COMUNITA' PROVVISORIA

terra, paesi, paesaggi, paesologia _ il BLOG

il blog della terra

il nostro è il blog della terra, della terra nuda…..

la petizione da firmare qui è un piccolo gesto che esprime bene la nostra visione.

non vogliamo che l’italia diventi una nazione senza terra.

chiedo agli amici comunitari di sensibilizzare i propri amici, a partire da quelli veri a quelli virtuali su fb.

ieri sera a nusco abbiamo deciso tutti insieme di dare fiato alle SENTINELLE DEL TERRITORIO.

sarà questa la nostra principale attività, quella che dà senso a tutto il resto, a partire da CAIRANO 7X, ovviamente!

armin

Annunci

Written by Arminio

18 gennaio 2011 a 11:05 pm

8 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. su FB è attiva la pagina Sentinelle del Territorio

    sergio pag

    19 gennaio 2011 at 9:44 am

  2. RIUNIONE ORGANIZZATIVA PROVINCIA DI AVELLINO
    VERSO IL REFERENDUM
    Appello alla partecipazione

    L’anno 2010 é stato per tutti i “comitati acqua” d’Italia un anno impegnativo, un anno che ha portato al raggiungimento di un primo grande risultato per bloccare il processo di privatizzazione del servizio idrico integrato in questo paese, e per portare alla ripubblicizzazione dell’acqua nei comuni in cui la privatizzazione é già avvenuta.
    Mentre all’inizio dell’anno eravamo un po’ perplessi sulle nostre possibilità di far firmare 500 mila cittadini italiani per i referendum per l’acqua, sin dal 20 marzo 2010, con la grande partecipazione alla manifestazione per l’acqua pubblica, abbiamo capito che molte donne e molti uomini erano pronti a difendere questo bene comune dalle insostenibili logiche di mercato.
    Ad aprile dello stesso anno incominciavamo la raccolta firme e, in meno di un mese, avevamo già raccolto le 500 mila firme necessarie. Il risultato finale, tutti lo conosciamo, sono 1 milione e 400 mila firme depositate in cassazione.
    Pochi giorni fa, la Corte Costituzionale ha approvato due dei tre quesiti che avevamo proposto e nella primavera dell’anno appena passato. Questo sta a significare che il referendum si farà.
    In Campania, come in tutt’Italia, i comitati locali hanno acquisito sempre più forza e consapevolezza, coinvolgendo un numero sempre maggiore di cittadini e arrivando a creare una attiva rete regionale.
    Sei mesi dopo avere depositato le firme, ci tocca tornare a lavorare tutti insieme per preparare la campagna referendaria vera e propria. Questa volta non si tratterà di vidimare moduli, di raccogliere firme facendo banchetti, e poi di farle certificare.
    Il lavoro sarà molto più intenso, l’obiettivo é tutt’altro: ci toccherà portare al voto almeno 25 milioni di italiani basandosi unicamente sull’energia dei comitati locali, considerando che, così come é successo durante la raccolta firme, non potremo contare tanto sulla stampa e sui media nazionali.
    In gioco non c’é solo la sorte del servizio idrico di questo paese; una vittoria al referendum sarebbe una grande vittoria per la democrazia italiana. Sarebbe la dimostrazione che un modello diverso di partecipazione é possibile. I cittadini di questo paese hanno già dimostrato chiaramente che non si vogliono limitare alla democrazia rappresentativa, hanno dimostrato che in questo paese c’é voglia di democrazia partecipativa. Adesso ci tocca dimostrare che questo modello può funzionare e portare a dei risultati concreti e duraturi.
    Per quanto riguarda Avellino e Provincia, ci incontreremo il 25 gennaio alle ore 19, presso la sede del Movimento Difesa del Cittadino, in Via Carlo del Balzo n.17, nei pressi di piazza macello ad Avellino.
    Sono invitate tutte le persone, le associazioni, i collettivi, le comunità “sensibili” alla difesa dei beni comuni, che si sono impegnate nella raccolta firme, ma anche tutte/i coloro che, pur non avendo partecipato a questa prima fase, vogliono dare il loro contributo alla vittoria del SI ai referendum per l’acqua pubblica.
    Contiamo su TUTT* voi!

    arminio

    19 gennaio 2011 at 2:07 pm

  3. Per liberare l’uomo che dorme in noi c’e un mezzo solo: interrogarci di continuo se siamo uomini e rispondere sempre: no! Noi siamo il progetto mal abbozzato dell’uomo e che dovrebbe essere disegnato. Un povero sipario per una grande scena. Voi ci chiamate uomini? Ebbene: guardateci! (soyfer jura) ….. non servono sentinelle ma solo aiutare gli uomini a comprendere cosa significa essere uomini. Cia nanos

    nanosecondo

    19 gennaio 2011 at 2:57 pm

  4. La storia del referendum per la tutela dell’acqua pubblica testimonia che la sensibilità sui valori vitali è alta. Che l’uomo non e determinato da forze e da potenze sociali ma che è libero è responsabile della propria autodeterminazione recuperando egli stesso la tutela degli elementi a base della sua esistenza al di là dei fatti psicologici biologici o sociali. Dentro questa dimensione egli va oltre se stesso i puoi confini i suoi limiti umani perché si comprende a immagine e somiglianza di qualcosa che oltre se……

    nanosecondo

    19 gennaio 2011 at 3:13 pm

  5. commento di Rocco Quagliariello rimosso dall’amministratore in quanto non attinente al contenuto del post e ingiurioso verso i contadini

    rocco quagliariello

    19 gennaio 2011 at 3:31 pm

  6. Gentilissimi

    Si apre un anno complesso e sicuramente non facile. Proprio per questo ho deciso di tener alto lo spirito e di far nascere quest’anno molte cose nuove, forse addirittura tre.

    Per ora vi annuncio solo la prima.

    Il 2011 è stato proclamato dall’ONU Anno internazionale delle Foreste; non so mai che effetto reale abbiano questi anni internazionali, comunque voglio celebrarlo a mio modo e dedicare alle foreste uno spettacolo tutto per loro, pronto a primavera.

    Si chiama Sylva .Variazioni sulla foresta … in cui si narra la Storia visionaria delle italiche foreste e si canta Il grande bosco profondo; si tesse L’elogio del gerbido e si contempla la vita andando a scuola dalla Foresta maestra; si scovano Foreste di città e ci si riscopre Per sempre selvatici …

    Desiderate anche voi occuparvi di Foresta ? Facciamolo assieme!

    Vi propongo anche un’altra ipotesi, più ampia: qualcuno di voi ha un minimo più di spazio e di disponibilità (un minimo proprio) e vuole dedicare ad un luogo, un bosco, una foresta particolare (antica o appena nata , su una montagna o circondata da una periferia) un’intera giornata o magari un’intera notte? Oppure vorreste evocare la Foresta in un posto dove non c’è neanche un filo d’erba? Il Villaggio mobile di azione artistica può giungere fino a voi! Con me e con Sylva ci saranno gli Universi sensibili di Antonio Catalano con la sua installazione spettacolo Boschi – Meraviglie; ci saranno ospiti come il poeta Tiziano Fratus, l’Homo radix che vi proporrà il suoi Appunti di viaggio per cercatori di alberi oppure il gruppo di ricerca musicale Enten Hitti con il loro Sleeping Concert per dormire e sognare assieme sogni di foresta, o il grande Carlo Actis Dato con i suoi Verdi suoni ….

    Una dichiarazione d’amore per un luogo. Una trama aperta ed adattabile che può accogliere anche, se lo desiderate, presenze del posto, artisti, musicisti , ma anche dichiarazioni e “manifesti” su quello che state portando avanti

    Un insediamento leggero, una giornata di preparazione e una giornata di festa (nessuna struttura, nessuna esigenza tecnica, nessuno spreco). Il luogo così com’è …. e che poi sarà più bello di prima.

    Parliamone!

    Mi rifarò viva con materiali più ampi. Sempre disponibili, naturalmente, tutti gli altri miei spettacoli , fra cui

    E con questo auguro a tutti un anno fertile e verdeggiante

    lorenza zambon

    Arminio

    19 gennaio 2011 at 6:50 pm

  7. aho! sai che a dicembre lanciammo anche noi della comunità RNCD questa campagna….questa si che è una bella idea……azz frà …mo si ca s’arragion!

    100.000 QUERCE DI NOME DANIELA

    Una nostra amica comune mi ha chiesto: “..ma sai chi è Daniela?”

    Io penso che Daniela sia una quercia, e per questo ne andrebbero piantate molte di più di 7000!

    Si molte di più….”….Il piantare di queste querce non deve essere un atto della necessità ecologica, cioè una relazione puramente materiale-ecologica, bensì tramite esso deve risultare un concetto di ecologia ampliato – e questo deve aumentare col passare degli anni, perché noi non vogliamo mai più porre fine all’ ‘azione piante’”…..

    …..un’azione che vada oltre le idee brevi …ma che sposi… un’idea lunga…..un idea che si riferisca di più “…alla trasformazione della vita, di tutta la società e dell’intero spazio ecologico.(…) Ovunque sul globo terrestre, dove vi è terra si ha bisogno degli alberi, ma non solamente alberi, bensì particolarmente la forza e la forma di un’idea.”

    Ecco credo che la quercia sia femmina…..che ora si possa chiamare Daniela, o altro nome io non so! Ma so che lei mette radici… nella terra ..per far rinascere……perchè….? Ma, … “la natura come l’organismo sociale della comunità umana (che) grida unificata a tutti gli esseri viventi (…), chiede liberazione, liberazione tramite lo spirito umano: che egli inizi a creare nuove relazioni, con il suo pensare, che generi concetti vitali lì dove i concetti di morte hanno preso possesso diffondendosi su tutto, che traduca ciò che di ampliato ha compreso in azione, e ………” realizzare così la più grande delle operi d’arti ….un uomo nuovo.

    Ecco questa è una battaglia che mi piacerebbe ri-fare, piantare altre “7000querce” ma no che dico, credo che la giusta protesta oggi….sia piantare altre 100.000querce tutte di nome Daniela!

    Clown Nanosecondo

    P.S. I brani tra virgolette sono liberamenta tratti da un’intervista di Joseph Beujs

    http://radunonazionaleclowndottori.blogspot.com/2010/12/100000-querce-di-nome-daniela.html

    Nanosecondo

    19 gennaio 2011 at 7:58 pm

  8. ops… va bene pure lorenza, carmela, elda, sergio, franco, angelo, mauro, giovanni, enzo, nanosecondo, rocco, michele, angela, luca, adelelmo (mi sembra molto indicato come nome di una quercia) , nannariello, antonio, gaetano, salvatore, mario, anna, antonella, gerardo, ( ma la quercia è maschio o femmina?), andrea, micaela, gaetano, luigi, paolo, luigi, e tutti gli altri con lettera A,B.C.D.E.F.G.H.I.L.M.N.O.P.R.S.T.U.V.Z.

    Cia nanos

    Nanosecondo

    19 gennaio 2011 at 8:09 pm


I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: