COMUNITA' PROVVISORIA

terra, paesi, paesaggi, paesologia _ il BLOG

Posts Tagged ‘antonio vespucci

Antonio Vespucci a Carmasciano, 20.11.2010

AltaIrpinia 20.11.2010 (1), inserito originariamente da angelo verderosa.

Visita alle Mefite e a Carmasciano, nel territorio di Rocca San Felice, con Enrico Finzi e consorte, Mario Marciano, Antonio Vespucci, Agostino Della Gatta, Antonio Bergamino.

20 novembre 2010 dopo il convegno “gli italiani e il sud” tenuto ad Avellino il 19.11.2010 / TP associati

approfondimenti :
comunitaprovvisoria.wordpress.com/2010/11/09/gli-italiani…
comunitaprovvisoria.wordpress.com/2010/11/26/enrico-finzi…

nella foto: antonio vespucci

altre foto: http://www.flickr.com/photos/verderosa/sets/72157625660016144/show/

PARCO RURALE, l’irpinia è fiera dell’est

articolo di vincenzo castaldo

Vincenzo Castaldo _ IL MATTINO

  sabato 27 novembre 2010 

L’attuale difficoltà di mercato, le avversità atmosferiche e la volatilità dei prezzi hanno praticamente messo in ginocchio l’agricoltura campana, già in crisi per l’applicazione di una politica assistenziale e pseudo industriale incapace di garantire sviluppo. Per individuare nuove strade che possano favorire la ripresa del settore agricolo, in un momento in cui anche la politica economica di governo sembra precipitare, diversi amministratori, ambientalisti, ingegneri, architetti, promotori turistici e produttori irpini si riuniranno stamane a Sant’Andrea di Conza per il convegno «Filiere agricolturali per il Parco rurale dell’Irpinia d’Oriente», promosso dall’architetto irpino, Angelo Verderosa, d’intesa con «Gambero Rosso», Legambiente, il portale web «IrpiniaTurismo» e il gruppo «Comunità Provvisoria», nell’ambito della rassegna culturale di idee e progetti «Colori d’autunno». La kermesse, che si aprirà, oggi alle 10, nell’ex Fornace dei laterizi, si rivela un’occasione unica più che rara per rilanciare l’Est irpino, un territorio specificamente agricolo di circa settecento chilometri quadrati – pari a un terzo della superficie della provincia di Avellino – le cui potenzialità sono ben note soprattutto se connesse alle produzioni di pregio.

Leggi il seguito di questo post »

sabato 30 ottobre 2010 a sant’andrea di conza

A Sant’Andrea di Conza, terzo appuntamento con “COLORI d’AUTUNNO”. SABATO 30 ottobre, intera giornata dedicata ad eventi e dibattiti di Architettura.      Si discuterà di “FABBRICHE” – Archeologie Industriali e Nuovi Usi; da luoghi del lavoro manuale a luoghi del pensiero collettivo.  

In mattinata: presentazione del libro “IL CINEPORTO della Film Commission Torino Piemonte” Ed. Celid, con l’autore Luca Gibello, caporedattore del ‘Giornale dell’Architettura’  Allemandi Editore. Interventi di   Luigi Centola, docente universitario, vincitore degli Holcim Awards per la costruzione sostenibile; Massimo Pica Ciamarra, docente universitario, presidente dell’O.I.A., vicepresidente dell’INARCH; Fulvio Fraternali, presidente dell’Ordine Architetti P.P.C. di Avellino; introduce Angelo Verderosa con la videodocumentazione dei lavori di recupero del prezioso forno Hoffmann interno alla Fornace di Sant’Andrea.  Al convegno partecipano i ragazzi del Liceo Artistico di Calitri e del Liceo Classico di Sant’Angelo dei Lombardi.    Alle ore 14 buffet con prodotti agroalimentari di qualità, irpini e lucani, selezionati e proposti da Antonio Vespucci, offerti dall’Amministrazione Comunale.

Nel pomeriggio, apertura della mostra “Fabbriche” – fotografie e videoproiezioni di Salvatore Di Vilio. Dibattito sui luoghi del lavoro con  Leggi il seguito di questo post »

COLORI d’AUTUNNO a Sant’Andrea di Conza

il programma è in via di definizione; è possibile partecipare ai convegni con proprie relazioni;  si prevede la continuazione da febbraio a maggio 2011 con eventi in fase di preparazione.
la comunità provvisoria è naturalmente protagonista delle giornate santandreane; una sorta di cairano 7x ma dilatata nel tempo lungo dell’inverno appenninico.
Ogni suggerimento comunitario è ben accetto. grazie

(c’è tanto da lavorare, domattina -domenica 10 ottobre 2010 alle 10- saremo ad appendere i quadri della mostra che aprirà il 16; poi andremo ad Orsara di Puglia con Antonio Vespucci; convegno su cucina, prodotti e territorio all’azienda di Peppe Zullo e colazione; nel pomeriggio si va alla Masseria Paglicci a San Marco in Lamis)

chi può in generale dare una mano nell’organizzazione di COLORI d’AUTUNNO a Sant’Andrea di Conza è il benvenuto !

Come riportato nei manifesti : “Le manifestazioni non beneficiano di contributi economici pubblici né partitici; si realizzano grazie all’autotassazione degli amministratori comunali e al contributo di : “ANDREONE MARBLES” -azienda locale-

PROGRAMMA  : https://comunitaprovvisoria.wordpress.com/colori-dautunno-a-santandrea-di-conza/

.

bozza locandina

Written by A_ve

9 ottobre 2010 at 9:21 am

Pubblicato su Angelo Verderosa _, COLORI d'Autunno a S.Andrea _, EVENTI Comunitari, PAESAGGIO / Architettura, PARCO RURALE _, Petizioni, Segnalazioni, Stampa

Tagged with , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

avvicinamento al parco

Antonio Vespucci in un video di Michele Citoni – Formicoso 18.8.2008

un contributo di avvicinamento al Parco dell’Irpinia d’Oriente

9 gennaio 2010- 1° seminario di paesologia

<<COMPRATE la TERRA, è un bene CHE NON Se ne PRODUCE PIU’>> …  “a grande richiesta”  il ‘post’ rimane in prima pagina per un altro po’ di giorni; i COMMENTI sul Seminario del 9 gennaio 2010 (ormai è storia) si infilano qui (siamo ben oltre i 200). I commenti sono liberi; non è attivata alcuna moderazione (quando capita è per meri problemi tecnici di wordpress tipo link, sprawl, ecc.)_  E’ possibile inserire i TESTI per l’ALMANACCO come commento, saranno poi ripresi come ‘post’.  (viva pasquale innarella) ECCO LE  FOTO : http://www.flickr.com/photos/verderosa/sets/72157623056743917/show/ 

sabato 9 GENNAIO 2010 la COMUNITA’ PROVVISORIA ha tenuto il 1° SEMINARIO di PAESOLOGIA nel Castello d’Aquino a  Grottaminarda (avellino), uscita sulla A16 Napoli-Bari.

Gli atti del seminario saranno curati e raccolti da Mauro Orlando; coordinamento operativo, grafico e di impaginazione : Amici della Terra; gli interventi (corredabili di immagini) devono essere spediti (oltre che messi nei commenti) ad amiterav@libero.it _ Nelle prossime ore Luca Battista pubblicherà un post operativo per la realizzazione del catalogo.
– – Leggi il seguito di questo post »

dopo bonito RIPARTE LA COMUNITA’

logo-21-cm

testo della ‘comunità provvisoria’

Siamo appena tornati da bonito dove abbiamo tenuto una riunione della CP. Giornata piovosissma, eravamo in tanti, circa 30, ma i comunitari non presenti ci sono mancati.  La riunione è stata molto animata e partecipata, come sempre.

Accorati gli appelli a proseguire sulla strada primigenia della Comunità : Giovanni Ventre, Tonino Morgante, Michele Ciasullo, Agostino Della Gatta, Antonio Luongo, Claudio Calabritto, Sergio Gioia, Erberto di Cairano, Leggi il seguito di questo post »

incontri itineranti / sabato 8 novembre : PAESAGGI ARCHEOLOGICI

architettur@  in  irpinia

3° incontro

Sabato  8 novembre  2008

PAESAGGI ARCHEOLOGICI

Rocca S.Felice, Mefite, Castello di S.Angelo dei Lombardi (av)

” Est locus Italiae medio sub montibus altis, nobilis et fama multis memoratus in oris, Ampsancti valles….

” Vi è un luogo al centro dell’Italia circondato da alte montagne, famoso e celebre in ogni posto: la valle d’Ansanto….”

Versi 563-565 del VII Canto dell’Eneide di Virgilio

media partners

http://www.esempidiarchitettura.it/news.php?id=296

http://www.tafter.it/2008/11/05/rocca-sfelice-av-alla-scoperta-dei-paesaggi-archeologici-altirpini-l8-novembre/

http://www.edilone.it/Architettura-in-Irpinia-paesaggi-archeologici_attualita__x_1761.html

http://www.irpinianews.it/DaiComuni/news/?news=37840

http://newstampa.splinder.com/post/18931913/Paesaggi+archeologici

http://verderosa.wordpress.com/2008/11/03/architettura-in-irpinia-_3%c2%b0-incontro-paesaggi-archeologici/

http://www.presstletter.com/articolo.asp?articolo=1689

Leggi il seguito di questo post »

architettura in irpinia

architettur@  in  irpinia

1° incontro

 

Sabato 11 ottobre 2008

EDIFICI ENERGETICAMENTE EFFICIENTI /  doveri e opportunità

ABBAZIA del GOLETO – Sant’Angelo dei Lombardi

 

La quantità di energia complessivamente consumata in un’edificio è per la gran parte spesa per il suo riscaldamento nella stagione invernale e per il condizionamento estivo.

E’ necessaria una progettazione dell’involucro finalizzata alla riduzione dei consumi, senza penalizzare il comfort abitativo né aumentare i costi di costruzione; questo soprattutto nell’obiettivo di salvaguardare il nostro ambiente di vita. Nel convegno saranno mostrate le esperienze maturate  in Italia e in altri paesi europei.

.

inizio alle ore 15 con la visita guidata ai recenti lavori di restauro dell’Abbazia –  guarda il  programma completo

abbazia del goleto _a.verderosa 2002-2007

abbazia del goleto _a.verderosa 2002-2007

.

c.p., escursione del 24 maggio 2008 / VIDEO + FOTO

VIDEO e FOTO dell’escursione del 24 maggio nell’irpinia d’oriente

la facoltà di architettura dell’università di napoli 2 incontra la comunità provvisoria. da ‘pero spaccone’, sito della discarica impropriamente individuata nel decreto rifiuti, a bisaccia nuova -a parlare della ricostruzione- a bisaccia vecchia; poi ad aquilonia e alla diga di monteverde.

nei video potete ascoltare cos’è la c.p., cosa vuole essere altura e poi il parco.

antonio parla di cosa mangiano le podoliche e poco più in là enzo tiene una filippica sul granaio della campania e sul tentativo di avvelenamento delle acque. 

no alla discarica, sì al parco dell’irpinia d’oriente

Leggi il seguito di questo post »

GOLETO

goleto-ruderi_light.jpg

Sto viaggiando verso casa. Le belle ore al Goleto stanno tutte – ancora intatte – nella mente. Il ricordo di appena ieri è grande quasi quanto la giornata da poco trascorsa. Il tempo via via sforbicerà le dimensioni di questo ricordo, fino a ridurlo a un punto luminoso assai. C’era una luce piena e pulita ieri al Goleto, e fin dall’inizio con tutti noi raccolti in cerchio sotto il sole del mattino ad ascoltare l’amico Antonio Leggi il seguito di questo post »

UNA BELLA GIORNATA AL GOLETO

goleto-museo_light.jpg

Con la giornata del 24 febbraio all’abbazia del Goleto di Sant’Angelo dei Lombardi, la Comunità Provvisoria segna un altro punto a suo favore.

Un’intera domenica dedicata allo scambio di nuove conoscenze, di lezioni culinarie, di poesie, proiezioni, dibattiti, scambi di esperienze, canzoni, esperimenti sul silenzio.

Leggi il seguito di questo post »

partito democratico rivoluzionario

santojanni-verderosa-37.jpg  _ dal diario di Franco Arminio

lunedì 28 gennaio, 10.12  ____________ programma del partito

il partito democratico rivoluzionario è il partito dell’irpinia d’oriente.

il programma per ora costa di un solo punto: andare dietro il paesaggio, il nostro paesaggio.

un partito silenzioso. non è necessario sollevare troppe parole. un partito che urla a bassa voce.

un partito territoriale, comunitario.

Leggi il seguito di questo post »

dal goleto a castel del monte con la moto di federico II

Ieri sera, “viaggiando”, come al mio solito con la testa tra le nuvole dell’alta irpinia, sono arrivato all’Abbazia del Goleto… stavolta mi sono perso davvero e sono arrivato un pò tardi. Mi sono perso la prima parte (è stato ricordato un monaco benedettino, P.Lucio, che ha riaperto l’Abbazia 200 anni dopo la soppressione napoleonica; l’Abbate di Montevergine si oppose per 10 anni al proposito di P.Lucio; nel 1973 P.Lucio partì da Montevergine senza un libro e senza un abito di ricambio; con Lui l’Abbazia è risorta) . In compenso ho sentito la Messa …era parecchio tempo. Angelo è stata una “guida” speciale nell’accompagnarci a leggere la storia e l’architettura di un luogo fantastico. Giorni fà Vi parlavo delle “forme della comunicazione” e lì ne ho ritrovata una: “l’ottagono” (nei basamenti delle colonne della Chiesa di S.Luca -1250- opera delle maestranze inviate da Federico II da Castel del Monte al Goleto, in ossequio alla Badessa Marina II). La forma del Graal? La forma della “macchina del tempo” (o configurazioni del mutamento, o moto perpetuo?). Ho ritrovato le “forme della bellezza di molti luoghi” che ho visto nei miei viaggi con la mia moto del tempo. Oltre ai cerchi e alle spirali. Ieri sera ho anche conosciuto tante altre persone speciali (Antonio Vespucci e Antonietta Cassese da S.Andrea di Conza, Tonino Restaino e Emidio De Rogatis da Teora, Giuseppe De Mita senior, Antonio Ressa e Gianni Acquavivola da Nusco, Antonio Imbriano, il giovane Gerardo Policano, i già comunitari Giovanni Maggino, Pasquale Lodise, Antonio Luongo di Cairano, Arcangelo de la Locanda, i monaci goletani Paolo Maria – Roberto e Wilfried-). Siamo partiti dalle dune di silice del Presepe allestito da Antonietta, si cava da 8.000 -ottomila- anni in prossimità di Melfi, siamo passati per il sepolcro di mARCO pACCIO mARCELLO al Goleto da 2000 anni, alla viabilità Romana (da Aeclano per la Traiana e l’Appia), a Santa Felicita, all’asse viario (pellegrinaggi + armenti) Picentia-Monte Sant’Angelo con sosta alle sorgenti dell’Ofanto (e quindi al Goleto), a S.Guglielmo e al suo terzo pellegrinaggio mancato, a Marina II, a Federico II, a Giulio II … alle 10 e 30 eravamo in otto intorno alla colonna ottagonale … in un council improvvisato. Siamo quindi passati da Teora (baricentro tra le civiltà di Oliveto e Cairano), col toro sannita nello stemma a Pescopagano con la petra del Giano bifronte. Abbiamo degnamente ricordato i nostri protostorico-genetici irpino-sanniti, guidati dal lupo che infine ha accompagnato S.Guglielmo -patrono dell’Irpinia- entrando in s.Pietro nella navata principale – lato dx. E i longobardi con il culto dell’Angelo, dell’Arcangelo, da Sant’Angelo (dei Lo/mbardi) a Monte S.Angelo. E ancora le fondazioni abbaziali di Guglielmo (dal Goleto verso l’Oriente a cui tendeva): S.Michele a Monticchio, S.Maria di Pierno, passando per Lagopesole, Venosa e … Castel del Monte. / E’ bella l’idea che Angelo ci ha proposto: andare a visitare Castel del Monte costruito da Federico II -che ne dite di un viaggio a piedi?- La ritengo molto importante e quasi per me una scelta obbligata (poi capirete perchè). Alcune delle “forme” architettoniche che si trovano nel Castel del Monte, Angelo le ha ritrovate nell’Abbazia del Goleto. Ho spiegato, a tutti gli amici presenti nel cerchio di ieri sera, che la ricerca, il viaggio che stiamo facendo, non è casuale. Le “forme” geometriche di Castel del Monte (in primis l’ottagono), delle Piramidi, di Stonehenge e di alcune colonne della chiesa di S.Luca corrispondono al numero aureo di Fibonacci… sull’argomento tempo fa ho scritto delle cose. // Trovate il (vostro) tempo e leggete …(questi i due link) http://www.girodivite.it/Le-nuove-frontiere-della-fisica.htmlhttp://www.girodivite.it/Renato-Palmieri-ci-apre-una-porta.html saluti da Enzo Maddaloni (nanosecondo) e da Angelo Verderosa

info sul Goleto: www.goleto.it

per vedere le foto della Piazza (Premio Intraluoghi 12007): http://www.flickr.com/photos/verderosa/sets/72157603301906895/

il videoclip nella Cappella di S.Luca

Il “GIARDINIERE” ricorda Padre Lucio

Oggi pomeriggio mi sono recato al Goleto alla commemorazione di Padre Lucio, e mentre guardavo le diapositive con cui Angelo Verderosa illustrava la storia dell’Abbazia, con la mente ritornavo a quei giorni d’estate agli inizi degli anni settanta quando un gruppo di ragazzi e ragazze di cui facevo parte anch’io, provenienti da ogni località d’Italia per le vacanze estive a Nusco, a piedi scendeva alle – allora – rovine del Goleto, per visitarle e per conoscere Padre Lucio. Erano quelli anni di grandi fermenti politici e ideali ed eravamo affascinati dalla scommessa di Padre Lucio di far rivivere quelle pietre, di costruire una comunità attorno a degli ideali che noi giovani studenti alquanto confusamente, mischiavamo con i capovolgimenti di anni belli e terribili. Stavamo ore seduti sulle pietre a discutere con lui anche animatamente ma senza mai perdere di vista la prospettiva che lui ci raccontava come se fosse cosa viva: far rivivere il Goleto. Credo che ci sia riuscito, anche se lui non ha potuto vederlo – e mentre ritornavo in macchina a casa, vedevo le luci dell’Abbazia nella notte della valle dell’Ofanto illuminata come un faro di speranza per viandanti senza meta. Padre Lucio ha vinto la scommessa! __ Il giardiniere 4/1/2008

le foto della cerimonia di dedicazione della Piazza a P.Lucio Maria De Marino al Goleto http://www.flickr.com/photos/verderosa/sets/72157603649051470/

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: