COMUNITA' PROVVISORIA

terra, paesi, paesaggi, paesologia _ il BLOG

Posts Tagged ‘piazza

occupazione

Carissimi comunitari, vi invio questa mia per mettervi al corrente che l’amico “quasi” comunitario, Edoardo Spagnuolo, professore di matematica, oltre che ricercatore storico irpino, ha deciso di intraprendere un viaggio al contrario…  Lascerà la città di Avellino per andare a risiedere nel borgo antico e storico di Castelvetere sul Calore, nella Piazza  Castello; sarà l’ unico residente in quel luogo abbandonato. Una sorta di custode del borgo antico. Vi prego di pubblicizzare l’evento che si svolgerà il primo Giugno, con l’inaugurazione della casa e “l’occupazione” della Piazza.  I comunitari sono Leggi il seguito di questo post »

Written by A_ve

24 Maggio 2010 at 2:46 PM

Pubblicato su AUTORI

Tagged with , ,

IL DIRITTO AL FUTURO

di PANCHO PARDI

La mobilitazione degli studenti contro la legge Gelmini è il fatto più interessante. Così tanto che mi fa accantonare il proclama da miles gloriosus che Berlusconi ha dettato prima di partire per la Cina: darò disposizioni a Maroni su come usare la polizia contro le occupazioni. Salvo rimangiarsi il giorno dopo la minaccia. Con l’aggiunta di una battuta di involontario umorismo: verità e informazione sarebbero ormai definitivamente separate. Se lo dice lui…

Prima ancora che per la sua larghezza, la mobilitazione è interessante perché mette in discussione l’avvenire. Gli studenti, dalla media all’università, sono usciti fuori dal guscio dell’indifferenza, più o meno appagata, che sociologi, sondaggisti e pensatori vari attribuivano loro.

Leggi il seguito di questo post »

Written by Arminio

28 ottobre 2008 at 2:05 PM

CANTIERE COMUNE

L’evento rappresenta un’importante occasione per AQUILONIA, piccolo centro dell’Alta Irpinia, e avvia la collaborazione con tre importanti Atenei italiani.  da giovedì 23 a domenica 26 ottobre 

di enzo tenore

COMUNE DI AQUILONIA –  CANTIERE COMUNE  – LABORATORIO DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA ED URBANA

Prove tecniche di progettazione partecipata nel Comune di Aquilonia, dove giovedì mattina arriveranno circa 60 studenti della Facoltà di Architettura di Ascoli Piceno per svolgere un laboratorio di progettazione urbana. L’evento è stato organizzato dal Comune di Aquilonia, in collaborazione con l’Università di Camerino – Facoltà di Architettura di Ascoli Piceno, in particolare Leggi il seguito di questo post »

Promoveatur ut amoveatur………

la festa dei giovani organizzata in autonomia il 27 agosto 2008 a Sant'Angelo dei Lombardi

la festa dei giovani organizzata in autonomia il 27 agosto 2008 a Sant

Forse perchè scottato da una precedente esperienza, da qualche tempo mi ossessiona questo pensiero: per chi non conosce il latino la traduzione letterale è la seguente: ‘sia promosso purchè sia rimosso’.

Ed allora:
paradossi, assertività, imput subliminali, spunti deliranti di tipo maniacale pittosto che persecutorio o di riferimento, ironia, enigmi, parole dialettali, parole latine (spero mai inglesi), ricordi, fantasie, emozioni, rabbia, fiducia, speranza, utopia, realismo, pasta e ceci, aglianico del Taburno, feste, giovani, blog, poeti, scrittori, idiozia, imbecillità, buona fede, mala fede, caldo, sudore, spazzatura, vento, formicoso, movimento, autonomia, autodeterminazione, giovani, vecchi, morti, piazze, cantieri, scavi archeologici, il goleto, blog, comunità, provvisorie o meno, amici, nemici, invidia, cattiveria, disperazione, futuro, irpinia d’oriente, irpinia punto e basta, irpinia col sannio, partito democratico, sindaci, assessori, consiglieri comunali, mancati sindaci, de mita, mario sena, rosanna repole, gaetano sicuranza, onorevole de luca, onorevole iannaccone, berlusconi, bassolino, vinicio capossella, elda, angelo, enzo, michele, giuseppe, gerardo, nanosecondo, marco del bar, marco da milano, marco da pioltello, rosalia, morte, vita, fotografie, giornali, cronisti, edicole, malati sani, sani malati, omosessuali, intellettuali, intellettualoidi, sammy, magnum, targhe, cartelli, adesivi, manifestini, bar, nastro adesivo, piazza, fuossi, cantiere, agosto, settembre…………. Leggi il seguito di questo post »

Sentimenti d’immagini

cairano1.jpg

In natura nessun oggetto esisterebbe se non esistesse la luce. La luce disegna e crea le forme che noi vediamo perché queste riflettendo i raggi luminosi comunicano al nostro cervello la percezione dello spazio e delle cose. La quantità giusta di luce quindi ci permette di avere una nitida visione. Scattare molte fotografie stando molto attenti alle inquadrature e ai soggetti non sempre è il modo migliore di imparare bene, per esperienza molto di più ho appreso guardando e analizzando delle immagini che non scattandole. Per progredire e riuscire a ben comunicare, oltre ad un bagaglio Leggi il seguito di questo post »

dal goleto a castel del monte con la moto di federico II

Ieri sera, “viaggiando”, come al mio solito con la testa tra le nuvole dell’alta irpinia, sono arrivato all’Abbazia del Goleto… stavolta mi sono perso davvero e sono arrivato un pò tardi. Mi sono perso la prima parte (è stato ricordato un monaco benedettino, P.Lucio, che ha riaperto l’Abbazia 200 anni dopo la soppressione napoleonica; l’Abbate di Montevergine si oppose per 10 anni al proposito di P.Lucio; nel 1973 P.Lucio partì da Montevergine senza un libro e senza un abito di ricambio; con Lui l’Abbazia è risorta) . In compenso ho sentito la Messa …era parecchio tempo. Angelo è stata una “guida” speciale nell’accompagnarci a leggere la storia e l’architettura di un luogo fantastico. Giorni fà Vi parlavo delle “forme della comunicazione” e lì ne ho ritrovata una: “l’ottagono” (nei basamenti delle colonne della Chiesa di S.Luca -1250- opera delle maestranze inviate da Federico II da Castel del Monte al Goleto, in ossequio alla Badessa Marina II). La forma del Graal? La forma della “macchina del tempo” (o configurazioni del mutamento, o moto perpetuo?). Ho ritrovato le “forme della bellezza di molti luoghi” che ho visto nei miei viaggi con la mia moto del tempo. Oltre ai cerchi e alle spirali. Ieri sera ho anche conosciuto tante altre persone speciali (Antonio Vespucci e Antonietta Cassese da S.Andrea di Conza, Tonino Restaino e Emidio De Rogatis da Teora, Giuseppe De Mita senior, Antonio Ressa e Gianni Acquavivola da Nusco, Antonio Imbriano, il giovane Gerardo Policano, i già comunitari Giovanni Maggino, Pasquale Lodise, Antonio Luongo di Cairano, Arcangelo de la Locanda, i monaci goletani Paolo Maria – Roberto e Wilfried-). Siamo partiti dalle dune di silice del Presepe allestito da Antonietta, si cava da 8.000 -ottomila- anni in prossimità di Melfi, siamo passati per il sepolcro di mARCO pACCIO mARCELLO al Goleto da 2000 anni, alla viabilità Romana (da Aeclano per la Traiana e l’Appia), a Santa Felicita, all’asse viario (pellegrinaggi + armenti) Picentia-Monte Sant’Angelo con sosta alle sorgenti dell’Ofanto (e quindi al Goleto), a S.Guglielmo e al suo terzo pellegrinaggio mancato, a Marina II, a Federico II, a Giulio II … alle 10 e 30 eravamo in otto intorno alla colonna ottagonale … in un council improvvisato. Siamo quindi passati da Teora (baricentro tra le civiltà di Oliveto e Cairano), col toro sannita nello stemma a Pescopagano con la petra del Giano bifronte. Abbiamo degnamente ricordato i nostri protostorico-genetici irpino-sanniti, guidati dal lupo che infine ha accompagnato S.Guglielmo -patrono dell’Irpinia- entrando in s.Pietro nella navata principale – lato dx. E i longobardi con il culto dell’Angelo, dell’Arcangelo, da Sant’Angelo (dei Lo/mbardi) a Monte S.Angelo. E ancora le fondazioni abbaziali di Guglielmo (dal Goleto verso l’Oriente a cui tendeva): S.Michele a Monticchio, S.Maria di Pierno, passando per Lagopesole, Venosa e … Castel del Monte. / E’ bella l’idea che Angelo ci ha proposto: andare a visitare Castel del Monte costruito da Federico II -che ne dite di un viaggio a piedi?- La ritengo molto importante e quasi per me una scelta obbligata (poi capirete perchè). Alcune delle “forme” architettoniche che si trovano nel Castel del Monte, Angelo le ha ritrovate nell’Abbazia del Goleto. Ho spiegato, a tutti gli amici presenti nel cerchio di ieri sera, che la ricerca, il viaggio che stiamo facendo, non è casuale. Le “forme” geometriche di Castel del Monte (in primis l’ottagono), delle Piramidi, di Stonehenge e di alcune colonne della chiesa di S.Luca corrispondono al numero aureo di Fibonacci… sull’argomento tempo fa ho scritto delle cose. // Trovate il (vostro) tempo e leggete …(questi i due link) http://www.girodivite.it/Le-nuove-frontiere-della-fisica.htmlhttp://www.girodivite.it/Renato-Palmieri-ci-apre-una-porta.html saluti da Enzo Maddaloni (nanosecondo) e da Angelo Verderosa

info sul Goleto: www.goleto.it

per vedere le foto della Piazza (Premio Intraluoghi 12007): http://www.flickr.com/photos/verderosa/sets/72157603301906895/

il videoclip nella Cappella di S.Luca

Il “GIARDINIERE” ricorda Padre Lucio

Oggi pomeriggio mi sono recato al Goleto alla commemorazione di Padre Lucio, e mentre guardavo le diapositive con cui Angelo Verderosa illustrava la storia dell’Abbazia, con la mente ritornavo a quei giorni d’estate agli inizi degli anni settanta quando un gruppo di ragazzi e ragazze di cui facevo parte anch’io, provenienti da ogni località d’Italia per le vacanze estive a Nusco, a piedi scendeva alle – allora – rovine del Goleto, per visitarle e per conoscere Padre Lucio. Erano quelli anni di grandi fermenti politici e ideali ed eravamo affascinati dalla scommessa di Padre Lucio di far rivivere quelle pietre, di costruire una comunità attorno a degli ideali che noi giovani studenti alquanto confusamente, mischiavamo con i capovolgimenti di anni belli e terribili. Stavamo ore seduti sulle pietre a discutere con lui anche animatamente ma senza mai perdere di vista la prospettiva che lui ci raccontava come se fosse cosa viva: far rivivere il Goleto. Credo che ci sia riuscito, anche se lui non ha potuto vederlo – e mentre ritornavo in macchina a casa, vedevo le luci dell’Abbazia nella notte della valle dell’Ofanto illuminata come un faro di speranza per viandanti senza meta. Padre Lucio ha vinto la scommessa! __ Il giardiniere 4/1/2008

le foto della cerimonia di dedicazione della Piazza a P.Lucio Maria De Marino al Goleto http://www.flickr.com/photos/verderosa/sets/72157603649051470/

piazza a guardia

Caro Cipriano, a causa dei misteri insondabili di internet, leggo solo ora il tuo messaggio/poesia.
Piazza
Il progetto è stato rimaneggiato, nella parte finale del cantiere, in loco dall’ufficio tecnico – amministrazione, che per le finiture più importanti hanno deciso di procedere e appaltare in proprio : panchine, dissuasori, chiusini, fontana; gli alberi erano previsti di tiglio ….
Ritengo comunque che ne è scaturito uno spazio vero, omogeneo, di belle proporzioni;
uno dei pochi in irpinia rimasto al centro dell’abitato e pavimentato interamente in pietra.
Le imperfezioni sono lette dagli occhi più acuti; anche per me è sofferenza vedere più le cose non fatte alla perfezione che il senso complessivo dell’intervento. Mi rinfrancano le corse dei bambini sullo spazio protetto e i ragazzi che si siedono sui gradoni e ai piedi della stele.

Written by comunitaprovvisoria

23 luglio 2007 at 9:03 PM

Pubblicato su Angelo Verderosa _

Tagged with , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: