltante della nostra vita. Infatti a ciò che propriamente e comunemente costituisce il politico (cioè lo Stato,le istituzioni, i partiti….) si contrappone una sfera vastissima, molto più ampia ,ricca e vitale  che è la “società civile” che  comunemente non è considerata ( e forse non lo è) politica. Ma io voglio dirvi che le cose non stanno propriamente così. La Politica ha una dimensione più vasta  e assolutamente diversa dalla politica praticata e professionale  come puro o  distorto esercizio del potere che noi quotidianamente  subiamo o accettiamo criticamente. Anche la scienza politica moderna è cieca e colpevole rispetto alla vita politica e lascia gli uomini indifesi anche rispetto alle perversioni più aberranti,drammatiche  e violente (totalitarismi ideologici e fondamentalisti).Non è bastato a M. Weber scrivere  “ La scienza e la politica come professione” per dare un senso possibile all’impegno politico   nelle contraddizioni della modernità  e a voler giustificare razionalmente  un qualsiasi atteggiamento pratico.(governare un comune, una regione …un ospedale).

La politica attiva, pratica,concreta nelle migliori sue interpretazioni  o manifestazioni tende a non considerare la vita degli uomini  e la cura di essi quando viene meno la sua salute, prigioniera di ragionieristiche  camice di forza della burocrazia o del bilancio. La stessa medicina come scienza e come pratica scientifica non si pone la domanda se la vita è degna di essere vissuta ma nel migliore dei casi quando o per quando  la vita deve essere vissuta. La medicina al massimo  ha come suo scopo  la salute e la vita del paziente. E noi non le possiamo chiedere  se invece essa  è desiderabile e perché continuare a vivere. Questo significa che purtroppo ogni scienza ,la più utile e più nobile, oggi risulta cieca  rispetta al proprio  fine e a i propri valori. La stessa scienza politica non ci può dire  :se la democrazia  è desiderabile  o più desiderabile di altre forme di governo. Ci può raccontare ,descrivere quante e quali sono le forme di democrazia o le forme contrastanti con la democrazia. Ci può aiutare a capire o rilevare criticamente quando funzionano male o distorte  istituzionalmente diverse organizzazioni e pratiche del potere e delle organizzazioni politiche. La scienza politica ,purtroppo, si prefigge di  presentarsi   imparziale, neutrale, a-valutativa. Il campo politico a sua volta , per come lo vediamo e lo sperimentiamo quotidianamente e concretamente ,nei momenti di crisi  si rivela essenzialmente come il campo e l’ambito  del potere . La politica è lotta per il potere. E quindi per entrare in quell’ambito bisogna organizzarsi e pensare in un certo modo per entrare nelle ‘macchine del  e per la lotta per il potere,per la distribuzione ,per la spartizione del potere ’ che sono i Partiti. Oppure nel caso  della necessità di vivere la Politica  come valore o etica   si rischia di  produrre  capi carismatici o radici etniche o fondamentalistiche  che spostano in altri o nel passato il senso e le modalità di un impegno pubblico sul proprio territorio,non in modo proattivo ma reattivo La nostra esperienza “paesologica” nella Comunità provvisoria  è  e vuole essere filosofica e politica ma non nel senso della ‘scienza filosofica e politica’ ma esitenziale e umanistica.Noi ci domandiamo  e chiediamo  non la ‘natura dell’uomo’ universale e necessario ma quali sono le condizioni ,in determinato territorio e tempo,  con la  sua storia culturale etnicamente determinata e  che rende possibile l’uomo in quanto uomo , non l’uomo irpino rispetto al napoletano o del nord. Certo con questo atteggiamento concreto e critico e con queste domande mostriamo di essere ,quantomeno avversi o sospettosi di una certa deriva della “modernità” senza cadere nei fondamentalismi etnici con esiti fobici o razzisti. Dopo Cartesio noi coltiviamo il sospetto e il dubbio che l’uomo, inteso come soggetto unicamente conoscente, rischia di sentirsi incondizionato, cioè come colui che non accetta nessuna condizione, ma pone lui le sue condizioni alle cose, al mondo esterno e algi latri uomini diversi da sè .Preferiamo  che la nostra Comunità sia provvisoria e non definita su fondamenta solide e immobili  che ti costringono a vivere  beatamente  con le spalle rivolte al passato ( sia esso celtico,nordeuropeo o semitico-ebraico.grco-romano). Per noi gli uomini e le cose sono realtà finite ,limitate a cui la politica cerca di dare senso ,volta per volta, a questa finitezza e limitatezza. Sappiamo cha anche i diritti sanciti dalle varie carte costituzionali  o dalle lotte sociali  del passato vanno rivitalizzati  e riportati alla unicità e identità  comunitaria di ogni essere umano. Noi non chiediamo solo di ripristinare o mantenere  un diritto o uno spazio di cura dei singoli malati  indipendentemente dal fatto di essere momentaneamente malato. La salute è un bene che  non lo stabilisce solamente la medicina o la politica sanitaria. La questione per noi è di sapere  e evidenziare  ciò  che è per noi desiderabile, sul Formicoso o a Bisaccia o a s.Angelo, se anche lo vogliamo veramente. E questa è propriamente una questione politica. La politica per noi non è un settore determinato e limitato( e stabilito o imposto dagli altri) della nostra esistenza di cui possiamo fare anche a meno, se vogliamo; o che incrociamo molto raramente, se vogliamo;o che incrociamo più intensamente ,se vogliamo. Ma la politica riguarda proprio l’uomo in quanto tale. Per noi è politico rieducare lo sguardo per vedere il bello dei nostri territori (paesologia), utilizzare in modo essenziale e non solo utilitario o in diritto gli strumenti della tecnica e della medicina per giocare politicamente nelle articolazioni provvisorie delle attività propriamente umane…lavorare,fabbicare e agire( ponein,poiein,prattein…come dicevano i greci che io preferisco ai celti!!!!). Esse sono qualità superiori  alla contemplazione e al  fare teoria o ideologia. Rovesciare gli ordini tradizionali di pensare e agire  partendo dalla finitudine umana e dalla sua provvisorietà e possibilità di realizzare se stesso nella propria individualità e alterità comunitaria. Una comunità è appunto questo: è una struttura permanente e provvisoria (ossimoro) che vuole rendere quotidiano e possibile  lo straordinario e il profondamente autentico e prima di tutto rende possibile a ciascuno di essere sé stesso al cospetto e nel confronto con gli altri. La Comunità è soprattutto  la condizione  e l’esercizio della libertà individuale e concreta. La libertà è da intendere esattamente come il potere o dovere  mettersi in contatto  con gli altri a partire da se stesso, e per se stesso; e tenendo, in qualche modo, e sfidando anche il ricordo e le memorie, cioè proponendo le proprie azioni, pensieri,sentimenti,passioni,sogni,speranze come degne di ricordo e memoria. Solo in questo , nel proporre e presentare le proprie azioni ed idee come degne di ricordo, l’uomo compie azioni veramente politiche, altrimenti retrocede a livello della specie. La vita diventa sacra e degna di essere vissuta solo attraverso la continua capacità di produrre idee e azioni. La politica è lo spazio pubblico, un grande palcoscenico, in cui tutti gli uomini possono entrare ed uscire a propria volontà e libertà, cercando di starci anche in modo non permanente,stabile, solido ma….provvisorio.

mauro orlando

Annunci

Written by Mercuzio

3 ottobre 2010 a 6:41 pm

Pubblicato su AUTORI

2 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. domani vado a una riunione a sant’angelo. sono molto contento di sentire questi ragazzi e di parlare a loro. mi pare di avere le carte in regola per farlo sia dal punto di vista morale che dal punto di vista lessicale: i politici parlano una lingua morta che a questi ragazzi non li sfiora neppure.
    oggi mi chiedevo come essere difficile per loro farsi strada in un momento in cui il mondo è o sembra morto…..

    arminio

    3 ottobre 2010 at 9:04 pm

  2. la terra è incita …..franco non lo dimenticare! cia Nanos

    P.S. studia un pò di ostetricia o maiutica…cosi l’aiutiamo a partorire il nuovo, mettiamoci anche un pò più di allegria…..fa bene alla salute! cia nanos

    Nanosecondo

    13 ottobre 2010 at 6:57 pm


I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: