COMUNITA' PROVVISORIA

terra, paesi, paesaggi, paesologia _ il BLOG

prossimamente

cari amici

oggi ero molto stanco e nervoso, sono troppi mesi che tiro la carretta…

poi c’è il fatto che una parte di me non è comunitaria ma è in mano a demoni autistici. insomma, non sono uno che vive facilmente in un gruppo e il fatto che in fondo sto con voi da tanto tempo

vuol dire che siete persone non comuni.

io domani vado a parlare alla casa sulla roccia e poi lunedì alle 15 parla a radio tre, a fharenheit, insomma non c’è tregua…..

stanotte devo lavorare al libro (dico i fatti miei perchè penso che la comunità provvisoria non è un partito ed è un luogo in cui sia lecito dire anche i fatti propri, anzi, si deve partire proprio da quelli….)

il prossimo appuntamento con la cp è il 18 gennaio a candela, prossimamente comparirà l’invito.

oggi intanto abbiamo deciso che il secondo seminario di paesologia si terrà il 19 marzo. chi è interessato a presentare qualche lavoro può cominciare a pensarci.

cairano 7x, se il sindaco e la proloco concordano, dovrebbe tenersi nella settimana dal 30 luglio al 6 agosto.

considerate che dragone ha bisogno di sapere cosa intendiamo fare. mi pare giusto mandargli entro la fine di febbraio un programma di massima. ci vediamo all’inizio di febbraio e mettiamo a punto il tutto, credo che ci vorrà più di una riunione, intanto ognuno si ingegni a pensare che cosa vorrebbe ci fosse nel paniere di questa terza edizione.

baci e abbracci  armin

Annunci

Written by Arminio

8 gennaio 2011 a 9:35 pm

Pubblicato su Franco Arminio _

18 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. covengo in pieno e aggiungo che sono davvero rammaricato per la mia prolungata assenza.
    questo qui è il link facebook all’evento di Candela, se non prima ci vedremo lì martedì 18: http://www.facebook.com/event.php?eid=188460291165286
    un abbraccio a tutti!

    marco bottigliero

    8 gennaio 2011 at 10:14 pm

  2. Ieri, come l’inverno in questi giorni, trattenevi il respiro…si vedeva che eri in una apnea affettiva.
    Coraggio tornerà il freddo!

    fabnig

    9 gennaio 2011 at 1:23 pm

  3. hai ragione, infatti ho notato un sorriso disteso di franco solo quando hai “pattinato”
    bravo fabio……

    luciano

    9 gennaio 2011 at 5:56 pm

  4. Franco soffre perchè vede troppe diserzioni.

    giovanni ventre

    9 gennaio 2011 at 6:22 pm

  5. Io sono per la organizzazione di un campo scuola per i ragazzi delle scuole medie a Cairano nei giorni della manifestazione. Credo che prima di tutto dobbiamo far capire ai ragazzi quello che siamo e cosa vogliamo.
    Mi propongo di essere assieme ad altri organizzatore del campo. Una settimana nell’Irpinia di Comunità Provvisoria.
    Fatemi sapere.

    giovanni ventre

    9 gennaio 2011 at 6:25 pm

  6. avanti Cairano 7x !

    Luigi Capone

    9 gennaio 2011 at 6:45 pm

  7. se dovessi partecipare anche quest’anno mi piacerebbe presentare un reading su Vincenzo Mongelli (detto Lu curtu), un poeta anarchico nuscano, accompagnato da musica jazz…

    p.s. speriamo che ad agosto non piove.

    Luigi Capone

    9 gennaio 2011 at 8:39 pm

  8. SU CAIRANO SETTE PER TERZA EDIZIONE HO PEPLESSITA’ DUBBI ED INCERTEZZE.
    HO L’IMPRESSIONE CHE LA POLITICA RICONOSCERA’ CAIRANO COME GRAND EVENTO SOLO A PATTO CHE CAIRANO INVITI LA POLITICA ALLA MANIFESTAZIONE
    QUESTO DI FATTO MUTEREBBE LO SPIRITO DELLA MANIFESTAZIONE CHE, CON FINANZIAMENTO REGIONALE, DIVENTEREBBE UNA DELLE TANTE MANIFETAZIONI DELLA NOSTRA PROVINCIA E NON PIU’ LA MANIFESTAZIONE LIBERA AUTONOMA FATICOSAMENTE SPLENDIDAMENTE ORGANIZZATA CON IL LAVORO DI POCHI E L’IGNAVIA DEI TANTI.
    IL DENARO REGONALE DI UN ASSESSORATO PUO’ SERVIRE A TOGLIERA L’ANIMA ALLA MANIFESTAZIONE, SEBBENE PECUNIA NON OLET.
    Sia d’esempio la manifestazione imminente in agro centro storico di Nusco per la ricorrenza di Sant Antuono maschere e suoni, poi i falò, e tutto il resto.
    Quattro giorni di festa!!! Si era partiti da un giorno, poi due, ora quattro, l’anno prossimo saranno sette!!!!
    A buon inenditor poche parole. Qusto fa la politica.
    Il cugino assessore vicegovernatore finanzia il cugino sindaco entrambi nipoti dello stesso Zio…
    Questa è Politica.
    cco: a cairano mancano i due cugini e, soprattutto lo Zio.
    Un Sindaco, il carissimo Luigi D’Angelis, non puo’ bastare.
    Dragone, giustamente, ora vuole vederci chiaro e fa benissimo, un caro saluto al mecenate illustre cairanese nel mondo.
    Con viva cordialità
    Rocco Quagliariello
    Rocco Quagliariello

    rocco quagliariello

    10 gennaio 2011 at 4:43 am

  9. fuori da ogni equivoco interpretativo, per evitare fraintesi e possibili malintesi, per dirla tuta:

    Cairano 7x terza edizione anno 2011 potrà rappresentare unma manifestazione che attira popolazioni limitrofe, curiosi, cittadini,turisti e non soltanto comitati d’onore, comitati pronotori, comitati centrali, comitati a favore, comitati colefgati alla prolococairanese, direttori artistici, artisti, fotografi,cineoperatori,poeti, cantautori
    SOLO E SOLTNTO SE MANTIENE INALTERATO IL SUO TARGET DI ANNO 2009 CON VARIAZIONI DI OFFERTE , SERVIZI ED INIZIATIVE MA SENZA PERDERE IL COLLANTE CHE TENEVA INSIEME LA MANIFESTAZIONE RIFERIBILE ALL’ASSE ARMINIO MARTINO SALDAN MAURO DONATO NANOS DRAGONE.
    OGNI CONTRIBUTO PARTECIPATIVO VA INCANALATO DENTRO LA VALUTAZIONE FATTIBILE ACCETABILE DEI MAGNIFICI SETTE AI QUALI VA RICONOSCIUTA LA LEADERSHIP E PARTNERSHIP .
    LA POLITICA, SE VUOLE SE INTENDE FINANZIARE ,A LIVELLO REGIONALE O DI EPT PROVINCIALE, L’EVENTOE’ BEN ACCETTA MA SENZA TRASFORMARE CAIRANO 7X IN COS ALTRA E DIVERSA DA CIO’ CHE E’ SEMPRE STATA.
    QUESTO E’. SENZA PRIVILEGI E SENZA RACCOMANDATI DELLA PRIMA DELLA SECONDA E DELL’ORA TARDA.
    GRAZIE ROCCO QUAGLIARIELLO

    rocco quagliariello

    10 gennaio 2011 at 6:26 am

  10. verrò ad un altro “prossimamente” solo se parla chi ha fatto qualcosa e se chi ha fatto qualcosa stima più utile stare zitto.
    Il teatro anarco-sannitico di sabato è stato penoso.
    Meno male che non c’era di nuovi.
    Avrebbero faticato a distinguere nel tronfio grigiore le storie tese (la profezia del passato di elda, le parole distillate di fabio, le eloquenze taciturne di mario e luciano).
    Non avrebbero ricevuto lo splendido dono di mauro e edda (vita e opere di Ettore Canali).
    Probabilmente non avrebbero preso dal menù trippa e mugliatielli, un concentrato di know-how…
    … “prossimamente” sarà il caso di esserci comunque …

    paolo

    10 gennaio 2011 at 10:24 am

  11. Mi farebbe piacere fare una ricerca non tanto sui giochi ma sulla voglia e capacita di giocare nella vita in irpinia e poi semmai alla fine prendere atto dello spirito guerriero e sancire una volta per tutte la necessità di dare incarico agli architetti comunitari di costruire sulla rupe di cairano al posto dell’osservatorio una statua gigante di guerriero sannita . Che ne pensate?

    nanosecondo

    10 gennaio 2011 at 11:25 am

  12. Ieri sera, ad Aversa, nei locali dell’ex Macello, trasformati in centro polifunzionale, c’è stata una mostra e proiezione di video-diapositive per dare il giusto riconoscimento al COLLETTIVO LINEACONTINUA TERRA DI LAVORO, nato agli inizi degli anni settanta. Enzo Battara ed Enzo Di Grazia (che è stato nostro ospite a Grottaminarda) hanno ricordato le tantissime performance di questo quartetto di artisti (Raffaele Bova, Livio Marino Atellano,Ferraro, Tagliafierro)che hanno anticipato i tempi. L’arte nel sociale, come suscitatrice di coinvolgimento, riflessione, iniziative per il cambiamento…Paesologi “ante litteram”, con interventi nella nostra regione, in Friuli, in Calabria, a Roma, a Parigi…coi piedi per aria (non per terra) , sognatori pratici (come direbbe Nanos), poveri e artisti, gli occhi non volti al mercato, ma a ciò che sembrava folle, apparentemente non comprensibile…bellissime provocazioni, feconde, ricche di fermenti. Quarant’anni dopo si sono mostrate profetiche, tutte nel segno… Ecco, li ho invitati a visitare i “luoghi” della Comunità Provvisoria, l’Irpinia d’Oriente, per preparare un ‘ “azione” per il 19 marzo, per Cairano 7x. Un giusto tributo a questa “nave dei folli” detta Comunità Provvisoria, che vive e si nutre di quegli stessi fermenti.

    Salvatore D'Angelo

    10 gennaio 2011 at 11:26 am

  13. … Ops chiaramente io spero di poter trovare sempre più comunitari disposti a giocare per costruire tutti insieme il museo dell’aria….. E divertirci tutti a far volare aquiloni…

    nanosecondo

    10 gennaio 2011 at 11:44 am

  14. Vorrei precisare che riguardo alla tradizione di Sant’Antuono a Nusco il merito non è solo della politica. E’ una festa sentita dal popolo da diversi secoli e questo è il vero motivo della sua riuscita.
    Per il resto ognuno cerca di beccarsi quanti più fondi è possibile.

    Luigi Capone

    10 gennaio 2011 at 3:37 pm

  15. Grazie Luigi, è storicamente vero quel che scrivi. Lo so benissimo. Tuttavia devi ammettere che l’affaire si ingrossa a dismisura da un po’ di tempo, e quest’anno ancora di più. Il motivo è appunto in quello che ho scritto , non solo nella millenaria tradizione dei falo’ delle maschere e dei suoni.
    Con viva cordialità
    Rocco Quagliariello

    rocco quagliariello

    11 gennaio 2011 at 4:48 am

  16. DOMANDA
    PERCHE’ NON E’ STATO NON RISULTA ESSERE STATO ANCORA PUBBLICATO L’ALMANACCO INERENTE IL PRIMO SEMINARIO DI PAESOLOGIA ANNO 2010 DEFINITO APPUNTO L’ANNO DELLA PAESOLOGIA”’
    SE QUALCUNO L’AVESSE PUBBLICATO COME MAI NON E’ STATA DATA INFORMATIVA E COMUNICATIVA SUL BLOG”

    TANTO PER RICORDARCENE UNA DI INSOSTENIBILE GUERRA TRA “ARCHI” ed “ARCHE”….!!!!! RQ

    rocco quagliariello

    11 gennaio 2011 at 9:56 am

  17. QUANTO DEVE DURARE ANCORA IL SILENZIO ASSORDANTE DI PERSONE DI QUALITA’ CUI VOGLIO UN MONDO DI BENE E CHE CITO IN ORDINE RIGOROSAMENTE ALFABETICO

    ARMINIO

    BRUSCHI

    CALABRESE
    D’ANGELO

    GIOIA

    LUONGO

    MARTINO

    NIGRO

    PAGLIARULO

    rocco quagliariello

    11 gennaio 2011 at 10:07 am

  18. …sembra che Arminio ci voglia educare a leggere il bianco, più che quel trascurabile e accidentale affastellarsi di segni neri…
    “il niente che non è neanche quel niente” Livio Borriello

    Sembra che Arminio ci voglia educare a leggere l’assenza…

    fabnig

    11 gennaio 2011 at 1:03 pm


I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: