COMUNITA' PROVVISORIA

terra, paesi, paesaggi, paesologia _ il BLOG

Posts Tagged ‘camorra

Per Saviano: condividere il rischio

di Carla Benedetti

Non basta dichiarare a Roberto Saviano solidarietà a parole, non basta lodarlo, non basta leggere in piazza pagine di Gomorra. Non basta nemmeno dire che egli è tutti noi. Ogni parola, anche sincera e intensa che noi possiamo pronunciare o scrivere in sua difesa o in sua lode è certo una cosa buona, ma non è proporzionale al rischio che egli sta correndo e continua a correre per aver osato sognare un paese diverso da questo, per aver avuto il coraggio e la libertà di appellarsi alla responsabilità civile e umana dei suoi concittadini.  

L’unica cosa proporzionata al suo fare è fare come lui!

Leggi il seguito di questo post »

Written by Arminio

19 ottobre 2008 at 10:18 PM

pancho pardi su saviano

di Pancho Pardi

Il caso Saviano pone un problema delicato. Non si può chiedere a nessuno di fare l’eroe per rafforzare la volontà di lotta degli altri. Saviano aveva pensato di scrivere un libro.

Ha scritto un bellissimo libro. Un’opera originale che oggi quasi nessun nuovo lettore può affrontare senza saperne niente. I lettori di oggi ne sanno già qualcosa, almeno per sentito dire. Ma chi l’ha letto nei primi giorni, forse anche nei primi mesi, era subito preda di un senso di fascinazione e al tempo stesso di incertezza: il libro sapeva muoversi sul filo del rasoio tra verità, verosimiglianza e invenzione. Pagina dopo pagina, il lettore poteva restare nell’incertezza: ciò che leggo è vero o solo verosimile? Va da sé che ciò che poteva essere verosimile era anche inventato. Ma inventato in un modo così persuasivo da apparire vero a dispetto dell’invenzione. Leggi il seguito di questo post »

Written by Arminio

19 ottobre 2008 at 10:14 PM

mutazione genetica da rifiuti

formicoso 2.10.2008 _a.verderosa

ragazzi al formicoso 2.10.2008 _a.verderosa

 di Franco Ortolani *

L’emergenza rifiuti in Campania, come altre emergenze diventate ordinarie (ad esempio l’emergenza idrogeologica che tiene in vita ben due Commissariati Straordinari da 9-10 anni senza nemmeno avere messo in sicurezza nemmeno uno dei paesi colpiti dalle frane del sarnese) sta iniziando a determinare una mutazione genetica. Da circa 14 anni sono spuntati sempre più numerosi gli individui locali e importati che prosperano sulle emergenze ambientali provocate da eventi naturali o provocate ad arte dall’uomo. Hanno un comportamento strano; forse traendo ispirazione da Paperon de’ Paperoni, che si tuffa nelle monete, costoro amano immergersi nel fango o nei rifiuti e non disdegnano, ogni tanto, qualche sniffata di fumo termovalorizzante.

Forse per capire meglio come usare il denaro pubblico senza risolvere i problemi, fare ingrassare i sempre più numerosi rampolli delle caste e le lobbies parassitarie; forse per affossare le risorse ambientali strategiche per l’assetto socio-economico della Campania e mettere le basi per una assuefazione e sfoltimento degli abitanti. Contrariamente a quanto affermato recentemente da quello scienziato che ritiene che ormai la razza umana non evolverà più, sembra che la monnezza campana stia favorendo una nuova mutazione genetica: si delineano gli “Uomini Struzziuti” (fusione di struzzo e rifiuti).

Leggi il seguito di questo post »

Written by comunitaprovvisoria

19 ottobre 2008 at 7:00 PM

CARO ROBERTO

Caro Roberto,

è appena stata resa pubblica la smentita di Schiavone in relazione alle minacce alla tua vita. Gli credi? Gli “uomini di niente” non hanno onore, né umanità. Io non ti conosco personalmente, ma ti conosco attraverso il tuo libro, i tuoi articoli, lo spettacolo teatrale e il film. Io non ti conosco personalmente, ma il tuo urlo è risuonato  e risuona dentro di me. Sono nata e vivo in Campania, nella provincia martoriata di Napoli, in quella chiaiano-marano in cui si vuole fare una discarica in pieno centro abitato.

Leggi il seguito di questo post »

Written by A_ve

17 ottobre 2008 at 12:03 PM

Tonino era andato troppo in là / M. Fumagallo

Cara Luciana,  ecco la pagina che scrissi su “Il Manifesto” del 28.4.05 su Tonino Esposito Ferraioli a 27 anni dal suo assassinio. Magari dopo ne riparliamo.  Con affetto / Michele Fumagallo

IL MANIFESTO del 28 Aprile 2005  / STORIE  /  Tonino era andato troppo in là

Un primo maggio a Scampia per legare lavoro e lotta alla criminalità non può dimenticarsi di Esposito Ferraioli, ucciso dalla camorra a Pagani 27 anni fa. Nessun colpevole

MICHELE FUMAGALLO

La manifestazione sindacale del primo maggio a Scampìa, uno dei posti più devastati dalla delinquenza organizzata nel Sud d’Italia, è molto utile se farà da battistrada ad altri impegni nei luoghi dove la violenza criminale ha iniettato un veleno che ha debilitato il corpo sociale. L’agro nocerino-sarnese è uno di questi. Inoltre, non sarebbe male se si riaprisse un dibattito sui miti Leggi il seguito di questo post »

Written by A_ve

15 Maggio 2008 at 4:46 PM

IO E LE MAFIE

NEL TRENTENNALE DALL’ACCISIONE DI  PEPPINO IMPASTATO E TONINO ESPOSITO FERRAIOLI  _ _ _ luciana cerreta

Nei primi giorni di maggio di trent’anni fa venivano trucidati dalla mafia due uomini, Peppino Impastato a Cinisi in Sicilia e Tonino  Esposito Ferraioli   a  Pagani nel salernitano o meglio nel cuore dell’agronocerino, impuniti i suoi assassini materiali e i mandanti, anche se in città tutti ne conoscono i nomi.

Il nove maggio scorso si è tenuto a Cinisi la marcia nazionale contro le mafie proprio in occasione del trentennale dalla morte di Peppino. Il direttore responsabile di Colonna Rotta Luigi Colombo  partecipa alla marcia e ne racconta le emozioni in un reportage uscito  lunedì 11 ( http://www.colonnarotta.it)

 Ho scritto a Luigi per ringraziarlo ma soprattutto per ricordare, a me stessa innanzi tutto, che la mafia e  la camorra e  quant’altro non sono poi tanto lontane dalle nostre vite. Hanno condizionato il nostro presente pur se idealmente lontane dall’Irpinia  d’oriente e dalle nostra apparente quotidianità.

  

Caro Luigi

Voglio dirti grazie, grazie di essere stato così attento e così sensibile. Ho letto e ho immaginato, ho immaginato i rumori della strada, quelli della gente che passa fintamente distratta, ho immaginato la durezza delle persiane chiuse e il rumore di tutto quel silenzio che in realtà era rumore di pensieri contrari e uguali, lontani e vicini ai tuoi ma pur sempre pensieri rumorosi. Leggi il seguito di questo post »

Written by comunitaprovvisoria

14 Maggio 2008 at 5:57 PM

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: