COMUNITA' PROVVISORIA

terra, paesi, paesaggi, paesologia _ il BLOG

lettera al vice presidente della regione

metto qui la mail che ho mandato ieri sera a giuseppe de mita. appena avrò tempo scriverò qualcosa di più organico sugli indegni governanti della nostra regione. hanno fatto scelte indegne anche i loro predecessori, ma quella è una storia su cui mi sono già pronunciato. io posso parlare…
io e la mia famiglia non abbiamo mai avuto favori da nessuno….

Caro Giuseppe, qualche giorno fa è morto a Napoli il padre di un mio carissimo amico, venuto a Bisaccia da Torino, come turista. Ancora una volta si è visto che la rete dell’emergenza per noi non esiste. Il paziente ha atteso prima l’arrivo dell’ambulanza, poi è stato portato a Sant’Angelo dove non esiste una struttura in grado di affrontare emergenze cerebro-vascolari. Quando finalmente è stato trovato il posto a Napoli, non c’era più nulla da fare. Ogni giorno il paziente posso essere io, i miei figli, qualunque cittadino dell’Irpinia d’oriente. E’ una situazione inaccettabile che c’era già prima della vostra giunta, ma voi non avete fatto niente per migliorarla. Penso che come irpino dovresti vergognarti ogni volta che muore una persona in circostanze come questa. Cosa aspettate a prendere una decisione e dare un minimo di certezza alle persone? Se mi fossi trovato davanti al padre del mio amico lo avrei messo in macchina e portato a Foggia. Magari moriva pure lì, ma i medici sarebbero intervenuti dopo un’ora e non dopo cinque.

Dopo una cosa così importante, ti dico anche una cosa più futile, legata a Cairano. Come si fa a credere nelle cose che dici quando poi assegnate un finanziamento di settantamila euro ai giullari di Atripalda (tanto per dirne una) e lo negate a Cairano? Ho passato l’ultimo mese a dire no a tante persone che volevano aggiungersi ai prestigiosi ospiti in programma. A questo punto non so neppure se la rupe dell’utopia, il segmento da me curato, si farà. Consideravo scontato il finanziamento regionale e invece ho visto che avete finanziato un sacco di porcherie e Cairano non c’è. Il programma è cominciato con il logo della regione Campania che risulta tra gli enti che finanziano senza che il finanziamento ci sia.
Ti ho concesso intimamente un credito che sta scemando precipitosamente. E’ chiaro che devo cambiare atteggiamento.

Written by Arminio

21 giugno 2011 a 1:50 pm

Pubblicato su AUTORI

20 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Caro Franco ci può salvare solo una nuova regione o l’accorpamento alla Puglia o alla Basilicata. Il napolicentrismo dilagante non ci porterà altro che sofferenze. E’ assurdo morire perchè si arriva dopo cinque ore in un ospedale attrezzato, neanche nel Burundi … e l’assurdo è che il 118 mette in scena una pubblicità che recita più o meno così … Chiama subito, ogni minuto potrebbe essere fatale ” Ma come cazzo si fa” ??? E’ pura follia o progetto meditato per far abbandonare i luoghi ? chiudere gli ospedali in una zona ad alta densità sismica, al prossimo terremoto quanti morti piangeremo ??? E per certo ti dico che stanno organizzando un piano per le discariche preferendo le così dette “zone grige” (argillose) alias Irpinia e Sannio … I nostri amministratori a tutti i livelli dovrebbero dimettersi e far diventare il caso una bomba europea. Andiamo via dalla Campania prima che questa madre snaturata ci divori per poi piangere tra qualche anno, quando qualcuno capirà gli scempi fatti ad un territorio che certamente non merita tanto accanimento.

    giovanni ventre

    21 giugno 2011 at 3:09 pm

  2. Non ci resta che affidarci a maghi e fattucchiere …

    giovanni ventre

    21 giugno 2011 at 3:10 pm

  3. … vergognarsi? Ma se hanno scientificamente distrutto il terrore della sanzione sociale (vereor gognam) …

    paolo

    21 giugno 2011 at 3:38 pm

  4. è colpa soprattutto dei politici irpini venduti a quelli di napoli. per i guasti di napoli è colpa soprattutto dei politici napoletani venduti a quelli di roma e milano. per i guasti dell’italia è colpa soprattutto di quelli nazionali venduti ai politici europei. per i guasti dell’europa è colpa dei politici europei venduti a quelli degli usa…insomma provate a leggere “il mullarh omar” di massimo fini, è ancora in libreria

    sergio gioia

    21 giugno 2011 at 4:38 pm

  5. infatti mi ha risposto che dovrei vergognarmi o perché non avrei diritto ad avanzare critiche. non avrei mai voluta scriverla questa mail perché pensavo che con qualche politico fosse utile dialogare, ma questo dialogo è impossibile. per loro bisogna solo convenire e aspettare a tempo debito la ricompensa. è uno schema che non accetto. cairano ha diritto al contributo. chi glielo nega fa una politica disonesta.

    Arminio

    21 giugno 2011 at 4:39 pm

  6. Facciamocene una ragione “La riscoperta dell’accoglienza benedettina” a Cava dei Tirreni (250milaeuro) e sempre a Cava altri 129mila euro sempre per la famigerata Abbazia …negli uffici regionali TIRA più di un paese intero aperto all’accoglienza.
    W CAIRANO
    Ecco il riparto dei fondi-Notizie di ieri- Riporto il link –

    http://redazione.regione.campania.it/rcnews_ce/showDocumentsNletter.php?04e2cb8004f27fa7b8d0af5c5f9d0e39=828ada854f610bebe0fb09fa5156fab1&nletter=nletter&num_newsletter=135&pgCode=G6I56R2870&refresh=on

    Lucrezia Ricciardi

    21 giugno 2011 at 5:44 pm

  7. a.s. ho provato a mettere questo commento nel pertinente post del borgo giardino. ma lì finisco in spam.

    Il “giardino” – con tutte le concessioni all’estetico e all’improduttivo che l’accezione corrente suggerisce – mi sa che hanno poco ancoraggio con il vissuto cairanese. Certo, è parola gradevole, con quella frescura che ti pare di sentirla, impregnata di profumo di rose rosse che si spande per l’intorno (“tutto lu ciardino addorava de rose a ciento passi”). Ma è parola di importazione, da ambientazioni ‘urbane’, dove la terra – che si zappa – fa posto alla terra che si ammira, ammantata di colori e di profumi e di geometrie razionali….
    Staremo a vedere. A me pare un fuor di luogo, una fusione a freddo tra un contesto senza il problema (la catastrofe dell’inquinamento da iperconsumo diciamo che mi è sfuggita a Cairano) e una soluzione senza il contesto.
    Il sindaco e dragone pensano che il giardino salverà Cairano. E gli porterà lo ‘sviluppo’. Speriamo bene.
    Posto com’è sulla frontiera tra la terra e il cielo, nessuno arminio sarebbe riuscito nell’impresa.
    Ma era solo uno scrittore, non la Cassa per il Mezzogiorno.

    paolo

    21 giugno 2011 at 7:23 pm

  8. domani esce una mia intervista sul corriere irpino dove parlo del demitismo.
    sono ancora una persona libera……

    Arminio

    21 giugno 2011 at 8:00 pm

  9. io concordo con il giudizio espresso nella mail da franco; ringrazio anche Lucrezia per aver postato il link alle decisioni della regione.
    Io continuo a chiedermi se ha senso che gli altirpini e tutti coloro che abitano in posti poco densamente abitati paghino le stesse tasse di chi sta in città per avere neanche 1/4 dei servizi che i cittadini hanno (ospedali, scuole, internet etc.).

    teoraventura

    21 giugno 2011 at 9:59 pm

  10. Roma – La Camera dei deputati ha bocciato la proposta dell’Idv sull’abolizione dell’attuale legge sul vitalizio per i parlamentari, in carica e non. La legge in vigore prevede un vitalizio mensile di circa 3mila euro al mese per ogni deputato presente e passato che abbia effettuato almeno un giorno di lavoro: confermata l’abissale distanza tra l’istituzione parlamentare e l’Italia reale.

    A proporre l’abrogazione della legge il deputato dell’Italia dei Valori Antonio Borghesi, che ha parlato in mattinata di fronte ai pochi presenti. “Non sarà mai accettabile per nessuno – ha detto nel suo breve intervento – che vi siano persone che hanno fatto il parlamentare per un giorno (ce ne sono tre) e percepiscono più di 3mila euro al mese”.

    “Non sarà mai accettabile che ci siano altre persone rimaste qui per 68 giorni, dimessisi per incompatibilità, che percepiscono un assegno vitalizio di più di 3mila euro al mese – ha concluso – C’è addirittura la vedova di un parlamentare che non ha mai messo piede in Parlamento, eppure percepisce un assegno di reversibilità”.

    La soppressione di tale legge avrebbe permesso un risparmio annuale di circa 150milioni di euro. In tempo di crisi è veramente un’inezia: sarebbe stato comunque un buon inizio.

    Arminio

    21 giugno 2011 at 10:06 pm

  11. Accorpamenti ad altre regioni, utopie di regioni nuove e salvifiche o no…io sono per la chiusura dell’ospedale di Sant’Angelo. Mi spiace soltanto per Cairano 7x, credo che avrebbe meritato dei finanziamenti visto che quella cretinata di giullarte ad Atripalda ne prende e anche troppi…

    Luigi Capone

    22 giugno 2011 at 3:16 am

  12. …ma Giuseppe De Mita è di Avellino e qua ognuno tira l’acqua al suo mulino…

    Luigi Capone

    22 giugno 2011 at 3:20 am

  13. Caro Paolo,
    alcuni commenti sono stati rimossi nella giornata di ieri a seguito di richiesta di Franco Arminio, Luigi D’Angelis e Mauro Orlando; di conseguenza, altri commenti pertinenti sono stati rimossi poiché non si capiva più il senso degli stessi senza le premesse_
    Vedo che non hai sfogliato il programma : il tema mi sembra scritto in modo chiaro : “Un giardino ci salverà ?” come vedi il punto interrogativo è portato al di dentro delle virgolette._
    a Cairano 7x non saranno date ricette, magari al termine, una confezione di ‘manna’ di frassino, albero che pianteremo a Cairano; un panetto al giorno dona purezza intestinale. E si sa che l’intelletto risente molto delle condizioni dell’intestino.
    caro paolo, ci sono molti nuovi e buoni segnali quest’anno a cairano 7x _
    evitiamo come C.P. di cadere nel chiacchiericcio. cairano non ha mai beneficiato della cassa per il mezzogiorno.

    A_ve

    22 giugno 2011 at 8:07 am

  14. Angelo, continuo a giudicarti migliore di quanto la maleducata supponenza esibita sopra suggerirebbe.
    Però, non esagerare…

    paolo

    22 giugno 2011 at 9:16 am

  15. :)

    A_ve

    22 giugno 2011 at 9:29 am

  16. Spero che nelle vostre discussioni possiate ricordare e tenerne conto che dal 13 dic 2010 la ferrovia Avellino-Rocchetta è stata chiusa. Uno scippo, figlio di un dio minore, di cui nessuno ne parla. Sembra che ci sia quasi fastidio a ricordarlo. Anche voi di Cairano7x e della Comunità Provvisoria avvertite questo fastidio? Eppure questa ferrovia è parte integrante del paesaggio che voi celebrate: è la ferrovia dell’Irpinia d’Oriente. Per un anno noi di Inloco_motivi abbiamo tentato di dare valenza paesaggistica alle nostre iniziative con il treno irpino del paesaggio, un successo che meritava una maggiore attenzione da parte di tutti ed ad ogni livello. L’ultima beffa il progetto presentato dal Comune di Montella per rivitalizzare tale ferrovia a fini turistici/culturali è stato classificato 21* nella graduatoria per finanziamenti dalla Regione Campania. E’ il primo progetto dopo i 20 ammessi al finanziamento per soli 0,49 punti. Con questa nota spero di avervi dato una modesta indicazione per recuperare quanto meno una condivisione ideale. Una menoria collettiva non può essere cancellata da scelte operate da chi non conosce le bellezze paesaggistiche della nostra Irpinia. A voi buon lavoro
    Pietro Mitrione
    Associazione amici della line aferroviaria Avellino-Rocchetta

    Pietro Mitrione

    22 giugno 2011 at 6:55 pm

  17. Scusa Angelo se mi intrometto ma credo di avere una illegittima curiosità: ma Arminio, D’Angelis e Mauro Orlando hanno il potere (il diritto?) di chiede la cancellazione dei commenti? E da quando? Questa è davvero bella e la devo dire in giro, magnifica cosa, complimenti!

    enzlu

    23 giugno 2011 at 12:01 am

  18. caro enzo rifletterò sulla questione che poni; teniamo conto però che un commento non si può ritirare da soli, nel senso che non si è abilitati a rientrare nel commento (almeno su questo blog); e se uno sbaglia a postare qualcosa dovrebbe avere il diritto di chiederne la cancellazione o la rettifica.

    A_ve

    23 giugno 2011 at 8:03 am

  19. Si certo, il proprio commento ovviamente è affare del tutto personale ed è giusto qualsiasi scelta circa la pubblicazione, la modifica e la cancellazione. Ma qui avevo avuto l’impressione che si trattasse di commenti di altri, per i quali la richiesta di cancellazione era cosa deplorevole.

    EnzLu

    enzlu

    23 giugno 2011 at 11:44 am

  20. [color=#3993ff]Carissimi,
    io volevo parlor di a proposito di un argomento che sicuramente e’ parecchio non consono al tema di questo forum, ma nonostante tutto io mi piace pensare che una variazione sul tema sara’ tollerata. Sono un gentleman di 28 anni, con una enorme passione per [/color] [url=http://semi-di-marijuana.blogspot.com/2011/02/semi-cannabis.html]semi cannabis[/url] [color=#3993ff] e voglio trasmettere questa passione anche grazie a questo blog. Ora che sono qui, non aspettate a inviarmi inviti.

    ciao ciao

    Stefano[/color]

    Steammess

    7 luglio 2011 at 12:42 pm


I commenti sono chiusi.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: