COMUNITA' PROVVISORIA

terra, paesi, paesaggi, paesologia _ il BLOG

Posts Tagged ‘poesia

L’edificio a gradoni

una poesia di adelemo ruggieri

È durata poco la tempesta, dieci anni,
cosa vuoi che siano? “Un soffio”.
Lo capisco con estrema precisione
mentre ti raggiungo, quel soffio,
all’edificio orrendo, quello nuovo,
all’ennesima rotonda, cinque piani
sfalsati, ellissi e cerchi e non so che altre
forme ancora, un rumorio sfacciato
di forme senza forma.

Leggi il seguito di questo post »

Written by Arminio

16 luglio 2011 at 8:44 am

Pubblicato su Adelelmo Ruggieri

Tagged with

il tema

parlo della morte dei paesi
ma il mio tema è la morte
la mia morte.
non c’è niente da fare
la vita serve a essenzialmente
a distrarci dalla morte
la vita non ha una sua ragione
più forte
è appena una diga di carta
un piccolo straccio
per asciugare
il mare nero in cui siamo immersi
il mare il male
Leggi il seguito di questo post »

Written by Arminio

15 luglio 2011 at 7:11 am

Pubblicato su Franco Arminio _

Tagged with

Gaetano Calabrese poeta errante dell’Irpinia presenta

Written by A_ve

17 maggio 2011 at 3:36 pm

invito da gaetano calabrese

invito da gaetano

Written by A_ve

7 marzo 2011 at 3:19 pm

Pubblicato su AUTORI

Tagged with , , ,

ANTONELLA

_una poesia di MONIA GAITA  

Antonella,

lo so quel che signìfica recìdere le véne alle radici

e reclutare mano d’òpera di fòrza e di reazióne necessària e rediviva

nel cammino.

Non è per rappresàglia contro chi non ti aiutò che andasti fuòri,

ma fu il caràttere corsivo regolare d’ un lavóro piantasémi

a sciògliere il cortèo dell’indeciso

lungo le còstole di pèttine appuntite del partire.

  Leggi il seguito di questo post »

Written by A_ve

21 dicembre 2010 at 10:42 am

Pubblicato su AUTORI

Tagged with ,

giovanni ventre (e il treno)

Lento il treno avanza

sui binari sembra danza,

tutti gli occhi ai finestrini

assai belli i paesaggi irpini.

 

Fu De sanctis a volerla

del firmamento nuovo astro,

una cometa annunciatrice

per l’Irpinia di speranza nastro

 

Tanta gente ha trasportato  

centovent’anni avanti e indietro,  

contadini, militari, studenti ed emigranti

 ha dato tanto a tutti quanti.

 

Leggi il seguito di questo post »

Written by A_ve

1 dicembre 2010 at 1:42 pm

Pubblicato su AUTORI

Tagged with , , ,

LA NEVE NEL CUORE

di Donato Salzarulo

Le vedo in trasparenza,

soltanto nel cono di luce

del lampione.

I

Michela, la prima figlia, ogni tanto

mi consiglia di chiudere,

di serrarsi nel giardino delle nostre

delizie, dei nostri batticuori,

dei nostri sguardi d’amore.

Cosa puoi fare, del resto, papà?

Cosa possiamo fare per toglierci

di dosso questo male?

Leggi il seguito di questo post »

Written by Arminio

26 novembre 2010 at 11:31 pm

Pubblicato su AUTORI

Tagged with ,

da monia gaita

“Il mio paése” / di  Monia Gaita

E’ circondato il mio paése da una coróna incalcolàbile di vènti crepitanti,

una coróna di spine, un còrpo armato di stélle,

un àmpio indìzio di córse di cinghiali

che impóngono tributi di paura imprecisàbile a campagne

dóve i falchétti segnalano il confine tra l’incantésimo di fichi néri e bianchi

e  fùlmini che incartano partènze.

Leggi il seguito di questo post »

Written by comunitariamente123

25 novembre 2010 at 1:24 pm

Pubblicato su AUTORI

Tagged with , ,

CHI COMANDA, LA NOTTE, LA REPUBBLICA ITALIANA?

 di Andrea Di Consoli

Chi comanda, la notte,

la Repubblica italiana?

Le luci degli uffici sono spente,

i computer disconnessi

– solo, lampeggiano

piccoli punti colorati -,

il Palazzo del Governo è sbarrato,

Leggi il seguito di questo post »

Written by soter54

9 febbraio 2010 at 8:32 pm

Pubblicato su AUTORI

Tagged with ,

pasquale stiso e la terra d’alta irpinia

DSC_0090da Laura E. Ruberto / California  > Con le notizie del Formicoso, mi metto a leggere il poeta di Andretta, Pasquale Stiso.

“Terra d’Alta Irpinia” _ Pasquale Stiso

– – –

Terra

terra d’Alta Irpinia

estranea

come una matrigna

battuta

da tutti i venti

oppressa

per lunghi mesi

dalla neve.

Plaga del Formicoso

desolata

assetata

di corsi d’acqua

e di verde

ove il grano

cresce rachitico

roso dai geli

flagellato dalla tramontana

e il granoturco

di settembre

è ancora tenero come il latte.

Leggi il seguito di questo post »

Ogni cuore, ogni paese

___ di Adelelmo Ruggieri  >>>  Messa su un monte roccioso… antichissima… priva di acqua: produce vino… aria salubre…

 Così lo descrisse Giuseppe Chiusano questo posto alto poco più di ottocento metri che sembrano molti di più…

 È una domenica mattina di giugno. Ho messo la sveglia alle quattro. Volevo raggiungere gli amici comunitari e per niente provvisori che avevano fatto notte, e ora stavano aspettando l’alba…

 Eccoli. /  Saremo una ventina di persone. C’è anche Franco.

Leggi il seguito di questo post »

Written by Arminio

2 luglio 2009 at 2:59 am

Pubblicato su AUTORI

Tagged with , , ,

Antonio La Penna, il poeta inquieto della ragione

 

NELLA TERRA DI MEZZO – di Paolo Saggese

 

Antonio La Penna (Bisaccia, 1925) è uno dei maggiori intellettuali che l’Irpinia ha donato all’Italia: illustre latinista, già docente presso l’Università di Firenze e la Scuola Normale di Pisa, è un antichista di fama internazionale, ma con forti interessi anche alle letterature italiana ed europea -, come testimonia la sua sconfinata produzione saggistica.  

L’insigne studioso ha scritto anche poesie, dalla metà degli anni ’40 sino ad oggi, ed ha pubblicato due raccolte poetiche, e più di recente pièces teatrali di ispirazione “oraziana”. Molte poesie, d’altra parte, sono “disperse” su riviste letterarie; pertanto, sarebbe utile raccoglierle in volume. Leggi il seguito di questo post »

Written by comunitaprovvisoria

23 aprile 2009 at 9:50 am

vi aspetto

pomeriggio col petto squarciato.

e parlo e parlo ancora

io che non ci sono più

che non ci sono mai stato

in questo mondo 

in questo corpo che di me

porta solo l’ansia.

Leggi il seguito di questo post »

Written by Arminio

22 marzo 2009 at 6:25 pm

Pubblicato su Franco Arminio _

Tagged with , , ,

una poesia di valerio magrelli per la festa di Cairano

Valerio Magrelli è stato invitato alla festa di Cairano ma non può venire. A chi non sarà presente fisicamente chiederemo un contributo ideale. Questo è il contributo di Magrelli.

Babbo Natale gnostico

Quest’anno il bambinello non ha portato doni,

ma ci ha portato via un ragazzo dolce, appena di vent’anni

ucciso da un pirata della strada.

Leggi il seguito di questo post »

Written by Arminio

8 febbraio 2009 at 9:36 pm

Pubblicato su AUTORI, CAIRANO 7x

Tagged with , ,

Luisa Martiniello, la poetessa del ritorno

NELLA TERRA DI MEZZO  __ di Paolo Saggese

Nel commentare la rubrica “Nella terra di mezzo”, molti irpini si mostrano stupiti per la ricchezza culturale di questa provincia: sembrano increduli, quasi meravigliati. Possibile, dice qualcuno, che l’Irpinia è così ricca, e non me ne sono mai accorto!

Questo commento ci riempie di gioia, perché “hoc erat in votis” – per dirla con Orazio -, questo era il nostro obiettivo, era nei nostri desideri nascosti. “Nella terra di mezzo” è uno specchio in cui possiamo riconoscerci, perché è la nostra storia che attraverso fotogrammi nitidi ci racconta l’anima di questo lembo di terra piccolo quanto si voglia eppure fecondo non meno di altri.

In questo lembo di terra è nata Luisa Martiniello, figlia d’arte, poetessa, scrittrice, saggista, docente di materie letterarie presso il Liceo Classico di Mirabella Eclano, dopo molti anni d’insegnamento nell’hinterland milanese. Leggi il seguito di questo post »

Written by alfonson

27 gennaio 2009 at 9:25 am

Vincenzo D’Alessio. Poeta di lotta e di passione

Nella TERRA di MEZZO  –  di Paolo Saggese

 La “poesia del Sud” ha un timbro diverso dalla “poesia del Nord”. Con questo non si vogliono indicare priorità o preferenze, ma solo diversità. All’interno delle diversità si possono poi cogliere le somiglianze interne a questa poesia meridiana, ovvero nata nell’alveo antico del Mediterraneo. Questa poesia del Sud è poesia di lotta e di passione, come ci ha insegnato Scotellaro o ancora Quasimodo, Gatto, Compagnone, Vittore Fiore.

Questa poesia impegnata mi è piaciuto definirla “meridionalista”, perché pone, sulla scia di Dorso, di Rossi-Doria, e prima di Gramsci, al centro i problemi del Sud.

La poesia vera, comunque, non ha nazionalità o etichette. È poesia vera e basta.

Leggi il seguito di questo post »

Written by alfonson

20 gennaio 2009 at 6:33 am

venticinquesimo anniversario del terremoto

nel centro di conza nuova fervono

i lavori, ci sono

giochi per bambini che non ci sono

e poi sculture d’arte moderna

senza ammiratori.

Leggi il seguito di questo post »

Written by Arminio

9 gennaio 2009 at 6:58 pm

nel primo anniversario del terremoto

in mezzo alle rovine c’è un pallore
aperto, disperato.
tutta la famiglia si stringe
intorno ai vetri
della cristalliera, dentro
le tazze, tra le ceramiche
e le bomboniere. __ franco arminio

Written by Arminio

5 gennaio 2009 at 10:50 pm

Pubblicato su Franco Arminio _

Tagged with ,

Pasquale Stiso, il poeta della cività contadina

nella TERRA DI MEZZO

di Paolo Saggese

 

 

Quarant’anni fa, moriva Pasquale Stiso (Andretta 1923 – Avellino 1968), intellettuale impegnato, pubblicista brillante, sindaco del suo paese (1952-1956), consigliere provinciale del Pci (con le elezioni del 1956 e del 1961), e soprattutto poeta “meridionalista” tra i più ispirati della nostra terra. Non a caso, la sua figura è stata assimilata a quella del poeta-sindaco Rocco Scotellaro.

Di questo poeta, che consacrò la sua vita ai contadini d’Irpinia, alle donne d’Irpinia, molte opere (poesie e commedie) sono ancora inedite, e si auspica quanto prima un’edizione, che possa colmare una lacuna che a noi sembra insopportabile. Intanto, ascoltiamo alcune sue poesie, che in questa festa del Primo Maggio risultano particolarmente indicate, perché Stiso fu poeta vero, dei contadini e degli operai del Sud. Alle donne di Andretta ha dedicato, ad esempio, questa poesia: “Le donne del mio paese / voi non le conoscete / a trent’anni sono già vecchie / e il loro volto è duro / come la terra che lavorano. / Non c’è sorriso / sulla bocca amara / delle donne del mio paese. / Leggi il seguito di questo post »

Written by alfonson

23 dicembre 2008 at 9:49 am

Pubblicato su AUTORI

Tagged with , , , ,

UNA POESIA DI ANTONELLA ANEDDA

Malas mutas

 

Anti isparau in sa cara a sos duos fratros

sos gathiles incrunant sa matta

la faghen niedda prus ki s’achina in sa cupa.

Sa luna chilliat in su core de l’Isula

su silenzio irfossa in sa Bidda des Gurules mortas.

Leggi il seguito di questo post »

Written by Arminio

22 dicembre 2008 at 8:44 am

Pubblicato su AUTORI

Tagged with , ,

conversazioni

era molto che non parlavano di dio.

forse a parlarne c’erano altri

e c’ero io, forse eravamo

umanamente comprensivi

del nostro non comprendere

Leggi il seguito di questo post »

Written by Arminio

22 dicembre 2008 at 12:16 am

Pubblicato su Franco Arminio _

Tagged with ,

FRIGENTO

si viene qui per visitare il cielo

o per guardare altri paesi da lontano.

si viene qui senza aspettarsi

una bellezza concitata, qualcosa che ci buchi

le costole o dia fuoco ai cuscini su cui dormiamo.

frigento è un umano insediamento

Leggi il seguito di questo post »

Written by Arminio

20 dicembre 2008 at 10:58 am

Pubblicato su Franco Arminio _

Tagged with , , , ,

LA RADICE DI UN’ALTRA STORIA

DEDICO QUESTA POESIA A ROBERTA GIMIGLIANO. E CHIAMO LEI E TUTTI GLI ALTRI ALLA RADICE DI UN’ALTRA STORIA  _franco arminio

passano mucche sulla lingua e crescono
fili d’erba
è l’ultimo giorno dell’umanità
e passerà nel consueto dormiveglia.
Leggi il seguito di questo post »

Written by Arminio

16 dicembre 2008 at 11:42 am

Pubblicato su Franco Arminio _

Tagged with , ,

UNA POESIA DI FRANCESCO MAROTTA

(Madre di creature ferite, VII – Da Hairesis)

 

Luminescenti segnali di festa in ogni strada –

ai margini, come seguendo orme

senza suono,

il passo ampio di chi si impenna e vola

dove il silenzio è madre,

il dono di un’ora che si trascina

fino a che il mondo emerge dalla sua pelle infetta

e si abbandona al richiamo

del lume che tace nel profondo (il papavero

intanto

assorbe nel colore

i nomi in cui trapianta la sua sera, la nuda piaga

delle spighe sradicate) –

Leggi il seguito di questo post »

Written by Arminio

30 novembre 2008 at 10:30 pm

Pubblicato su AUTORI

Tagged with , ,

Festival della Poesia dei Paesi del Mediterraneo

di Paolo Saggese

 

Riprende il Festival della Poesia dei Paesi del Mediterraneo, con la quinta giornata, dedicata alla Poesia napoletana del Novecento. Dopo la prima giornata, il 18 ottobre, di riflessione su Quasimodo e la poesia meridiana, dopo il 14 novembre, tappa dedicata all’Irpinia, all’emergenza del Formicoso, con la presentazione della plaquette “Versi per il Formicoso”, dopo la giornata internazionale del Sancarluccio, Napoli, il 17 novembre, sulla poesia portoghese del Novecento, dopo l’incontro del 22 novembre dedicato a Pasquale Martniello, il 1° dicembre, ore 18.00, si torna nuovamente al Sancarluccio, appunto con la Leggi il seguito di questo post »

Written by A_ve

27 novembre 2008 at 5:32 pm

UNA POESIA DI DONATO SALZARULO

L’ANIMA E IL RESPIRO

 

Ho cercato Anima nel Dizionario

di Galimberti e l’ho trovata. 

Due pagine fitte in corpo otto o dieci forse

per dire che già nelle culture primitive

circolava distinta dal corpo

del portatore, in grado di sopravvivergli

oltre la morte o addirittura di migrare

e reincarnarsi.

“Anemos” vuol dire “vento”

e l’anima come vento si autotrasporta

di porta in porta, di finestra in finestra.

Leggi il seguito di questo post »

Written by Arminio

21 novembre 2008 at 6:27 pm

Pubblicato su AUTORI

Tagged with , , ,

LE VIE DEL CENTRO

di Tiziano Scarpa

La pavimentazione
di Kalelarga e delle vie del centro

è in marmo bianco lucido.
 
Non credo di aver visto
nulla di simile, se non ad Ascoli,
ma solo nella piazza principale.
 
Non statevene fermi.
Strusciate i vostri passi,
contribuite alla levigatura!
 
Leggi il seguito di questo post »

Written by Arminio

18 novembre 2008 at 9:21 pm

Pubblicato su AUTORI

Tagged with ,

UNA POESIA DI MONIA GAITA

“Archègeti”

 

Con ùnghie di clamìforo

non ho mai smésso di cercarti,

anche quando facevi orécchie da mercante

al mio soffrire

ed i coloritòri a tèmpera del bène

si coagulàvano

in colonnati di distanza.

 

Leggi il seguito di questo post »

Written by Arminio

16 novembre 2008 at 4:47 pm

Pubblicato su AUTORI

Tagged with , ,

Poeti e poetiche a confronto

 

 

 

Ugo Piscopo

 

il poeta dell’intellettualità sperimentale

 

 

Claudia Iandolo

 

la scrittrice della modernità

 

                      NELLA TERRA DI MEZZO

 

di Paolo Saggese

 

È impresa ardua, impossibile, racchiudere in poche righe la poliedrica e straordinaria figura di Ugo Piscopo (Pratola Serra, Av, 1934), critico letterario, teatrale e d’arte, storico della letteratura, saggista e polemista, scrittore di romanzi e di pièces teatrali, poeta, autore di saggi sulla scuola e per la scuola, di storia, giornalista pubblicista, traduttore, tra le firme più importanti del giornalismo culturale campano, mentre dal punto di vista Leggi il seguito di questo post »

Written by alfonson

11 novembre 2008 at 10:19 am

IL SILENZIO DEL PAESE

 

di franco arminio

Oggi sentivo il silenzio del paese,

veniva dalle faine sparite,

dai ragni che hanno perso

le loro tele,

dai topi avviliti dentro le cantine

vuote,

Leggi il seguito di questo post »

Written by Arminio

9 novembre 2008 at 11:32 pm

Pubblicato su Franco Arminio _

Tagged with , , ,

LE FASI DI UNA VITA

ancora una poesia inedita per la comunità provvisoria, ancora un grande poeta: stefano dal bianco. buona lettura _ armin

a Raffaella
Adesso che siamo quasi vecchi

e abbiamo anche degli eredi

per sangue o elezione,

adesso che la maturità bussa alle porte,

non aspettata ma con un’aria già di tipico trionfo,

come se fosse una cosa acquisita, una forma

di personalità raggiunta a suon di botte,

come racconteremo noi le scelte del passato,

e del perché siamo ora qui, e non altrove?

Leggi il seguito di questo post »

Written by Arminio

4 novembre 2008 at 11:24 pm

Pubblicato su AUTORI

Tagged with ,

FEDE E POESIA

 

 

 

Alfredo Bonazzi,

l’uomo redento dalla fede e dalla poesia

 

 

Elisabetta Cappa,

la poetessa di Dio

 

                      NELLA TERRA DI MEZZO

 

di Paolo Saggese

 

A volte il destino di un uomo rende possibile l’impossibile, può redimere o annientare, assolvere o condannare. La storia che cercheremo di raccontare è una di queste, perché è quella di un omicida divenuto poeta.

Questo poeta è Alfredo Bonazzi (Atripalda, 1929), un uomo la cui vita è stata segnata dalla sofferenza, dal dolore, dalla colpa, ma anche dal rimorso e dall’approdo ad una fede profonda, dopo un omicidio, più di dieci anni di reclusione, e la grazia, nel 1973, firmata Leggi il seguito di questo post »

Written by alfonson

4 novembre 2008 at 9:40 am

Tombeau de Totò

metto qui una poesia inedita inviatami per la comunità provvisoria da valerio magrelli, uno dei più grandi poeti di questa piccola terra tonda. un abbraccio a lui e a tutti i suoi lettori.  _ armin

****
Totò diventa cieco, da vecchio.
Tutto quell’agitarsi disossato
per finire nel buio.
Un muoversi a tentoni,
un zigzag nelle tenebre.
Ma è vero anche il contrario:
Totò diventa vecchio, da cieco.

Me lo ricordo ancora, sotto casa, in civile,
che traversa la strada a un funerale,
tra due ali di folla impazzita per lui.
Leggi il seguito di questo post »

Written by Arminio

3 novembre 2008 at 11:38 pm

Pubblicato su AUTORI

Tagged with , , , , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: