COMUNITA' PROVVISORIA

terra, paesi, paesaggi, paesologia _ il BLOG

invito da gaetano calabrese

invito da gaetano

Advertisements

Written by A_ve

7 marzo 2011 a 3:19 pm

Pubblicato su AUTORI

Tagged with , , ,

2 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Il mio personale augurio a Gaetano per questa di certo bella performance poetica, a tenere alta la bandiera dei “pooeti erranti” , improvvisatori e aedi di una tradizione più che bimillenaria. Caro Gaetano, intingi sempre la ua lingua nel bellissimo dialettom lionese…esso sarà sempre linfa vitale per la lingua nazionale! Intanto condivido e faccio circolare su facebook, e invito gli altri amici a fare altrettanto.

    Salvatore D'Angelo

    8 marzo 2011 at 12:48 pm

  2. Grazie caro Salvatore! Attento e sensibile come sempre! Faremo anche grandi cose a Succivo appena sarai pronto e sarà la mia lingua pirotecnica a parlare, ad esplodere negli accenti accorati dell’oralità che si fa scrittura….
    Grazie anche per la condivisione e circolazione in rete.
    Allego il comunicato stampa degli amici che saranno con me a Daunia Poesia e credo che si prospettano buone cose per me anche nel Molise. La Puglia mi sta apprezzando molto: Bari, alcuni posti della zona Messapica e ho fatto capolino nel Salento, ma è nella nostra amata e amara regione che dobbiamo volare….
    ==ECCO IL COMUNICATO STAMPA DI DAUNIA POESIA ==
    Giovedì 10 marzo alle ore 20.30 presso il Caffé tra le righe di San Severo (Via De Cesare, 13) andrà in scena il nuovo appuntamento poetico di DAUNIAPOESIA (www.dauniapoesia.org).

    I protagonisti dell’incontro saranno i poeti Francesco Paolo Tanzj, Marco D’Astice e Gaetano Calabrese. Tre poeti che ci racconteranno tre modi abbastanza diversi di fare e vivere la poesia.

    GAETANO CALABRESE, di Lioni (Avellino), insegnante nella scuola media inferiore, ha pubblicato, per AUTOS EDIZIONI, “NUVOLE LONTANE”- RACCONTI – (2002), donato alla Lega Nazionale per la Lotta Contro i Tumori, Sezione di Avellino; “LO SCRITTORE, IL RACCONTO, IL ROMANZO – APPUNTI PER RIFLETTERE” (2003), un saggio che tratta dei problemi dell’editoria in Italia, della dinamica narrativa, della critica letteraria contemporanea, con un’originalissima riflessione su “CHI È IL POETA”; “41 FOGLI SPARSI – RACCOLTA DI SCRITTI VARI”(2004) spaziando dalla poesia, al racconto, alla relazione letteraria.
    È noto come “IL POETA ERRANTE DELL’IRPINIA” in quanto dona in rassegne ed incontri suoi versi, spesso in ‘plaquettes’ autografate e illustrate. Alcune sue poesie e racconti sono stati antologizzati in riviste letterarie. Collabora a varie associazioni culturali. Partecipa come relatore ad eventi letterari e come ‘performer’ a ‘readings’ di poesia nazionali, ma, per pigrizia, non partecipa a premi letterari. È un cultore del dialetto lionese.

    MARCO D’ASTICE è nato in Germania il 5 aprile 1971, si trasferii in Italia a sei anni.
    Inutili stagioni di noia assolata.
    Divenne interamente senziente verso i tredici -halleluja-, inciampando in un pugno di marmocchi folli ed affamati quanto lui, e in una manciata di sfavillanti libri e vinili di angeli americani piovuti dal cielo.
    Seguirono ulteriori anni spaventosi, in cui perse, uno ad uno, tutti i suoi amici.
    Adesso? La poesia; tutto il resto intorno mantiene un criterio e delle suggestioni piuttosto banali.
    Nel 2005 ha pubblicato “HYDROGEN HORSES TRAMPLE ON THE CLOUDS (old western alley’s talking blues)”, mentre del 2008 è “L’AMORE, LA MERDA & ALTRE IMMOLAZIONI (ascoli satriano blues & alter storie)”, entrambe con Prospettiva Editrice.

    FRANCESCO PAOLO TANZJ, nato a Roma, da molto tempo ormai vive per scelta nel Molise, ad Agnone, dove ha diretto per anni i Readings di Poesia Contemporanea, con Luigi Amendola, Plinio Perilli, Dario Bellezza, Max Manfredi, Maria Luisa Spaziani, Alberto Bevilacqua, Giuseppe Jovine, Dacia Maraini, Sabino d’Acunto, Stanislao Nievo, Amelia Rosselli ed altri.
    Ha pubblicato in prosa ELOGIO DELLA PROVINCIA (1999) e il romanzo UN PARADISO TRISTE (2007), e cinque libri di poesia: AGGREGAZIONI (1974), OLTRE (1995), GRANDE ORCHESTRA JAZZ (1996), PER DOVE NON SONO STATO MAI (2002), OLTRE I CONFINI – BEYOND BOUNDARIES (2008). Quest’ultimo è stato scritto a quattro mani con la poetessa londinese Jessica d’Este, con testo a fronte inglese-italiano, per un tentativo di comunicazione autenticamente europea e globale.
    E’ in corso di pubblicazione la silloge antologia “L’OCEANO INGORDO DEI PENSIERI” Ed. Artescrittura, Roma 2011.
    Frequenti le sue incursioni nella multimedialità, di cui è testimone il CD video-poetico-musicale “AD ALTA VOCE” (2001-2010), dove le sperimentazioni visive si uniscono alle elaborazioni sonore dei testi. ===
    = Saluti affettuosissimi a tutti gli amici del Blog C.P., Gaetano Calabrese.

    Gaetano Calabrese

    8 marzo 2011 at 6:16 pm


I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: