COMUNITA' PROVVISORIA

terra, paesi, paesaggi, paesologia _ il BLOG

Posts Tagged ‘italia

perché sono contrario

PERCHÉ SONO CONTRARIO

La trappola radioattiva

Studenti, leghisti, fascisti e comunisti, per il vostro bene non disertate il referendum. Ora sarebbe un suicidio

di ADRIANO CELENTANO

Caro Direttore,
settantamila case distrutte, un milione di sfollati e cinquemila dispersi in quel florido Giappone che nel giro di 6 minuti è improvvisamente precipitato nel buio più scuro. Ma soprattutto migliaia di radiazioni sulla testa dei giapponesi. Ora io non vorrei neanche parlare del clamoroso fuori-tempo (non solo musicale) esternato da Chicco Testa, ospite della bravissima Lilli Gruber dalla voce affascinante. Non vorrei ma come si fa, poi la gente pensa davvero che lui parli per il bene dei cittadini. «Gli impianti nucleari hanno dimostrato di tenere botta». Ha detto il nostro Chicco ormai appassito per mancanza di clorofilla e quindi non più in grado di catturare quell’ENERGIA SOLARE di cui un tempo si nutriva.

Un'immagine dal video «Sognando Chrenobyl»
Un’immagine dal video «Sognando Chrenobyl»

«Chi trae spunto dalla tragedia del Giappone per dare vita a una polemica politica è uno sciacallo». Ha sentenziato. Dopo neanche un’ora esplode la centrale nucleare di Fukushima. Un tempismo davvero sorprendente quello del Chicco. Ma la cosa più incredibile che più di tutti impressiona, è lo stato di ipnosi in cui versano gli italiani di fronte ai fatti sconcertanti di una politica che non è più neanche politica. Ma piuttosto un qualcosa di maleodorante e che di proposito vorrebbe trastullarci in uno stato confusionale. Dove sempre di meno si potrà distinguere il bene dal male, le cose giuste da quelle ingiuste. Sparisce quindi quel campanello d’allarme che ci mette in guardia quando c’è qualcosa che non quadra nei comportamenti di un individuo. Un qualcosa che detto in una parola si chiama SOSPETTO. E di sospetti sul nostro presidente del Consiglio, tanto per fare un esempio, ce ne sono abbastanza.E così nel bel mezzo di una tragedia come quella che sta vivendo il Giappone, Leggi il seguito di questo post »

Written by A_ve

16 marzo 2011 at 9:30 am

da garibaldi a cettolaqualunque

MARCELLO FALETRA x CP  __________ da Garibaldi a Cettolaqualunque

“Questa ermafrodita generazione di Italiani, questi miei paesani ch’io ho cercato di nobilitarli tante volte e che si poco lo meritavano…Io sono sdegnato veramente di appartenere ad una famiglia che conta tanti codardi”, così scrive disgustato Garibaldi alla moglie durante l’assedio di Roma nel 1849. Si lamentava del fatto che dopo tanta pressione propagandistica per “unire” l’Italia, a fronteggiare i francesi vi erano un cospicuo gruppo di mercenari impreparati e con poca grinta. Per convincerli a combattere il 3 giugno del 1849 ricorse, in estremo, ad argomenti sessuali: “Voi siete i soldati che ieri con orgoglio si lasciarono baciare dalle donne romane, in compenso d’eroiche gesta! Che direbbero oggi le stesse, se voi non foste in caso di riprendere il casino dei Quattro Venti?”  Ma non funzionò.

Leggi il seguito di questo post »

Written by A_ve

18 febbraio 2011 at 8:55 am

IL RISCHIO DELLA DEMOCRAZIA

di Mimì Cambria.Non è detto che a volte la Democrazia possa rappresentare il toccasana per alcuni Popoli, se assetati da tale principio non sanno apprezzarne il valore, come un assetato alla fonte del sapere finisce per smarrirsi in essa, un affamato per n…on sapere apprezzare il gusto dei piatti, la mancanza di una tale cultura per arrivare all’Anarchia. Un esempio negativo ce lo danno purtroppo tante Nazioni che, alla ricerca di una Democrazia, sono cadute infine in una successiva dittatura, peggio ancora in uno stato di anarchia che le ha trasportate in uno stato sociale come o peggio di prima. Esempio tra tutte la vecchia Unione Sovietica che, portata verso la democrazia da Gorbaciov con la sua “Perestroika”, oggi si trova in una condizione di semi-anarchia, tra Coca Cola e prostituzione, il potere e la ricchezza in mano a poche persone, il vecchio impero smembrato, con lotte cruenti al suo interno e all’interno dei nuovi stati al solo scopo di ricercare una falsa indipendenza che permetta al dittatore di turno di essere partecipe allo sfruttamento delle enormi risorse minerarie del territorio. Avvezza dapprima a un’orda di barbari provenienti dal sud ovest dell’Europa, poi soggetta a Ivan detto il terribile, successivamente agli zar, la rivoluzione russa del 1917 fatta in nome del popolo, rappresentò solamente un cambiamento della dittatura, niente di più Chi pagò maggiormente lo scotto, fu proprio il popolo.

Leggi il seguito di questo post »

Written by chirchio

3 febbraio 2011 at 9:09 am

CARLO PETRINI sul fotovoltaico e altro

di CARLO PETRINI / Slow Food Italia   _ 

Visto che in tv i plastici per raccontare i crimini più efferati sembrano diventati irrinunciabili, vorrei allora proporne uno di sicuro interesse: una riproduzione in scala dell’Italia, un’enorme scena del delitto. Le armi sono il cemento di capannoni, centri commerciali, speculazioni edilizie e molti impianti per produrre energia, rinnovabile e non; i moventi sono la stupidità e l’avidità; gli assassini tutti quelli che hanno responsabilità nel dire di sì; i complici coloro che non dicono di no; le vittime infine gli abitanti del nostro Paese, soprattutto quelli di domani.

I dati certi su cui fare affidamento sono pochi, non sempre concordanti per via dei diversi metodi di misurazione utilizzati, ma tutti ci parlano in maniera univoca di un consumo impressionante del territorio italiano. Stiamo compromettendo per sempre un bene comune, perché anche la proprietà privata del terreno non dà automaticamente diritto di poterlo distruggere e sottrarlo così alle generazioni future.

Leggi il seguito di questo post »

paolo rumiz e l’irpinia

panorama 21 cmPaolo Rumiz parla dei paesi terremotati, del Formicoso, dell’Irpinia ; su   Repubblica del 18 e 19 agosto 2009

Nella terra degli sconfitti di PAOLO RUMIZ

Lo vedo da lontano nella pioggia, su un tornante di Castelnuovo di Conza, in mezzo alle forre più cupe dell’Irpinia. Curvo, benedicente, inconfondibile, a poca distanza da una delle chiese più spaventevoli della Nuova Italia cementizia. Padre Pio, ostinato, caparbio, resistente come nessuno allo sterminio dei luoghi. Crollano i paesi antichi, al loro posto nasce l’orrore e il calcestruzzo, la gente scappa, gli inverni si riempiono di pioggia, solitudine e sconfitta amara, gli dèi sconfitti dei Sanniti e dei Piceni si danno alla macchia, ma Padre Pio rimane, viene veloce come il vento a occupare il vuoto della memoria. È l’unico capace di attecchire su queste montagne bastonate da Dio e dagli uomini.

Nubi dense e vento sulla via Appia che non si sa come s’intorcica proprio Leggi il seguito di questo post »

L’EMIGRAZIONE E IL SUD PROVVISORIO

di 7x

Le parole di Franco Arminio, “Manifesto del Sud,” mi hanno colpito e ispirato ad aggiungere il mio parere. Condivido con voi solo due righe, un breve messaggio per rintracciare possibili connessioni tra le sue parole e il tema della “migrazione”, a cui tengo molto.

In Italia, specialmente nel sud, tutti hanno vissuto l’emigrazione: e’ un’esperienza sempre viva, ancora oggi–si vede nelle case abbandonate, si sente nei ricordi della gente. Il Sud dell’emigrante fa parte anche di cio’ che la Comunita’ Provvisoria sta creando. Inoltre, anche il nuovo immigrato in Italia, dal Marocco, dall’Albania, ecc.—come Lidia Curti ci ha ricordato a Cairano 7x—fa parte di questo Sud provvisorio.

Leggi il seguito di questo post »

Viaggio in una terra senza futuro / Lettera aperta all’Irpinia

06 angelo verderosa 8di PAOLO SAGGESE _ _ _ _ _  C’è una terra senza futuro, e questa terra è l’Irpinia. Ne ho le prove, ho colto queste prove nel corso del mese di maggio e poi di giugno, le ho raccolte copiose in questi giorni. Ho visto una terra sopita, abulica, assente, senza passione civile, morale, ideale, senza prospettive di futuro. Del resto, questa è l’Italia. Mi sono illuso pensando di sbagliarmi, ma più tentavo di convincermene più mi rendevo conto che questa è una terra senza futuro. È una terra senza futuro, perché non è capace di coltivare sogni, perché non è capace di guardare il mondo con occhi diversi da quelli che ha sempre avuto. Prendiamo le appena trascorse elezioni provinciali. Avete visto voi un po’ di società civile, che abbia partecipato alla campagna elettorale? Avete visto per caso i cosiddetti intellettuali, che abbiano partecipato con uno straccio di idea alla competizione? E dove erano i giovani, che dovrebbero essere il nostro futuro? Tutto si è svolto nella più completa indifferenza, Leggi il seguito di questo post »

Written by A_ve

15 giugno 2009 at 7:43 am

archeologia della delusione

… sulla scia di ciò che è accaduto ad Arminio (escluso dall’alto dalle liste del PD)  ho scritto qualche pensiero a caldo sulla fine dell’opposizione. Non l’ho fatto prima perchè sono stato e tutt”ora sono molto impegnato in altre cose. Tuttavia questo lungo frammento – a sua volta fatto di frammenti – vuole essere un gesto di solidarietà.  _ cari saluti _marcello

A precipizio: archeologia della delusione (quando i poveri votano per i ricchi) _ di Marcello Faletra

A precipizio. In Italia si continua a perpetuare ciò che negli Stati Uniti, almeno in apparenza, sta per finire. Ieri Berlusconi & Co. inseguivano il “sogno americano” firmato Bush – un sogno insanguinato da guerre preventive. Un sogno basato sulla violenta limitazione dei diritti civili. Un sogno che celebrava Leggi il seguito di questo post »

Written by A_ve

18 maggio 2009 at 9:05 pm

Pubblicato su AUTORI

Tagged with , , ,

post brevissimo

logo-21-cm

l’italia deve guardare a cairano più che a sanremo.     _ armin

Written by Arminio

18 febbraio 2009 at 5:00 pm

Dio non è cattolico, parola di cardinale

Carlo Maria Martini pubblica un libro “sul rischio della fede” e invita a diffidare delle definizioni dottrinali, perché Dio “è al di là”. Ma così il rischio è che svaniscano gli articoli del Credo, obietta il professor Pietro De Marco. E spiega perché
ROMA, 12 novembre 2008 – L’ultimo libro del cardinale Carlo Maria Martini uscito in Italia, come già qualche mese fa in Germania e ora anche in Spagna, ha subito conquistato l’alta classifica dei più venduti. È intitolato “Conversazioni notturne a Gerusalemme. Sul rischio della fede”, ed è in forma di intervista, col gesuita tedesco Georg Sporschill. Le volte in cui Benedetto XVI ha parlato in pubblico del cardinale Martini – famoso biblista e arcivescovo di Milano dal 1980 al 2002 – lo ha sempre elogiato come “un vero maestro della ‘lectio divina’, che aiuta ad entrare nel vivo della Sacra Scrittura”. In questo suo libro, però, il cardinale non appare altrettanto magnanimo, nel giudicare gli atti di governo e di magistero degli ultimi papi, da Paolo VI in poi. In un precedente servizio, http://www.chiesa ha già riferito dell’attacco frontale portato da Martini contro l’enciclica “Humanae Vitae”. Ma nel libro c’è di più. C’è una ricorrente accusa alla Chiesa di “involuzione”.

di Sandro Magister

Leggi il seguito di questo post »

Written by alfonson

13 novembre 2008 at 9:23 am

Gianni Celati / ‘di cosa si parla quando si parla di paesaggi’

paesaggio altirpino _a.verderosa 2006

paesaggio altirpino _a.verderosa 2006

metto qui un pezzo di gianni celati, prelevato da rigabooks.

per chi non voglia navigare consiglio di comprare il numero di riga interamente dedicato a celati.  troverete molte cose utili per capire il senso della nostra comunità provvisoria. _franco arminio
***
In questo convegno sul paesaggio, ritrovandomi assieme ad autorevoli esperti, mentre aspettavo il mio turno di parola mi è sorto il dubbio che siamo stati invitati a trattare un argomento insostenibile. E ho cominciato a rimuginare a ruota libera, in modo sbandato, senza più ritrovare il discorso che mi ero preparato nella testa. Di cosa si parla quando si parla di paesaggi? Non c’è qualcosa di equivoco in questa vecchia parola? Intanto penso a quel fotografo americano, Ansel Adams, che diceva: «Il paesaggio è il luogo della distruzione» – idea romantica ma sacrosanta, soprattutto nei nostri giorni, perché parla di una condizione dell’essere completamente travolta dagli imprenditori frenetici del nostro tempo. Se il paesaggio è il luogo della distruzione, mentre qui ci viene proposto di valutarlo come una forma di capitale accumulato, allora viene chiedersi dov’è l’equivoco racchiuso in questa parola – specie nelle nostre nazioni ricche, dove la maggioranza dei cittadini può comprarsi tutti i vestiti che vuole, andare fuori a cena quando vuole, fare i viaggi che vuole, mandare i figli a imparare a suonare il piano, e può anche concedersi una benevola attenzione verso il mondo, con qualche simulata emozioni per le popolazioni schiacciate dalla miseria. Cosa sono i paesaggi per questi cittadini evoluti dell’occidente, gente molto razionale e ottimista, con una fede infrangibile nel potere monetario e in quello tecnologico?
Leggi il seguito di questo post »

CARO ROBERTO

Caro Roberto,

è appena stata resa pubblica la smentita di Schiavone in relazione alle minacce alla tua vita. Gli credi? Gli “uomini di niente” non hanno onore, né umanità. Io non ti conosco personalmente, ma ti conosco attraverso il tuo libro, i tuoi articoli, lo spettacolo teatrale e il film. Io non ti conosco personalmente, ma il tuo urlo è risuonato  e risuona dentro di me. Sono nata e vivo in Campania, nella provincia martoriata di Napoli, in quella chiaiano-marano in cui si vuole fare una discarica in pieno centro abitato.

Leggi il seguito di questo post »

Written by A_ve

17 ottobre 2008 at 12:03 pm

i nazispazzini + fotoracconto di domenico cambria

lo spazzino nazista ha fatto un vasto lagher sul formicoso.  sono stato tutta la notte a girare per il paese a cercare aiuti.   poi la violenza più atroce a cui ho mai assistito in vita mia, senza una manganellata, senza una spinta, uno sputo.

ho pianto e non c’è altro da dire.  _ armin

p.s. : per chi volesse saperne di più, alle sei di oggi siamo al centro anziani di bisaccia per organizzare le manifestazioni non contro la discarica, che ancora non c’è, ma contro il lagher dello spazzino nazista.

alba al formicoso, foto-racconto di domenico cambria

L’ESERCITO OCCUPA IL FORMICOSO

 

Formicoso e Baronia, due territori dell’Alta Irpinia che probabilmente pochi conoscono. Il primo che si riferisce alla laboriosità dei suoi abitanti, il secondo ad un territorio una volta abitato dalla nobiltà sannita. Ancora oggi con comuni distanti tra di essi un solo chilometro, altri 3-4 a ricordare l’antico assetto urbanistico dei “pagus” hirpini. Dopo la fine della III guerra sannitica (298 a.C.), che vide la sconfitta dell’intero Sannio, tanti territori passarono nella mani di Roma che li consegnò ai propri consoli ed ai propri triunvi. La Baronia, il Formicoso e quelli di Lioni, Torella e Nusco tra questi.

Leggi il seguito di questo post »

Written by comunitaprovvisoria

29 settembre 2008 at 3:23 pm

UN ARTICOLO DI BERARDI BIFO

Il berlusconismo non è fascismo è dittatura del semiocapitale  _ di Franco Berardi Bifo

Perché insistere a chiederci se si tratta o no di fascismo? Quello prodotto da trent’anni di bombardamento televisivo è probabilmente peggio del fascismo storico, perché non si fonda sulla repressione del dissenso, non si fonda sull’obbligo del silenzio, ma tutto al contrario, si fonda sulla proliferazione della chiacchiera, sull’irrilevanza dell’opinione e del discorso, sulla banalizzazione e la ridicolizzazione del pensiero, del dissenso e della critica. Il totalitarismo di oggi non è fondato sulla censura del dissenso ma su un immenso sovraccarico informativo, su un vero e proprio assedio all’attenzione.
Leggi il seguito di questo post »

Written by Mercuzio

28 settembre 2008 at 10:22 am

ANTIFASCISMO _rimosso

nella fornace 'cicoira e luongo' di calitri foto angelo verderosa 1996

Qui c’era un post di michele fumagallo, rimosso per sua volontà

– – –

nella ex-fornace ‘cicoira e luongo’ di calitri – foto angelo verderosa – 1996

Written by micheless

9 settembre 2008 at 3:10 pm

COMA MORALE

In Italia c’è la dittatura, ma non pensate al riccone vanitoso. Non è lui che governa. La dittatura che c’è in Italia si chiama autismo corale. È la dittatura che ha ridotto la società a una palude senza fondo. In questa palude i partiti sono moscerini, alghe, rospi, fauna in cui scorre una linfa cieca e fangosa. L’Italia è spenta e gli italiani sono fantasmi gonfi di cibi e di miseria dello spirito. Un popolo di individui in guerra tra di loro. Le amicizie, gli amori, la poesia, la bellezza, la dignità, la libertà sono cose che stanno sui lembi. Il centro della tovaglia è dei furbi e dei meschini. È degli individui che elevano il proprio coma morale a misura di tutte le cose. La dittatura presente ha abolito senza fare ricorso a purghe la possibilità di far circolare il pensiero.  Tutti parlano, tutti hanno opinioni su tutto. Il risultato è che le parole procurano solo affanni a chi le pronuncia. Dall’altra parte non c’è un orecchio che accoglie, ma un altro che sta in agguato con le sue parole in bocca. La cosiddetta politica è uno squallido canile, dove la regola è abbaiare per nascondere il silenzio penoso di un mondo marcito, di una vita che non gode più di alcun prestigio agli occhi di chi la vive.

Leggi il seguito di questo post »

Written by comunitaprovvisoria

10 agosto 2008 at 6:29 pm

Dal Financial Time di Londra

da una segnalazione di un inglese, ricevo e volentieri pubbblico.  

Sicurezza/ F.Times: Italia dura col crimine, molle con corruzione

Il quotidiano della City commenta l’arrivo dei soldati in strada – 2 ore fa da APCOM

Roma, 5 ago. (Apcom) – Fra i numerosissimi articoli che la stampa internazionale dedica alla discesa dei soldati nelle strade d’Italia – quasi tutti su un tono di stretta cronaca – spicca il commento pubblicato dal Financial Times, eloquente dal titolo:l’Italia dura contro la criminalità ma dimentica la corruzione”. E l’editorialista Guy Dinmore attacca fin dal primo paragrafo: Berlusconi è tornato al potere “interpretando brillantemente l’umore del paese, cioè il prevalere di un senso di insicurezza” rispetto al benessere economico e fisico. E così, “ieri l’esercito ha mandato tremila soldati a pattugliare le città ed è stata dichiarata un’emergenza nazionale per gestire le centinaia di emigranti che arrivano sulle spiagge italiane”. Inoltre si citano “il censimento e la presa di impronte digitali dei nomadi stranieri. Molti saranno espulsi”.

Written by enzlu

5 agosto 2008 at 1:13 pm

Poveri ma belli, i nostri Anni Cinquanta

Written by Antonio Romano

26 marzo 2008 at 4:42 pm

sulla veste del nuovo blog

… riguardo alla veste del blog, concordo con la impaginazione presistente, più ricca, colorata, più originale, ma A.R. dice che con WordPress si individua l’anonimo e la cosa sarebbe ottima. Credo che bisognerà trovare il modo per fare accedere al blog nella veste preesistente depositando la propria e-mail che individua sempre una persona congiuntamente ad un nik-name e, se il blog individua entrambi, allora i commenti avranno sempre una paternità, fermo restante la possibilità da parte dell’amministratore o del comitato redazionale del blog di occultarli non cestinarli, dandone oculata e accorta Leggi il seguito di questo post »

4 gennaio 2008, invito al Goleto

note redazionali

AMICI e COMUNITARI vi invito tutti ad evitare di postare “commenti” ANONIMI; ne risente l’impostazione del Blog e si finisce con l’innescare un meccanismo calunnioso e autodistruttivo. FIRMATEVI o sceglietevi un alias in modo che i lettori riescano a tenere il filo del dibattito anche nei post e nei commenti successivi. ALIAS finora intravisti: NHAT, il GIARDINIERE, IRPINO. angelo

Alvaro Belardinelli ha postato l’articolo sulla scuola (4 cartelle) o è un copia e incolla di un comunitario? sarebbe utile, nel caso di copia e incolla di un comunitario, almeno una riflessione propria sull’articolo; si potrebbe postare la riflessione e caricare l’articolo nei commenti. Se nessuno risponde si può cancellare il post ? angelo

Lo dico con estrema franchezza: con questi lunghi articoli non firmati avete rotto … Un articolo deve essere mezza pagina A4: per destare attenzione … altrimenti non lo legge nessuno. Ma lo volete capire o no che Internet ha una concezione del tempo diversa da quella barbosa degli anni 70? antonio

Proposta: nel caso di articoli o video di vostro interesse, che volete partecipare alla Comunità, postate solo il LINK. Grazie. angelo

POST BREVI e senza CORSIVI, senza NERETTI e FONT COMPLICATI, grazie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: