COMUNITA' PROVVISORIA

terra, paesi, paesaggi, paesologia _ il BLOG

salvatò torna a casa

Caro Salvatore,

oggi è il giorno che devi tornare a casa, con o senza il fax dalla regione. ieri ti ho visto provatissimo, non puoi passare un altra notte su quel marciapiedi.

Questo tuo gesto ha reso palesi le molte miserie e le pochissime nobiltà della politica provinciale, regionale e nazionale,

ha reso palese anche lo stato comatoso della pubblica opinione e l’atteggiamento pilatesco del Presidente Napolitano.

A questo punto la tua vittoria è tornare a casa. Non sei tu lo sconfitto, ma tutti quelli che da anni continuano a ingegnarsi intorno alla sanità producendo solo sprechi e cattiva assistenza.

Vedremo il prossimo 14 gennaio se verranno fuori decisioni che diradino il fumo che abbiamo visto in questi mesi. Vedremo se la Regione ha un’idea di quali soluzioni alternative dare alla chiusura degli ospedali: al momento ci sono solo chiacchiere, di diverso orientamento, ma sempre chiacchiere. Non c’è un solo atto in questi mesi che abbia migliorato i servizi per i cittadini. In irpinia d’oriente esiste un’assistenza sanitaria molto approssimativa, indegna di una nazione civile, questa è l’unica verità che abbiamo sotto gli occhi.

Caro Salvatore

tu hai denunciato tutto questo e hai evidenziato lo squallore della nostra democrazia. Non puoi fare altro, non devi fare altro.

Lo lotta continuerà in altre forme. Quando si lotta generosamente e fino in fondo non è mai inutile.

un abbraccio dall’Irpinia d’Oriente

franco arminio

Annunci

Written by Arminio

7 gennaio 2011 a 2:08 pm

Pubblicato su AUTORI

5 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Credo che le considerazioni di Franco non si possano che sottoscrivere-Salvatore ha compiuto un gesto di disperazione che abbiamo condiviso e lui ne esce vittorioso.Sono i politici ad esserne sconfitti e la comunita´ della terra dell´Osso ancora a pagare…purtroppo

    giovanni luigi panzetta

    7 gennaio 2011 at 2:43 pm

  2. volevo firmare la lettera comunità provvisoria
    ma al momento la comunità è una cosa troppo indefinita…
    ne parliamo domani a grottaminarda e ci chiariremo, una volta per tutte.

    Arminio

    7 gennaio 2011 at 2:56 pm

  3. Salvatore ti prego, desisti da questo sciopero che ti porterà solo sofferenze. Abbiamo visto ieri il comportamento di una senatrice che dice essere donna di sinistra. Io che sono stato sempre socialista, uomo di sinistra, aberrisco inorridendo quel COMPORTAMENTO CHE NON SOLO NON è DI SINISTRA MA è SOPRATUTTO INUMANO !!! Salvatore torna a casa, torna tra la gente che ti ama e fprtemente condivide quanto hai fatto in nme di una democrazia ormai arrugginita dall’ isolamento di coloro che dovrebbero esserne i guardiani.

    giovanni ventre

    7 gennaio 2011 at 3:44 pm

  4. Il mio punto di vista sulla questione Alaia li ho esposti in altro post con la chiarezza di cui sono capace e con la franchezza che mi impone il rispetto per i lettori del blog.
    Ora sono solo contento che Alaia torni a casa, per la sua salute, e un bit anche per me, perché cominciava a pesarmi la sua generosa esposizione personale, alla quale io posso ‘opporre’ soltanto un “grazie”.

    Naturalmente restano tutte intere le questioni che ho posto delle quali parlerò volentieri domani a Grotta con voi. Non apprezzo, in particolare, questa continua esasperazione dei toni (qui leggo di “squallore della democrazia” e un sobrio giudizio su Napolitano-Pilato) così come non condivido questa chiave di lettura ‘competitiva’, vittoria vs. sconfitta. Si sostengono principi o risultati?

    paolo

    7 gennaio 2011 at 6:16 pm

  5. paolo
    ti faccio notare che la lettera è a mia firma.
    cerco sempre di non strumentalizzare nessuno.
    mi espongo in prima persona sempre e comunque.

    Arminio

    7 gennaio 2011 at 6:23 pm


I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: