COMUNITA' PROVVISORIA

terra, paesi, paesaggi, paesologia _ il BLOG

Posts Tagged ‘andrea di consoli

QUALE IL SUONO DEL QUADERNO DI LEGNO ?

di  Salvatore D’Angelo  _ Posto qui ancora poesie di Andrea Di Consoli, tratte dal suo QUADERNO DI LEGNO, e rileggendole mi domando, appunto, quale sarebbe il suono di questo quaderno di legno. Qui ne propongo alcune dalla sezione n. 7, quella che va sotto l’epigrafe di “Pagana e oscena filosofia del paese”.

La sequenza è casuale, non è quella impaginata nel libro. So di fare cosa parzialissima, arbitraria, perché il libro va letto nella sequenza proposta, per  non perdere il fascino del “racconto”, ché di un racconto si tratta, o meglio, del movimento “raccontato”  del pensiero e del sentimento della vita e della morte, dell’io e di Dio, dell’essere e del nulla, dello sgomento – perfino della depressione  che questo può creare -, della rabbia, della malinconia, della lucida, disperata ansia della ragione, dell’io impossibilitato, perché esso stesso frantumato, a raccontare una “realtà” frantumata, fatta di mille superfetazioni che ne annullano l’essenza, vanificandone i punti di riferimento; e dell’ansia  a “raccontarlo” tutto questo – anche con durezza e scandalo (penso al Reparto n. 9 nel fondo


Leggi il seguito di questo post »

Written by soter54

16 febbraio 2010 at 3:00 pm

Pubblicato su AUTORI

Tagged with ,

I BUCHI NERI DELLA MEMORIA

di Andrea Di Consoli


HERBERT LIST



 

L’alba romana ha colori rossi e bianchi

e uccelli esperti in esoterici scarabocchi              .

In questo scenario, ogni mattina,

prima di dimenticare,

io cerco di ricordare.

Mi sovvengono sempre le stesse cose:

il natale dell’ 89, l’Hotel Amaca,

l’improvviso buio nella piazza.

Il resto non me lo ricordo più.

Leggi il seguito di questo post »

Written by soter54

15 febbraio 2010 at 1:42 pm

Pubblicato su AUTORI

Tagged with

CHI COMANDA, LA NOTTE, LA REPUBBLICA ITALIANA?

 di Andrea Di Consoli

Chi comanda, la notte,

la Repubblica italiana?

Le luci degli uffici sono spente,

i computer disconnessi

– solo, lampeggiano

piccoli punti colorati -,

il Palazzo del Governo è sbarrato,

Leggi il seguito di questo post »

Written by soter54

9 febbraio 2010 at 8:32 pm

Pubblicato su AUTORI

Tagged with ,

9 gennaio 2010- 1° seminario di paesologia

<<COMPRATE la TERRA, è un bene CHE NON Se ne PRODUCE PIU’>> …  “a grande richiesta”  il ‘post’ rimane in prima pagina per un altro po’ di giorni; i COMMENTI sul Seminario del 9 gennaio 2010 (ormai è storia) si infilano qui (siamo ben oltre i 200). I commenti sono liberi; non è attivata alcuna moderazione (quando capita è per meri problemi tecnici di wordpress tipo link, sprawl, ecc.)_  E’ possibile inserire i TESTI per l’ALMANACCO come commento, saranno poi ripresi come ‘post’.  (viva pasquale innarella) ECCO LE  FOTO : http://www.flickr.com/photos/verderosa/sets/72157623056743917/show/ 

sabato 9 GENNAIO 2010 la COMUNITA’ PROVVISORIA ha tenuto il 1° SEMINARIO di PAESOLOGIA nel Castello d’Aquino a  Grottaminarda (avellino), uscita sulla A16 Napoli-Bari.

Gli atti del seminario saranno curati e raccolti da Mauro Orlando; coordinamento operativo, grafico e di impaginazione : Amici della Terra; gli interventi (corredabili di immagini) devono essere spediti (oltre che messi nei commenti) ad amiterav@libero.it _ Nelle prossime ore Luca Battista pubblicherà un post operativo per la realizzazione del catalogo.
– – Leggi il seguito di questo post »

IL CONFINO LUCANO DI CARLO LEVI (di Andrea Di Consoli)

Il libro più importante di Carlo Levi (Torino 1902 – Roma 1975), finanche a livello internazionale, è Cristo si è fermato a Eboli, pubblicato da Einaudi nel 1945. Il romanzo fu scritto a Firenze nei due anni precedenti, e rievocava, a quasi dieci anni di distanza, l’esperienza del confino in Lucania per attività antifascista. Quando Carlo Levi “scese” in Lucania, costrettovi dalla polizia fascista, aveva già all’attivo alcuni saggi sul Sud, come quello famoso su Antonio Calandra e “l’ottusa borghesia” meridionale pubblicato su La rivoluzione liberale di Piero Gobetti.

Prima del confino lucano, Carlo Levi, oltre alla laurea in medicina e chirurgia, aveva alle spalle una intensa attività pittorica, culminata, nel 1929, nella costituzione del “Gruppo dei Sei” (Gigi Chessa, Francesco Leggi il seguito di questo post »

Written by Arminio

30 novembre 2009 at 7:38 pm

Pubblicato su AUTORI

Tagged with , ,

dopo bonito RIPARTE LA COMUNITA’

logo-21-cm

testo della ‘comunità provvisoria’

Siamo appena tornati da bonito dove abbiamo tenuto una riunione della CP. Giornata piovosissma, eravamo in tanti, circa 30, ma i comunitari non presenti ci sono mancati.  La riunione è stata molto animata e partecipata, come sempre.

Accorati gli appelli a proseguire sulla strada primigenia della Comunità : Giovanni Ventre, Tonino Morgante, Michele Ciasullo, Agostino Della Gatta, Antonio Luongo, Claudio Calabritto, Sergio Gioia, Erberto di Cairano, Leggi il seguito di questo post »

un antropologo a cairano

5849_102735717023_626112023_2490911_8207910_ndi mauro minervino

Cairano, un pese minuscolo, il paese più piccolo della Campania, dove lo scrittore irpino Franco Arminio e il gruppo di «Comunità Provvisoria» hanno inventato un Festival atipico su decrescita, architettura e arti (Cairano 7x, Paesi, paesaggi, paesologia). Esperimento riuscito. Nei giorni scorsi si sono ritrovati a discutere a Cairano architetti, urbanisti, economisti, ma anche fotografi, pittori, artisti performativi, scrittori e poeti di tutta Italia. Tra gli altri sono stati a Cairano, Paolo Rumiz, Angelo Ferracuti, Andrea Di Consoli, Adelelmo Ruggieri, Antonella Anedda e Vinicio Capossela che si è esibito per il festival e ha letto pagine del Viaggio a Kuta.

 Cairano 7x (me)

La mia prima volta a Cairano. Ho deciso che ci arriverò in macchina. Un viaggio in solitudine, dopo aver risalito al mattino presto la Salerno-Reggio Calabria. La rotta per il Sud imboccata verso Nord, una volta tanto. Accanto al Leggi il seguito di questo post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: