COMUNITA' PROVVISORIA

terra, paesi, paesaggi, paesologia _ il BLOG

A PROPOSITO DI TRENO …

Riceviamo dalla Sicilia questo bellissimo articolo che mostra come se si vuole funzionano le ferrovie.

http://ferroviekaos.it/component/content/article/1-ultime/84-akragas-express-3000-viaggiatori-in-un-anno-video.html

 

Risultato straordinario quello conseguito da Ferrovie Kaos, associazione convenzionata dal febbraio del 2010 con Rete Ferroviaria Italiana, in appena un anno di attività ferroviaria vera e propria. Sono trascorsi 365 giorni esatti dall’effettuazione del primo treno speciale Akragas Express (1 giugno 2010) con a bordo un centinaio di giovani studenti della scuola elementare Esseneto di Agrigento.  Da allora, grazie al consolidarsi dei rapporti di collaborazione con la direzione commerciale Sicilia di Trenitalia, è stato un continuo crescendo di successi decisamente inaspettati.

Innanzitutto: mai e poi ci saremo aspettati così tante richieste per effettuare un treno speciale lungo la ferrovia dei templi. Segno che gli agrigentini, e non solo, considerano la “Agrigento Bassa – Porto Empedocle” un patrimonio da tutelare e valorizzare. Se consideriamo che tra il primo giugno del 2010 ed il maggio del 2011 oltre 3000 viaggiatori hanno avuto modo di salire a bordo del Treno Akragas Express, di visitare la stazione-museo di Porto Empedocle, e di accedere comodamente alla Valle dei Templi e al Giardino della Kolymbetra attraverso la fermata del Tempio di Vulcano, possiamo parlare di un risultato che ci riempie d’orgoglio e ci ricompensa per gli enormi sforzi posti in essere da tutti i soci di Ferrovie Kaos per recuperare l’area ferroviaria empedoclina.

Un risultato, ci piace sottolinearlo, che nessuna associazione fer-amatoriale del meridione d’Italia è riusciuta ad eguagliare. I nostri più sentiti ringraziamenti vanno dunque ai vertici di Rete Ferroviaria Italiana Sicilia, la direzione commerciale di Trenitalia Sicilia, ed il Polo Territoriale di Ferservizi per aver creduto sin dall’inizio nei nostri progetti.  Un grazie anche al sindaco di Porto Empedocle, il recentemente riconfermato, Lillo Firetto che ha sostenuto con forza le tesi di Ferrovie Kaos sul recupero della ferrovia a Porto Empedocle. Un successo che non sarebbe arrivato, inoltre, senza la collaborazione dei nostri partners, ed in particolare del Fondo Ambiente Italiano di Agrigento, di Legambiente, del portale VisitAgrigento.it e dell’ente Parco di Agrigento.

Per il futuro Ferrovie Kaos continuerà a promuovere senza sosta la valorizzazione delle ferrovie siciliane, ed agrigentine in particolare, cercando sempre di sensibilizzare i più giovani all’utilizzo del treno. Vi proponiamo due video dell’Akragas Express  realizzati dal socio Marco Morreale l’8 ed il 18 maggio.

Giovanni Ventre

Written by chirchio

3 giugno 2011 a 4:53 pm

2 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Domani pomeriggio, lunedì 6 giugno 2011 è convocato il Consiglio Provinciale con all’odg anche la questione ferrovia Avellino_Rocchetta.

    Proprio ieri, sabato 4 giugno, ho ricevuto da un caro amico (appassionato sostenitore come noi di questa linea ferroviaria) questa mail con le relative foto allegate alla mail.

    Ciao Agostino,
    dopo 11 dicembre 2010, questa mattina ho fatto un piccolo sopralluogo tra Luogosano e Partenopoli, mentre ieri pomeriggio (sotto la piccola tempesta) ho dato una occhiata dall’Ofantina, in alcuni punti boscosi la situazione è veramente triste, la vegetazione ha inglobato i binari che non si vedono abbastanza bene, in altri tratti invece l’aggressione è stata leggera (vedi file in allegato). Che lacrime!!!
    Ciao da Salvatore

    N.B.: Questa linea non aprirà più. Compriamo un ALn 668 usato, così guiderò io….

    Dopo questa mail, quale sostenitore della linea e uno degli animatori dell’associazione In_Loco_Motivi, ho ritenuto condividere la suddetta mail, unitamente alle seguenti considerazioni, da cui è nata una nota su Face Book.
    https://www.facebook.com/notes/irpinia-turismo/che-lacrime/10150271778319740

    DI SEGUITO IL TESTO DELLA NOTA:
    In questi giorni ci sono stati vari incontri dove si è discusso “anche” di turismo, di promozione, di valorizzazione, di tutela, di salvaguardia ecc. ecc. del territorio, anzi di questo nostro “bel territorio”…..
    Da una parte si predicano (di prediche si tratta) buone intenzioni e attività da mettere in campo per rilanciare, salvaguardando, il nostro territorio, giustificando le spese “vane” dell’ultimo decennio come attività fatte perchè così prevedeva la normativa vigente, ma che di fatto sono state tutte senza alcun riscontro concreto per queste zone, dove ci è toccato anche ascoltare (e riascoltare) anche la giustificazione del fallimento dell’industrializzazione in Irpinia e la faccia tosta di chi ha il coraggio di chiedere ancora interventi “statali” e nuovi contributi per dette aree; assistiamo quotidianamente ad uno sfaldamento del territorio che “vanamente” corre ancora alla ricerca di contributi; nessuno che avanzi idee o almeno ipotizzi interventi “CONCRETI E FATTIBILI” per una vera salvaguardia del territorio e delle popolazioni.
    Chiacchiere al vento e soldi (pubblici) in fumo: di questo sui parla, mentre il territoprio “muore” nonostante la buona volontà e la disponibilità di “alcuni” cittadini ed associazioni.
    Da segnalazioni avute da altri amici promotori di iniziative simili a In_Loco_Motivi sul territorio nazionale abbiamo avuto la possibilità di leggere, in un articolo, il seguente testo relativo ad un’associazione siciliana:
    “Risultato straordinario quello conseguito da Ferrovie Kaos, associazione convenzionata dal febbraio del 2010 con Rete Ferroviaria Italiana, in appena un anno di attività ferroviaria vera e propria. Sono trascorsi 365 giorni esatti dall’effettuazione del primo treno speciale Akragas Express (1 giugno 2010) con a bordo un centinaio di giovani studenti della scuola elementare Esseneto di Agrigento. Da allora, grazie al consolidarsi dei rapporti di collaborazione con la direzione commerciale Sicilia di Trenitalia, è stato un continuo crescendo di successi decisamente inaspettati.”
    http://ferroviekaos.it/component/content/article/1-ultime/84-akragas-express-3000-viaggiatori-in-un-anno-video.html
    In Irpinia con In_Loco_Motivi abbiamo superato detta soglia, quindi grande successo, ma con un risvolto tutt’altro che positivo; le attività sono state soppresse a causa della soppressione della tratta che, seppur chiusa, continua a costare e ammiriamo ogni sera l’illunminazione “a festa” delle stazioni deserte ed inutilizate, ma con i semafori sempre attivi.
    Mi auguro che di fatto ognuno di noi si faccia portatore di sane idee “dal basso” che credo possano dimostrare come anche con poco si possano raggiungere risultati importanti e “VALIDI” per questa nostra meravigliosa Irpinia apprezzata da chiunque ha avuto la possibilità di visitarla, magari con adeguata “accoglienza”.

    Agostino Della Gatta – Irpinia Turismo
    Associazione In_Loco_Motivi.

    Irpinia Turismo

    5 giugno 2011 at 8:06 pm

  2. Bravo Ago, ma stiamo predicando nel nulla, questi amministratori non sentono le urla che la ferrovia lancia straziando i cuori di chi queste urla sente. Chi dimora lontano, chi non vuol sentire … mia madre mi diceva sempre che non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire. Ma noi andiamo avanti, dobbiamo andare avanti. Perchè non promuoviamo dei tavoli cittadini in tutta la provincia con lo scopo di informare i cittadini e allo stesso tempo costituire un comitato per la riapertura della tratta ferroviaria ??? Perchè non si organizzano gli stati generali della Avellino Rocchetta interessando anche la Puglia e la Basilicata … I nostri sindaci, tranne poche eccezioni sono assenti, colpevolmente assenti. Le associazioni , le Pro Loco … ma perchè nessuno si muove ???

    giovanni ventre

    6 giugno 2011 at 9:50 am


I commenti sono chiusi.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: