COMUNITA' PROVVISORIA

terra, paesi, paesaggi, paesologia _ il BLOG

Posts Tagged ‘chiesa

FUKSAS CUCCHI PALADINO a FOLIGNO

Written by A_ve

23 gennaio 2011 at 10:27 PM

affreschi a ripacandida

ripacandida verderosa mag 2010 (17), inserito originariamente da angelo verderosa.

a Ripancadida (Potenza), alle pendici del Vulture, il primo di maggio (2010) / dopo monteverde, con agostino, antonio e tonino; incontro con gli ‘affreschi’ custoditi nella chiesa rurale (oggi santuario) di San Donato, vescovo e martire (gemellata con la basilica di S.Francesco in Assisi).
La chiesa è citata già in alcuni documenti storici del 1152. Gli affreschi, di ottima fattura, sono databili a partire dal XIV sec.; riprendono episodi dell’antico e del nuovo Testamento; gli storici (tra cui Vittorio Sgarbi) lavorano tuttora all’attribuzione.
_ per visitare la chiesa con gli affreschi : 0972.644145

le foto: http://www.flickr.com/photos/verderosa/sets/72157624009794624/

.

Written by A_ve

7 Maggio 2010 at 8:55 am

NELL’ORDINE DEI SEGNI

 lunedì dell’antropologia narrativa – di Alfonso Nannariello

faggeta di gavitoni (lioni), foto av 2004

faggeta di gavitoni (lioni), foto av 2004

i

A parte i pochi mesi in cui andai alla dottrina, oltre, prima che l’aggiustassero, non credo d’esserci più entrato. Se non ricordo male, la facciata non doveva essere neanche intonacata.

Dentro, la chiesa Madre, dava l’impressione di un sudario usato. Nella parte centrale del transetto, c’erano solo un paio di nicchie -una per san Canio, l’altra per la Madonna del Rosario- ricavate nei muri imbiancati e nudi. Nello spazio dell’altare riservato ai preti, tra la fine delle volte e l’inizio delle pareti, spuntavano putrelle come cavalli di Frisia messi a sbarramento, a protezione dei passaggi aperti, tra questo nostro mondo e l’altro che è di là, durante la funzione. Non sembrava, però, un campo di battaglia, piuttosto, dopo la vittoria, una postazione abbandonata.

 

Leggi il seguito di questo post »

Written by alfonson

26 gennaio 2009 at 12:15 PM

Pubblicato su Alfonso Nannariello

Tagged with ,

I «sì» della Chiesa molto più grandi dei «no»

Ciò che i media non spiegano mai

Secondo Pietro Citati, su Repubblica di qualche giorno fa, la Chiesa pensa che «bisogna alzare muri, muretti, scavare fossati, puntare cannoni o piccoli fucili, alzare il dito, proclamare principi e assiomi». È un modo di pensare la Chiesa molto diffuso, rinforzato da numerosi commenti alla Dignitas personae (chissà se Citati l’aveva in mente), la recente istruzione vaticana concernente alcune questioni di bioetica. Secondo molti «la Chiesa dice solo dei no». Tuttavia, la Chiesa non parla solo di etica, ma anche di Dio e della Leggi il seguito di questo post »

Written by alfonson

18 dicembre 2008 at 9:19 am

Pubblicato su AUTORI

Tagged with , , ,

La verità è nemica della vanità

Il Cristo in Croce in  due tempere antiche su tavola di Giovanni Spiniello

“Spreco dei sentimenti, spreco della pace, spreco della verità, spreco delle identità, spreco dei luoghi…. L’opera vuole essere un tentativo sincero di rendere il “non visibile” visibile agli occhi del cuore….”

 

 

di Giovanni Spiniello

strisc_quadri_giov_web

L’opera “Gesù è amore senza misura” è nata da una proposta di Luca Battista.

Il rapporto con Luca è cominciato più di dieci anni fa e da allora c’è sempre stata una vera e profonda comunicazione.  Infatti già negli anni ’90 l’Associazione Tracce, ricca di energie giovani e di palpitanti indicazioni culturali, organizzò a San Felice di Capriglia presso la Scuola elementare una mia mostra, in occasione della festa patronale. L’evento “Reminescenze fossili e Cartoggettografie Multicolorate” fu un vero e proprio viaggio verso i luoghi dello Spirito e della Memoria, teso a dislocare nella periferia il discorrere e la ricerca dell’arte, inserendo e portando avanti la funzione dell’arte nel sociale attraverso incontri e interventi. L’allestimento della mostra fu a cura della Rivista Tracce di cui Luca era il presidente e l’animatore principale.

Leggi il seguito di questo post »

paesaggi altirpini / sabato 25 a montella

architettur@  in  irpinia

2° incontro    _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

Sabato 25 ottobre 2008

PAESAGGI ALTIRPINI

S.Maria del Monte e S.Francesco a Folloni a MONTELLA (av)

 programma _  l’appuntamento è confermato alle  9.30,  sul piazzale antistante il Convento di San Francesco a Folloni, Montella (AV).  >>> da Avellino, Ofantina bis – uscita Montella; subito allo svincolo seguire le indicazioni per Bagnoli Irpino, per un paio di km.  _ Alle 10 ci sposteremo per arrivare al Castello del Monte; non è Leggi il seguito di questo post »

come ai tempi delle catacombe

 di DIEGO MOTTA 

Un ritorno a tempi bui della sto­ria, quando la discriminazione nei confronti del «diverso» era dichiarata. « I fondamentalisti indù hanno detto: per ognuno dei nostri che viene ucciso, ne vogliamo ucci­dere tre dei vostri». La voce di Alex Dias, vescovo indiano di Port Blair, arriva al telefono chiara e inequivo­cabile, come il messaggio che deve trasmettere. « La Chiesa in India è tor­nata ai tempi delle catacombe: ci so­no oltre 10mila cristiani nascosti nel­la giungla, decine di migliaia di per­sone ammassate nei campi profughi e anche in comunità come queste delle isole Andamane e Nicobare, do­ve la situazione è relativamente tran­quilla, ormai si percepisce un clima di intimidazione » . Venerdì scorso, la Conferenza episcopale indiana è in­tervenuta per chiedere giustizia, in­vocando «azioni forti contro i gruppi indù autori delle violenze » .
Monsignor Dias, come spiega l’atteg­giamento di indifferenza, quando non di ostilità, del governo del Paese nei confronti della minoranza cristiana?

Leggi il seguito di questo post »

Written by alfonson

13 ottobre 2008 at 11:00 am

INDIA, LA CACCIA AI CRISTIANI NON SMUOVE L’OCCIDENTE

Questa notizia è dedicata soprattutto a coloro che si informano soltanto attraverso il TG1 delle 20. Costoro infatti, ancora non sanno che in India, più precisamente nello stato dell’Orissa, si è scatenata la caccia al cristiano da parte dei fondamentalisti indù. Finora il bilancio parla di 14 morti, una cinquantina di chiese distrutte, centinaia di case bruciate o distrutte, villaggi messi a ferro e fuoco, decine di migliaia di sfollati. Le violenze anti-cristiane in Orissa  vanno avanti da molto tempo, ma l’ondata scatenatasi in questi giorni non ha precedenti. Ad innescarla la morte di un leader religioso indù, pretestuosamente attribuita ai cristiani proprio per scatenare la reazione. A fomentare le violenze sono i gruppi estremisti indù, che mescolano il fondamentalismo religioso al nazionalismo più estremo, ma le autorità locali appaiono compiacenti mentre il governo centrale non sembra avere né la forza né la volontà di fermare le violenze.

Leggi il seguito di questo post »

Written by alfonson

25 settembre 2008 at 7:57 am

QUESTA CHIESA PIACE

vescovo2.jpg il Vescovo D’Alise della Diocesi di Ariano – Lacedonia

Ansa / venerdi 1 Febbraio 2008 ´Napoli e la Campania sono state messe in ginocchio perche´ non si e´ governato per il bene della popolazione ma si e´ gestito un potere: e´ una differenza enorme´´.  Il vescovo della diocesi di Ariano Irpino-Lacedonia, monsignor Giovanni D´Alise, riflette ad alta voce con l´Ansa sull´emergenza rifiuti e, richiamandosi al documento dei vescovi della Campania, ribadisce ´´la condanna senza sconti della situazione che si e´ venuta a creare e l´invito, a chi ne ha la responsabilita´, a trarne le conseguenze´´. Leggi il seguito di questo post »

Written by comunitaprovvisoria

2 febbraio 2008 at 10:49 am

sulla veste del nuovo blog

… riguardo alla veste del blog, concordo con la impaginazione presistente, più ricca, colorata, più originale, ma A.R. dice che con WordPress si individua l’anonimo e la cosa sarebbe ottima. Credo che bisognerà trovare il modo per fare accedere al blog nella veste preesistente depositando la propria e-mail che individua sempre una persona congiuntamente ad un nik-name e, se il blog individua entrambi, allora i commenti avranno sempre una paternità, fermo restante la possibilità da parte dell’amministratore o del comitato redazionale del blog di occultarli non cestinarli, dandone oculata e accorta Leggi il seguito di questo post »

4 gennaio 2008, invito al Goleto

note redazionali

AMICI e COMUNITARI vi invito tutti ad evitare di postare “commenti” ANONIMI; ne risente l’impostazione del Blog e si finisce con l’innescare un meccanismo calunnioso e autodistruttivo. FIRMATEVI o sceglietevi un alias in modo che i lettori riescano a tenere il filo del dibattito anche nei post e nei commenti successivi. ALIAS finora intravisti: NHAT, il GIARDINIERE, IRPINO. angelo

Alvaro Belardinelli ha postato l’articolo sulla scuola (4 cartelle) o è un copia e incolla di un comunitario? sarebbe utile, nel caso di copia e incolla di un comunitario, almeno una riflessione propria sull’articolo; si potrebbe postare la riflessione e caricare l’articolo nei commenti. Se nessuno risponde si può cancellare il post ? angelo

Lo dico con estrema franchezza: con questi lunghi articoli non firmati avete rotto … Un articolo deve essere mezza pagina A4: per destare attenzione … altrimenti non lo legge nessuno. Ma lo volete capire o no che Internet ha una concezione del tempo diversa da quella barbosa degli anni 70? antonio

Proposta: nel caso di articoli o video di vostro interesse, che volete partecipare alla Comunità, postate solo il LINK. Grazie. angelo

POST BREVI e senza CORSIVI, senza NERETTI e FONT COMPLICATI, grazie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: