COMUNITA' PROVVISORIA

terra, paesi, paesaggi, paesologia _ il BLOG

pasquetta a cairano

il giorno di pasquetta sarò a cairano a partire dalle quattro del pomeriggio fino a sera. andrò sulla rupe, mi porterò un libro per leggerlo nel museo dell’aria.

immagino che ognuno avrà altri progetti per quella giornata, ma se qualcuno vorrà venire mi farà piacere. ci andrò anche se piove.

la mia pasquetta a cairano è un segno di fedeltà assoluta a questo paesaggio.

qui ho speso tutta la mia vita e qui resterò fino alla fine.

lascio qui il mio cellulare nel caso qualcuno volesse venire a farmi compagnia

388 7622101

armin

Written by Arminio

23 aprile 2011 a 9:32 am

Pubblicato su AUTORI

7 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Ciao Franco, mi dispiace molto non poter essere lì, a Pasquetta, sulla rupe. Vi giunga un grandissimo abbraccio. Adelelmo

    ***

    Adelelmo Ruggieri

    23 aprile 2011 at 9:47 am

  2. caro adel
    ma per ora ci vado da solo, è un’iniziativa personale non della cp. cairano mi pare il luogo migliore per passare la pasquetta, dopo aver passato la mattinata a lavorare.

    Arminio

    23 aprile 2011 at 1:56 pm

  3. vedo che la pasquetta a cairano non interessa a nessuno degli amici cp.
    che bello sarebbe stato se ognuno avesse cambiato i suoi programmi per fare rotta sulla rupe
    con le proprie masserizie…

    Arminio

    23 aprile 2011 at 11:40 pm

  4. mi piacerebbe molto stare con te a cairano domani, ma non mi conviene proprio stare sette ore nel traffico al ritorno, tanti auguri di buone feste a te e a tutti

    sergio gioia

    24 aprile 2011 at 10:49 am

  5. Caro Franco, cari amici,
    vorrei venire a Cairano sullarupe ma spero tanto di fabbricare un sorriso tra le mie angosce; di sicuro telefonerò e vi dirò se potrò raggiungervi, Gaetano.

    Gaetano Calabrese

    24 aprile 2011 at 3:25 pm

  6. >>>a sostegno della iniziativa comunitaria del Profeta

    oggi pasquetta 2011, lunedi’ dell’angelo,

    un breve intenso racconto per lettrici e lettori,
    per Franco<<>> c’è qualcuno che non ha ancora voglia di uccidere
    forse sei Tu.
    puoi camminare per le strade, puoi bere, puoi fumare puoi fare l’amore, non Ti uccideremo…

    La città è piena di pericoli, ma il pericolo più grande siamo Noi…

    Tu non devi aver paura, celebriamo il ritmo dei Tuoi passi lenti, mai incerti, che sanno dove andare passeggiando…

    Ogni tanto vacilli, umanamente, posturalmente…

    Sembra quasi che zoppichi, ad osservarTi con attenzione…

    Stai anche assumendo una curvatura dorsale dorsale…

    In realtà non è comparso un “gibbo”, quanto piuttosto la fatica di vivere, lo sfinimento modificano la Tua fisiognomica.

    Ogni tanto Ti raddrizzi e cammini in maniera corretta poi Ti lasci andare, per la stanchezza…

    Quando Ti pieghi, di notte all’alba, incrementando il Tuo debito di sonno verso la Vita, sei encomiabile…

    Lavori per cambiare il Mondo e per l’Umanità, non certo per la Gloria…

    Non c’è nessuno che voglia davvero farTi del male…

    Non devi temere. ci siamo Noi a proteggerTi…

    Ma Noi soffriamo, abbiamo dentro un dolore morale indescrivibile, con cui conviviamo da tempo.
    Purtuttavia impariamo ad amare…

    Le lacrime, le gocce di pioggia, scorrono sul viso…

    La Luna ci rischiara, il Sole ci scalda e ci energizza

    Le Nuvole ci osservano, su quella ammiraglia c’è il “Grande Capo” , avvolto ne Suo mantello marrone, la barba scura, non ancora imbiancata, leggermente distratto…

    Ha per Noi una Misericordia Infinita, financo tenera

    Vogliamo seguirTi lontano, dovunque, a lungo…

    Vogliamo vederTi soffrire di meno, oppure insieme ancora di più…

    Vogliamo che Tu venga ad implorarci di partecipare, solo allora ci prenderemo tra le braccia, stringendoci forte al petto, come fanciulli smarriti…

    Ci porterai via, lontano da questa realtà insopportabile…

    Avevi pauea di nascere, appena nato hai pianto respirando…

    Ora hai paura di morire…

    La paura non ci abbandona mai… ci vuole coraggio…

    Non bisogna aver paura…

    C’è una Grande Ruota che gira: l’Eternità.

    Facciamo girare la Ruota…

    L’unica cosa che puo’ fare davvero male è la Vita.

    Buona Pasquetta a Tutti

    RQ

    rocco quagliariello

    25 aprile 2011 at 6:22 am

  7. Gli hippies andavano in Idia dal santone Sai Baba. Oggi si può andare sulla rupe a cairano da Arminio…santone degli ipocondriaci.

    fabnig

    25 aprile 2011 at 2:06 pm


I commenti sono chiusi.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: