COMUNITA' PROVVISORIA

terra, paesi, paesaggi, paesologia _ il BLOG

cairano 7x BORGO GIARDINO, la banda sulla Rupe dell’Utopia

inno al paesaggio

Written by A_ve

27 giugno 2011 a 5:07 pm

12 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Sarebbe bello se si formasse a cairano la banda della rupe. l’irpinia d’Oriente e’ un luogo cruciale

    Arminio

    27 giugno 2011 at 5:16 pm

  2. “… riprendere la cultura popolare delle bande-musicali “in chiave Innarella”, coinvolgere ragazzi delle superiori e metterli a suonare. Sarebbe un botto!”

    caro franco, era un commento mio (è la vanità, bellezza!) del 12 gen 2010, ore 9.10…

    paolo

    27 giugno 2011 at 5:43 pm

  3. Attorno a noi accade che senza interruzione, ogni giorno, il paese dell’accidia genera la sua miseria, si comprende allora perché la felicità sfugge, questa infatti vuole essere coltivata e meritata e chi ha pratica di terra, orti e giardini sa quello che voglio dire.

    Ho visto il video della banda musicale e come ad essere lì 36 ore dopo mi sono immedesimata tra i presenti . A Cairano con mio nipote Matteo (6 anni) venerdi pomeriggio quando tutto si stava avviando prima di entrare a san Leone ho fatto un giro per il paese. L’ardimentoso A.Ve insieme “ad altri irpini di buona volontà “ ha messo in moto un bel movimento, l’incontro inter -generazionale ed inter-nazionale è già in sé un evento. Questa volta a casa loro i nostri ragazzi “di provincia” hanno fatto esperienza di un altro modo di vedere “un paese” intuendo che c’è anche un’altro modo di fare. E questo VALE in sé – aldilà dei risultati che pure ci saranno.
    Come una specie di caccia al tesoro che dura da una vita, venerdì scorso ho trovato tracce della vita morbida che vorrei. Quando l’entità paese “trova una chiave per parlare e per mostrarsi” non posso che provarne BENE e DOLCEZZA. Ogni paese ha lo sguardo ed il respiro dei suoi abitanti, tutto si è già stratificato ma si è sempre in attesa di ciò che deve ancora avvenire. E ciò che avviene è ADESSO.

    • Finché non ci si impegna, allora regnano l’esitazione, la possibilità di tirarsi indietro, e sempre l’inefficacia. A proposito di ogni gesto di iniziativa, c’è una verità elementare, ignorare la quale vuol dire uccidere un’infinità di idee e splendidi progetti: nel momento in cui ci si impegna definitivamente, allora anche la Provvidenza inizia a muoversi. Cominciano a succedere cose che altrimenti non sarebbero mai accadute. Un intero flusso di eventi scaturisce dalla decisione, portando a favore di chi si impegna ogni sorta di accadimento imprevisto, ogni incontro, ogni assistenza materiale, come nessuno avrebbe mai potuto immaginare. Qualsiasi cosa puoi fare o sogni di poter fare, comincia a farlo. Nell’ardimento ci sono genio, potere e magia. Comincia. Ora. [Goethe] •

    Lucrezia Ricciardi

    27 giugno 2011 at 7:31 pm

  4. sono stato a cairano venerdì e sabato. mi è costato fare quasi 600 km in due giorni ma è stata un’esperienza di una levità e, oso dire, di una classe straordinarie. non c’era neanche una persona banale, neanche una. è questo basta a fare di borgo giardino un evento davvero speciale. grazie a tutti

    sergio gioia

    27 giugno 2011 at 8:10 pm

  5. cairano ti resta nel cuore! grazie!

    clelia

    27 giugno 2011 at 8:20 pm

  6. bello. il titolo potrebbe essere “suonare al vento”.

    Luigi Capone

    27 giugno 2011 at 8:54 pm

  7. siat generosi…..
    omaggiate la banda di calitri, una delle più spigliate bande in circolazione.

    Arminio17@gmail.com

    27 giugno 2011 at 11:09 pm

  8. Complimenti sinceri alla banda musicale calitrana ! Non si era mai visto prima d’ora una banda suonare ad un pubblico fatto di aria, di lago, di distese immense……..

    Prince Rea

    28 giugno 2011 at 7:43 am

  9. eccezionali

    Luigi Capone

    28 giugno 2011 at 4:02 pm

  10. Bellissimo omaggio alla rupe………

    giovanni luigi panzetta

    29 giugno 2011 at 10:10 am

  11. Sarebbe bello se si formasse a cairano la banda della rupe. l’irpinia d’Oriente e’ un luogo cruciale. E pure questo blog lo e’. Sarebbe il caso che tutti si facciano vivi più spesso

    Arminio

    29 giugno 2011 at 11:44 am

  12. W la babnda di Calitri
    W Cairano e la sua rupe

    Raffaele Ruberto

    29 giugno 2011 at 5:39 pm


I commenti sono chiusi.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: