COMUNITA' PROVVISORIA

terra, paesi, paesaggi, paesologia _ il BLOG

Posts Tagged ‘lavoro

PAESAGGI IRPINI

Ricevo e pubblico volentieri questo articolo di Michele Fumagallo, con intervista al Delegato FMA Giuseppe Morsa. La Fiat di Pratola Serra è un “luogo” della produzione, (dunque un luogo della vita)  che va posto sotto l’occhio attento della nostra riflessione paesologica. Una delle suggestioni sollevate da Franco Arminio è quella della teoria della “decrescita” di Serge Latouche. Teoria che mette in discussione “questo” modo di produrre, fondato sull’idea dell’accumulazione dei beni ad libitum, cui la natura si sta incaricando di dimostrare che è pura follìa. E allora, se va “ripensata” una nuova organizzazione del lavoro, è possibile non interrogarsi su questo “modo” di produrre, che mostra ormai con evidenza tutti i suoi limiti?. E’ pensabile fondare la riorganizzazione del lavoro sulla liquidazione pura e semplice dei diritti di chi quella ricchezza la produce?  Tutto questo può essere avulso dalla riflessione sul territorio, sul paesaggio e su una nuova proposta di paesaggio, che qui andiamo elaborando, seppure in maniera non organica e – per fortuna- non apodittica?  Io credo che, “prestando ascolto” a questo articolo di Fumagallo  – e alla conseguente intervista a Morsa – gli interrogativi da me posti si arricchiscono di un nuovo punto di osservazione, affatto peregrino. (Salvatore D’ Angelo)

PRATOLA SERRA A MOTORI SPENTI

Rinnovamenti, fabbrica integrata, snellezza giapponese, modello partecipativo, prati verdi. Erano le promesse della Fiat per la fabbrica di motori più importante per la casa di Torino, «gemella» dello stabilimento di Melfi al sud. Invece ora impera la cassa integrazione e una classe operaia giovane, età media 28 anni, si trova senza futuro. Un rappresentante della Fiom e un docente universitario hanno raccontato il caos

di Michele Fumagallo

PRATOLA SERRA (AVELLINO) – Gli studi sul mondo operaio, e soprattutto sul rapporto tra mondo operaio e territori, non sono più all’ordine del giorno come in anni lontani quando hanno fatto da spartiacque per la cultura più avveduta in Italia. E sono stati momenti di crescita per molti perché lavoro e cultura stavano insieme, e c’era un mondo di intellettuali estranei alla fabbrica che aveva un grande desiderio di capire e di immedesimarsi nella condizione operaia vissuta come “maestra” di vita per tutti. Altri tempi. Tuttavia le analisi e le inchieste sulle fabbriche sono continuate, e sono state spesso di grande utilità per tanti. Una di queste è il rapporto sulla Fma, fabbrica di motori Fiat situata in Irpinia. Un rapporto che può aiutare a capire proprio in un periodo in cui la Fiom si sta mobilitando per difendersi dagli attacchi antidemocratici di Fiat.

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Written by soter54

29 gennaio 2011 at 6:09 pm

Riconversione? Diario di un visionario realista

Riconversione? Diario di un visionario realista _ di AMEDEO TREZZA (*)

Da qualche tempo ormai ho lanciato una scommessa a me stesso e chi mi sta vicino: quella di preparare e attuare una micro-riconversione sociale, lasciando la città, con tutti i suoi modelli di sviluppo, e puntando sulla terra meridionale di provincia. E così, dopo aver vissuto 30 anni a Napoli ho deciso di cambiare. 5 anni fa acquistai un piccolo pezzo di terra in Cilento (zona che già conoscevo e frequentavo da turista) e pian piano ho deciso di rimettere a posto il terreno e il rudere annesso. E così, vendendo in accordo coi miei genitori la casetta di villeggiatura a pochi chilometri dal terreno e mettendoci tanti soldi di mio, tempo ed energie, ho ristrutturato il rudere ridonando splendore al casalino ed ho cominciato a risistemare il terreno, che solo ora sta cominciando ad entrare in produzione. Poi ho deciso di trasferirmi e al lavoro ho atteso due anni le liste di trasferimento. Finalmente da un anno vivo in Cilento nel casalino e lavoro a pochi chilometri da casa. Purtroppo non posso ancora lasciare il lavoro di provenienza poiché ho bisogno di un sostegno economico fino a quando più o meno non riuscirò a camminare sulle mie gambe mettendo a frutto le potenzialità del luogo: agricoltura, animali ed eco-turismo. A breve costituirò un b&b in modo tale da cominciare ad ospitare viaggiatori, proprio nel casalino in pietra ristrutturato in maniera eco-sostenibile/compatibile utilizzando materiali naturali e conservando la memoria storica del sito.

Leggi il seguito di questo post »

CAIRANO 7x _ link lavoro

CAIRANO 7x

materiale base x cairano 7x (mappe e viste aeree) http://www.flickr.com/photos/verderosa/sets/72157614307136639/

foto varie su Cairano http://www.flickr.com/photos/verderosa/sets/72157614386950544/

la prima uscita della Comunità Provvisoria, Cairano novembre 2007 http://www.flickr.com/photos/verderosa/sets/72157603299057934/

il primo sopralluogo per CAIRANO 7X, febbraio 2009 http://www.flickr.com/photos/verderosa/sets/72157613429954936/

per saperne di più
https://comunitaprovvisoria.wordpress.com/cairano-7×7/

https://comunitaprovvisoria.wordpress.com/category/cairano-7x/

 dal 21 al 28 giugno 2009
7 giorni live in Irpinia d’Oriente con la Comunità Provvisoria e la Fondazione Dragone http://www.facebook.com/group.php?gid=6111424073

Written by A_ve

24 febbraio 2009 at 7:40 pm

Macchine in lontananza che brillano al sole con corteo

Ricevo dall’amico Vittorio Iannino queste impressioni sulla giornata di oggi.

Buon “viaggio”. Michele Fumagallo. 

 

Per abitudine la sera con Cetty ci scambiamo i rispettivi programmi del giorno dopo. Per mia mania, entro in dettagli anche inutili. “…domani che fai?” ed io “qualcosa ad Avellino”. Ho deciso di non dirle che vado da Franco ARMINIO al Formicoso e l’ho deciso perché ha impegni fuori provincia e magari si preoccupa.

            Ho quel tipo d’ansia che conosco. Lo avverte e mi chiede “che tieni? …mah! Portati l’ombrello.” Rispondo che non mi serve e penso “Stamattina non può piovere. C’è vento!”.

            Alle 8,15 lascio Grazia a scuola augurandole cose buone. C’è la solita confusione avellinese. Mi avvio verso Avellino Est: verso l’Irpinia d’oriente. In autostrada il sole è dritto in faccia, servono gli occhiali da sole.

Leggi il seguito di questo post »

Written by micheless

2 ottobre 2008 at 5:59 pm

Berlusconi a Napoli

… Il premier ha, poi, fatto sapere che i siti destinati all’accoglimento e al trattamento dei rifiuti in Campania non saranno smilitarizzati. “La protesta è inutile perché non ha ragion d’essere”, ha detto Berlusconi assicurando che la discarica del Formicoso se sarà realizzata e le altre continueranno ad essere protette dai militari.

http://www.9online.it/blog_emergenzarifiuti/

http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=294873

http://www.retesei.com/2008/19177.html
.
questa la lettera di Letta a Iannaccone a seguito dell’incontro di ieri a Roma con i nostri SINDACI
.

 

 

il GRANO E’ del FORMICOSO

SALVIAMO IL GRANO DEL FORMICOSO

tutti insieme domani, giovedì 2 OTTOBRE, a Pero Spaccone (in Irpinia, tra Andretta e Bisaccia)

inizio corteo alle ore 10 dalla casetta cantoniera

c’è molto da camminare, portatevi scarpe comode, un impermeabile e da mangiare

chiediamo la rimozione del filo spinato e lo stop alla militarizzazione

per circondare mano nella mano il filo spinato che è stato messo dai militari dovremo essere almeno in 3000 

il grano è del Formicoso _a.verderosa 2008

il grano è del Formicoso _a.verderosa 2008

TETES de BOIS

MICHELE FUMAGALLO e i TETES BOYS 

da  IL MANIFESTO del 22 Giugno 2006

SORIE   I Têtes de Bois nei luoghi simbolo delle lotte operaie
Avanti Pop alla riscossa / Canzoni e ricordi per riscattare «sul posto» le grandi mobilitazioni dei lavoratori italiani. Prima tappa davanti ai cancelli della Fiat Sata, ripensando ai 21 giorni che sconvolsero Melfi  / Michele Fumagallo – Melfi (PZ)
La prima emozione, il gruppo musicale dei Têtes de Bois, l’ha avuta davanti ai cancelli della Fiat Sata di Melfi nel cambio turno di notte di venerdì 16 giugno. Un Leggi il seguito di questo post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: